Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 2 febbraio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  La Chiesa georgiana critica le pressioni contro di essa per riconoscere la chiesa nazionalista ucraina

Orthochristian.com, 22 gennaio 2019

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

foto: news.church.ua

Il Patriarcato di Georgia è sotto pressioni da parte di forze governative e non governative per riconoscere la nuova chiesa nazionalista ucraina, secondo il capo del servizio stampa del Patriarcato, l'arciprete Andria Dzhagmaidze.

Quelli che non sostengono l'autocefalia per gli scismatici ucraini vengono dipinti come presi da sentimenti filo-russi, mentre la Chiesa ha affermato che baserà la sua eventuale decisione sul diritto canonico della Chiesa, non su considerazioni nazionali o etniche. Per la Chiesa georgiana, tale pressione è inaccettabile.

Anche il Patriarcato di Gerusalemme è sotto forti pressioni per riconoscere la nuova struttura ucraina, sebbene abbia finora resistito alle pressioni.

"L'aumento delle pressioni sulla nostra Chiesa e sul nostro clero continua oggi con la convinzione che presumibilmente coloro che non sostengono la nuova struttura ecclesiastica in Ucraina hanno sentimenti filo-russi. Nel frattempo, la questione richiede un'attenta considerazione, poiché in entrambe le Chiese greca e slava non c'è un atteggiamento inequivocabile nei suoi confronti", ha detto padre Andria, e riferisce Interfax-Religion.

Ha anche notato che il problema è oggetto di studio da parte dei membri del Santo Sinodo e che la decisione sarà presa esclusivamente sulla base dei canoni.

Anche sua Santità il patriarca Irinej di Serbia e sua Beatitudine il metropolita Sawa di Polonia hanno dichiarato che le decisioni delle loro Chiese contro gli scismatici ucraini si basano sui canoni piuttosto che sulla politica, sebbene i sostenitori di Costantinopoli e i nazionalisti ucraini rifiutino di credere a tali dichiarazioni.

Inquadrando il problema come una questione di alleanze piuttosto che d'Ortodossia, l'arcivescovo Daniil di Pamphylon, uno dei due esarchi di Costantinopoli a Kiev, ha dichiarato in una recente intervista: "Certo, le chiese serba e antiochena dipendono dalla Chiesa ortodossa russa". La Chiesa antiochena ha anch'essa respinto la richiesta del patriarca Bartolomeo di riconoscere la nuova chiesa ucraina.

Il Santo Sinodo georgiano ha ripetutamente affermato che avrebbe atteso di vedere come si fossero sviluppate le cose riguardo all'Ucraina prima di prendere posizione. Più di recente, ha annunciato a dicembre che avrebbe rilasciato in questo mese una dichiarazione a tale proposito. L'outlet ucraino Cerkvarium ha riferito lunedì che 10 dei 46 vescovi hanno dichiarato apertamente il loro sostegno all'autocefalia ucraina, anche se non è chiaro se tutti stiano parlando in linea di principio o specificamente della nuova chiesa.

Sua Eminenza il metropolita Nikoloz (Pachuashvili) di Akhalkalaki, Kumurdo e Kari ha recentemente affermato che, mentre la Chiesa georgiana è in linea di principio per l'autocefalia ucraina, non possono servire con vescovi anatemizzati e autoconsacrati.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8