Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 2 febbraio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  Il Patriarcato ecumenico vanta una giurisdizione universale?

di Petrus Antiochenus

Orthodox Synaxis, 19 dicembre 2019

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

In una lettera (tradotta qui di seguito) datata 14 dicembre 2018 all'allora metropolita Oleksandr (Drabinko), accettandolo nel Patriarcato ecumenico e assolvendolo dalle eventuali sanzioni canoniche imposte da qualsiasi altra giurisdizione, il patriarca Bartolomeo fa l'allarmante affermazione che il patriarca di Costantinopoli "ha la responsabilità indiscutibile di giudicare ovunque le questioni ecclesiastiche e di dare loro una conclusione definitiva". Questa affermazione va ben oltre la procedura canonica di appello e si avvicina a una pretesa quasi-papale a una giurisdizione universale. Inoltre, dato che il patriarca Bartolomeo ha conseguito un dottorato in diritto canonico dal Pontificio Istituto Orientale, deve essere consapevole del fatto che il diritto di Costantinopoli di avere l'ultima parola negli affari di altre chiese è tutt'altro che "indiscutibile", perché il canonista del XII secolo Ioannis Zonaras, citato da san Nicodemo della Santa Montagna sul suo Pedalion (Timone), respinge qualsiasi diritto di questo genere.

Il testo della lettera del patriarca Bartolomeo è il seguente:

Vostra Eminenza Aleksandr, metropolita di Perejaslav-Khmelnitskij e Vishnevoe, amato fratello nello Spirito Santo e concelebrante della nostra mediocrità, che vostra Eminenza sia benedetta con la pace da Dio.

Dopo che lei, Eminenza, si è rivolto alla nostra mediocrità e ha presentato il suo caso a noi, per grazia di Dio, arcivescovo di Costantinopoli-Nuova Roma, non solo come a colui che per la provvidenza della Chiesa ha indiscutibilmente la responsabilità di giudicare ovunque le questioni ecclesiastiche e di dare loro una conclusione definitiva, ma anche come al suo canonico padre e maestro, dal momento che la sua diocesi è stata restaurata dalla sua antica amministrazione irregolare da parte di un'altra giurisdizione ecclesiastica, e che dopo la ritrattazione e la cancellazione della Carta del nostro illustre predecessore Dionisio IV, è territorio della grande Chiesa di Cristo a Costantinopoli, siamo giunti alla decisione di unirla, attraverso questa nostra Carta patriarcale, alla giurisdizione della nostra Santissima Sede Ecumenica Apostolica e Patriarcale, con il vostro venerabile clero e i laici devoti, rimuovendo ogni responsabilità, peso o altro comportamento oneroso a lei imposto da qualsiasi corpo ecclesiastico, o punizione, accettando pienamente tutto ciò che riguarda le responsabilità pastorali del suo episcopato [da lei compiute].

E così, la adorniamo attraverso la preghiera paterna e la nostra benedizione patriarcale, conferendole il ​​nostro bacio fraterno e invochiamo con tutto il cuore su di lei la grazia e la misericordia di Dio venerato nella Trinità, a cui sia gloria e potenza nei secoli.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8