Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 7 maggio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 22 giugno 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  Metropolita Nikoloz: non dovremmo affrettarci a riconoscere l'autocefalia della Chiesa ortodossa dell'Ucraina

di Ekaterina Filatova

Unione dei giornalisti ortodossi, 9 gennaio 2019

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

il metropolita Nikoloz (Pachuashvili) di Akhalkalaki, Kumurdo e Kari

Il rappresentante della Chiesa ortodossa georgiana ritiene che sia innanzitutto necessario stabilire la canonicità del clero della Chiesa ortodossa dell'Ucraina e studiare attentamente il testo del Tomos.

Non c'è niente di speciale o di dannoso se la Chiesa dell'Ucraina appena formata aspetta per un po' il riconoscimento della Chiesa ortodossa georgiana, ha detto il metropolita Nikoloz (Pachuashvili) di Akhalkalaki, Kumurdo e di Kari nel suo commento all'agenzia di stampa georgiana Interpressnews.

Secondo la sua opinione, in primo luogo, la Chiesa dovrebbe parlare dell'autocefalia ucraina, che nella gerarchia si trova prima di quella georgiana, ed è necessario studiare a fondo il testo del Tomos ricevuto dall'Ucraina, nell'originale, e non in una delle versioni tradotte.

In questo caso, il metropolita Nikoloz ha osservato che "in generale, la leadership della Chiesa ortodossa georgiana sostiene il diritto dello Stato ucraino di avere una Chiesa autocefala".

"Ma dobbiamo prendere in considerazione le condizioni in cui viene applicata quest'autocefalia", – ha detto. – In particolare, chi dovrebbe essere a capo della Chiesa dell'Ucraina, quali dovrebbero essere le altre figure spirituali. È molto importante stabilire la loro canonicità. Alcuni di loro erano stati precedentemente colpiti da un anatema riconosciuto da tutte le Chiese ortodosse, inclusa la Chiesa di Costantinopoli. Alcuni di loro, si scopre, sono vescovi autoproclamati. Come collaborare con loro? Non possiamo riconoscerli come tali".

Inoltre, il metropolita ha attirato l'attenzione su una pericolosa, a suo parere, formulazione contenuta nella lettera che la Chiesa georgiana ha ricevuto da Costantinopoli.

"Al Sinodo abbiamo discusso della lettera ricevuta dal Patriarcato di Costantinopoli sul riconoscimento dell'autocefalia della Chiesa dell'Ucraina", – ha spiegato il metropolita. – Contiene una frase molto pericolosa, che dice che il Patriarcato di Costantinopoli ha il diritto esclusivo di interferire negli affari interni di qualsiasi Chiesa locale. Per me personalmente questo è inaccettabile e potrebbe causare molte difficoltà in futuro".

"Se la Chiesa dell'Ucraina aspetta un po', non c'è niente di speciale o di dannoso. La Chiesa ortodossa georgiana ha ripristinato l'autocefalia nel 1917, la Chiesa ortodossa russa l'ha riconosciuta solo nel 1943, e Costantinopoli nel 1990. Il processo di riconoscimento è lento e complicato", riassume il metropolita georgiano.

Come ha riferito l'Unione dei giornalisti ortodossi, il 9 gennaio 2019 a Istanbul, tutti i vescovi del Sinodo del Patriarcato di Costantinopoli hanno firmato il Tomos d'autocefalia della Chiesa ortodossa dell'Ucraina. Da questo momento il documento è considerato formulato in modo definitivo.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8