Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 2 marzo 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  Una lezione dalla storia

di Petrus Antiochenus

dal blog Orthodox Synaxis, 2 gennaio 2019

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

In una conferenza sulla storia del Patriarcato ecumenico nel XX secolo, il metropolita Chrysostomos di Efeso, di tre volte beata memoria, decano dei metropoliti del Patriarcato ecumenico, si è soffermato in dettaglio sulla pressione esercitata dal Santo Sinodo di Costantinopoli da parte delle autorità civili per costringere i vescovi a eleggere il metropolita d'America, Atenagora, come patriarca ecumenico. Ha descritto come i politici che sostenevano il patriarca si erano rivoltati durante il suo mandato e come nel 1970 le autorità turche avevano emanato un memorandum in nove punti che organizzava l'elezione del prossimo patriarca. Questo memorandum prevedeva l'istituzione di un comitato di tre persone per supervisionare la nomina e il processo elettorale e includeva un dettagliato schema per organizzare il modo in cui era preparata la lista dei candidati. Il memorandum concedeva al governo il diritto di condurre i procedimenti per indagare sui candidati e rimuovere quelli che riteneva inappropriati e gli dava la competenza di nominare il patriarca se il sinodo non si fosse attenuto al termine stabilito per eleggere il patriarca. Questo meccanismo supponeva anche che un rappresentante del governo avrebbe preso parte al processo elettorale formale per ratificare la validità delle elezioni e per confermare che esse soddisfacessero le condizioni legali.

Il metropolita afferma che il Santo Sinodo di Costantinopoli aveva fortemente contestato l'ultimo paragrafo, sottolineando che l'elezione è un processo puramente ecclesiastico che si svolge nella Chiesa secondo regole derivate dalla tradizione ecclesiastica che includono l'invocazione dello Spirito Santo. La risposta delle autorità, tuttavia, fu soffocante, poiché esprimeva i propri dubbi su quest'argomentazione, spiegando che "le elezioni nella Chiesa di Grecia e nella Chiesa di Creta che dipende da Costantinopoli avvengono alla presenza di un amministratore delegato dallo stato, che gode delle stesse competenze di cui godrà il delegato eletto dal governo turco". Il metropolita Chrysostomos ha dichiarato di aver attirato l'attenzione su questo incidente per avvertire che "ciò che facciamo nella sfera ortodossa di solito dà un cattivo esempio agli altri" che può ritornare a perseguitarci. Penso che sua Santità l'attuale Patriarca ecumenico conosca molto bene questo incidente, poiché era discepolo e compagno del metropolita Melitone di Calcedonia, che era stato escluso dalla lista dei candidati in quel momento dopo essere stato il candidato più forte e quello più preparato a succedere al patriarca Atenagora.

Forse rivisitare oggi le parole del metropolita Chrysostomos servirà da avvertimento sui pericoli insiti in ciò che il Fanar sta facendo in Ucraina, dove le decisioni che i fanarioti stanno prendendo in collaborazione con le autorità politiche potrebbero costituire precedenti le cui ripercussioni non saranno risparmiate in futuro né al Patriarcato ecumenico, né alle altre Chiese locali.

Costantinopoli riconsidererà le sue decisioni ed eviterà di essere immersa in piani politici e politiche di potere? Metterà i freni all'oppressione a cui è sottoposta la Chiesa legittima in Ucraina per non aprire ad altri la porta per usare questo comportamento come scusa per perseguitare la Chiesa in futuro? Impareremo dalle tragedie della nostra storia e dai nostri errori?

Chi ha orecchie per intendere, intenda.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8