Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 13 gennaio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  La Chiesa polacca respinge la richiesta del patriarca Bartolomeo di riconoscere la nuova chiesa ucraina

Orthochristian.com, 3 gennaio 2019

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

foma.ru

Il "concilio d'unificazione" del 15 dicembre non ha risolto il problema dello scisma in Ucraina, ma lo ha complicato ulteriormente, ha scritto sua Beatitudine il metropolita Sava di Varsavia e di Tutta la Polonia al patriarca Bartolomeo di Costantinopoli in risposta al messaggio inviato da Costantinopoli ai primati di tutte le Chiese locali il 24 dicembre, come riferiscono al Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne della Chiesa ucraina.

Il primate polacco ha anche scritto che il patriarca Bartolomeo ha agito in spregio della tradizione canonica e che gli scismatici ucraini mancano della grazia dell'ordinazione. Il metropolita Sava e la Chiesa polacca sono stati tra i più forti sostenitori della Chiesa ucraina canonica e del suo primate, sua Beatitudine il metropolita Onufrij di Kiev e di Tutta l'Ucraina, e sono stati i primi a rifiutare pubblicamente i risultati del "concilio d'unificazione".

Nella sua lettera, il patriarca Bartolomeo ha informato le Chiese dei risultati del cosiddetto "concilio d'unificazione" e ha espresso la speranza nel riconoscimento della struttura appena creata e del suo primate, il "metropolita" Epifanij Dumenko.

In risposta, il metropolita Sava ha ricordato la posizione della Chiesa polacca espressa in maggio sulla necessità di pentirsi degli scismatici ucraini e di una discussione a livello ecclesiale sulla concessione dell'autocefalia, nonché la risoluzione del Concilio episcopale della Chiesa polacca del 16 novembre in cui al clero è vietata la comunione liturgica o di preghiera con i rappresentanti del "patriarcato di Kiev" scismatico o della "Chiesa ortodossa autocefala ucraina" scismatica - i due gruppi che si sono uniti nella nuova "Chiesa ortodossa dell'Ucraina" scismatica il 15 dicembre.

Il metropolita Sava osserva inoltre che il cosiddetto "concilio d'unificazione", che si è tenuto il 15 dicembre 2018 a Kiev, non ha eliminato il problema ma, al contrario, lo ha rafforzato, introducendo una miriade di fenomeni dolorosi non solo ecclesiastici, ma anche socio-politici, nella vita della società".

"Ritornando al cosiddetto 'concilio d'unificazione', si dovrebbe notare che vi hanno preso parte rappresentanti dei gruppi di chiese scismatiche che sono stati privati ​​dei loro ordini sacerdotali ed episcopali", scrive sua Beatitudine.

...Filaret Denisenko è stato privato dei suoi ordini e ridotto alla posizione di un laico. Quindi ha "ordinato" i suoi nuovi seguaci. Queste sono persone senza grazia sacramentale. Noi lo abbiamo riconosciuto: vostra Santità e tutti i primati delle Chiese ortodosse locali. Va notato che, secondo le nostre antiche tradizioni della Chiesa, un divieto è revocato solo da chi l'ha imposto. In ogni caso, non abbiamo visto rimorso, pentimento o umiltà, che normalmente precedono la revoca dei divieti, in Filaret o nei suoi seguaci! Non c'è stato niente del genere. E qui sta il problema. Pertanto, non possono essere riconosciuti come veri pastori che possono celebrare i sacramenti. Il cosiddetto "metropolita Epifanij", di fatto un laico, ne è una vittima.

Alla fine della lettera, il primate polacco si è rivolto al patriarca Bartolomeo con un'esortazione: "Santità! La sua decisione sulla Chiesa in Ucraina richiede una discussione pan-ortodossa. Pertanto, mi rivolgo ancora a lei con una richiesta di riconsiderare la decisione di riunire i primati delle Chiese ortodosse locali... Vogliamo vedere da parte sua sue azioni che uniscano l'Ortodossia e non che la dividano".

Alla fine di settembre, il metropolita Sava aveva personalmente chiesto al patriarca Bartolomeo di convocare un concilio pan-ortodosso per risolvere la crisi ucraina, così come hanno fatto molti sinodi, primati e vescovi, ma il patriarca ha ignorato il suo appello, come tutti quelli che gli sono stati rivolti. Il metropolita Sava ha anche scritto una lettera di supporto al metropolita Onufrij a metà dicembre.

ll metropolita Sava ha inviato una copia della sua risposta al patriarca Bartolomeo ai primati di tutte le Chiese ortodosse locali e al metropolita Onufrij.

Il Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne della Chiesa ucraina osserva che nel chiamare il metropolita Onufrij "metropolita di Kiev e di Tutta l'Ucraina", il metropolita Sava continua a riconoscerlo come primate canonico in Ucraina, sebbene il patriarca Bartolomeo abbia dichiarato che il metropolita Onufrij mantiene quel titolo e posizione in modo non canonico e non è più il primate della Chiesa ucraina in seguito al "concilio d'unificazione".

Si noti che mentre il "metropolita" Epifanij Dumenko non commemora sua Santità il patriarca Kirill di Mosca e di Tutta la Rus' durante la Divina Liturgia, ha la presunzione di commemorare il metropolita Sava e tutti gli altri primati, nonostante nessuna delle Chiese locali abbia accettato la comunione con la nuova chiesa ucraina.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8