Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 2 febbraio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  "Noi siamo credenti in Cristo e amanti della Rus' kievana – Ucraina!", scrivono i fedeli ucraini a Poroshenko

Orthochristian.com, 18 gennaio 2019

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

foto: vesti-ukr.com

I parrocchiani della chiesa della Natività nel villaggio di Kurilovka nella regione di Dnepropetrovsk hanno inviato lettere a vari funzionari, tra cui il presidente ucraino Petro Poroshenko, in difesa di sua Beatitudine il metropolita Onufrij di Kiev e dell'Ucraina e dei fedeli della Chiesa canonica, come riferisce il sito ucraino Vesti.

"Vi rivolgiamo un appello affinché comprendiate le nostre preoccupazioni per lo stato spirituale dei cittadini dell'Ucraina, noi, persone concrete, e che non siamo provocatori religiosi o politici, non siamo una "quinta colonna" e aperti "agenti del Cremlino", come è diventato di moda per i politici di altissimo rango in Ucraina additare i fedeli della Chiesa ortodossa ucraina canonica, il cui capo è attualmente sua beatitudine il metropolita Onufrij, per screditarli davanti al mondo intero", si legge nella lettera.

"Siamo cresciuti nella cultura dell'Ucraina sudorientale e non abbiamo sentito il bisogno, nella nostra zona, nella nostra provincia o nelle province limitrofe del sud e del sud-est e nella maggior parte dell'Ucraina centrale, del "patriarcato di Kiev" oppure ora della "Chiesa locale", la cui creazione è stata decisa dalle autorità statali e dai membri del "patriarcato di Kiev", ma non da noi", scrivono i parrocchiani.

Inoltre, i pii fedeli si chiedono quale danno stiano facendo all'Ucraina come leali ucraini e devoti cristiani ortodossi.

"Che male facciamo noi, cittadini ucraini, vostri cittadini, che pregano per il loro esercito e le loro autorità e per la pace e la prosperità nelle chiese che abbiamo iniziato a erigere noi stessi e che intendiamo costruire in futuro? Noi costruiamo le nostre chiese con i nostri fondi, i nostri magri stipendi e salari, le pensioni e le donazioni da fedeli di tutto il mondo: dov'è il nostro crimine davanti allo stato? Solo in questo ci consideriamo come tali e non possiamo essere diversi nella nostra fede, nella nostra storia, nella nostra memoria, alla fine? Abbiamo bisogno di essere annientati per questo? Sì, la nostra Chiesa, la Chiesa ortodossa ucraina guidata da sua Beatitudine il metropolita Onufrij fa parte dell'Ortodossia universale attraverso la Chiesa ortodossa russa, quinta nei dittici della Chiesa ortodossa mondiale: dov'è il nostro crimine? O il nostro crimine è che non facciamo una guerra di principio, fisica o religiosa?", chiedono i fedeli.

"Noi resteremo nella nostra Chiesa, a prescindere dalle leggi assurde che adottano le autorità statali, violando categoricamente la costituzione dell'Ucraina, indipendentemente dal modo in cui vengono a rubare le nostre chiese o a terrorizzare i nostri sacerdoti e fedeli. Vi chiediamo di calmare le emozioni dei politici e dei funzionari zelanti nell'esecuzione frenetica di leggi affrettate dirette contro la coscienza umana, e di impedire e non permettere il sequestro delle nostre comunità da parte di nazionalisti iperattivi! Siamo stati e saremo ciò che siamo - credenti in Cristo e amanti della Rus' kievana - Ucraina!", scrivono i parrocchiani in conclusione.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8