Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 29 giugno 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 22 giugno 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  Lo schiarchimandrita Iov si è rivolto alla Chiesa sorella georgiana

di Alla Alekseeva

Unione dei giornalisti ortodossi, 25 gennaio 2019

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

lo schiarchimandrita Iov (Grishchenko)

Il monaco del monastero di Zverinets chiede alla Chiesa ortodossa georgiana di sostenere la Chiesa ortodossa ucraina durante le persecuzioni e di non riconoscere la Chiesa ortodossa dell'Ucraina scismatica.

Il monaco del monastero dell'Arcangelo Michele di Zverinets a Kiev, lo schiarchimandrita Iov (Grishchenko), a nome della Chiesa ortodossa ucraina, si è rivolto alla Chiesa ortodossa georgiana. Il testo dell'appello è stato pubblicato sulla sua pagina Facebook:

"Oggi l'Ucraina sta vivendo momenti difficili. Voi lo sapete in Georgia e vi preoccupate per l'Ucraina, ci sostenete in ogni modo, e noi sentiamo questo sostegno e vi ringraziamo per questo. Ma ora vi chiediamo, come nostri fratelli in Cristo, comunicanti allo stesso calice, di non lasciarci".

Lo schiarchimandrita ricorda che presto la Chiesa ortodossa georgiana deciderà se riconoscere o meno il Tomos ucraino.

"Stanno cercando di costringerci a ciò che non abbiamo richiesto - il cavallo di Troia dello scisma e della schiavitù, falsamente chiamato autocefalia", spiega il monaco. - Nella Chiesa ortodossa ucraina ci sono oltre 12.000 sacerdoti e 97 vescovi. E ci sono diverse opinioni riguardo all'autocefalia: alcuni di noi vogliono ottenerla, ma non vogliono che sia un progetto politico organizzato con lo scopo di promuovere la campagna elettorale di qualcuno. I politici vanno e vengono - e la Chiesa rimane nei secoli".

Lo schiarchimandrita Iov concorda sul fatto che tutti vogliono guarire lo scisma tra gli ortodossi ucraini, ma, secondo lui, questo è impossibile senza il pentimento degli scismatici. Si sofferma anche sulle dirette violazioni delle regole e dei canoni apostolici dei Concili ecumenici, causati dalla consegna del Tomos da parte del patriarca di Costantinopoli.

Il monaco parla anche delle calunnie e delle pressioni a cui il clero e i laici della Chiesa ortodossa ucraina sono stati sottoposti per diversi anni: "Le nostre chiese sono sequestrate, incendiate, dissacrate. I laici e il clero sono accusati calunniosamente di "lavorare per i nemici", proprio come hanno fatto i bolscevichi durante le loro persecuzioni. Il principio della Costituzione dell'Ucraina sulla non ingerenza dello stato negli affari della Chiesa è gravemente violato".

Lo schiarchimandrita chiede ai padri e ai fratelli preghiere e sostegno durante le persecuzioni: "Nella nostra amata Ucraina, come 100 anni fa, è giunto il momento di incarnare le parole del nostro Salvatore, il Signore Gesù Cristo: "Beati siete quando vi oltraggeranno e vi perseguiteranno, e diranno ogni malvagia parola contro di voi, mentendo, a causa mia. Gioite ed esultate, poiché grande è la vostra ricompensa nei cieli; così hanno perseguitato i profeti prima di voi".

Come ha riferito l'Unione dei giornalisti ortodossi, il metropolita Ioane di Rustavi della Chiesa ortodossa georgiana ha dichiarato: il Tomos, concesso dal Fanar alla Chiesa ortodossa dell'Ucraina, si ignora che la maggioranza degli ucraini ortodossi rimane sotto la giurisdizione della Chiesa ortodossa ucraina. E il Patriarcato di Georgia ha dichiarato l'inammissibilità delle pressioni da parte di politici e organizzazioni non governative per riconoscere la nuova chiesa.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8