Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 12 novembre 2018)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 1 novembre 2018)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  Metropolita Ilarion: la decisione sull'impossibilità della comunione eucaristica con il Patriarcato di Costantinopoli si estende ai monasteri athoniti

Mospat.ru, 4 novembre 2018

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Il 3 novembre 2018, nel programma "La Chiesa e il mondo", trasmesso sul canale Russia-24 il sabato e la domenica, il presidente del Dipartimento del Patriarcato di Mosca per le relazioni ecclesiastiche esterne della Chiesa, il metropolita Hilarion di Volokolamsk, ha risposto alle domande della direttrice del canale televisivo, Ekaterina Grachëva.

(...)

Ekaterina Grachëva: Non molto tempo fa, ha avuto luogo sul Monte Athos un incontro della sacra Comunità – l'organo del potere supremo, che include i rappresentanti di tutti i 20 monasteri nel territorio del Monte Athos. La dichiarazione, che non è stata ancora ufficialmente pubblicata, afferma che l'Athos non è amministrativamente subordinato al patriarca di Costantinopoli, poiché questi non è il vescovo ordinario dell'Athos, ma solo il suo padre spirituale. Ciò significa che l'Athos è così ufficialmente contrario al patriarca di Costantinopoli e che è stata riaperta la strada per i pellegrini dalla Russia all'Athos?

Metropolita Ilarion: Lo status di questo testo non si comprende ancora. Come ha detto, è una dichiarazione non ancora pubblicata. Se questa affermazione sia realmente della Comunità dell'Athos o, forse, la dichiarazione di alcuni gruppi di monaci dell'Athos, non lo sappiamo ancora.

Tutti i monasteri della Chiesa ortodossa sono sotto la giurisdizione qualche vescovo ordinario. Siamo sempre partiti dal fatto che i monasteri dell'Athos appartengono alla giurisdizione del patriarca di Costantinopoli, e quindi le decisioni sull'impossibilità della comunione eucaristica con Costantinopoli, che sono state fatte nell'ultimo incontro del Sinodo della Chiesa ortodossa russa, si applicano anche ai monasteri dell'Athos. Se i monasteri dell'Athos – tutti insieme o alcuni di loro – dichiareranno di non appartenere al patriarca di Costantinopoli, allora, ovviamente, questa sarà una situazione diversa. Ma se si dice che costui per loro non è un vescovo, ma un padre spirituale, questo non è del tutto chiaro per noi, perché nella Chiesa ortodossa un monastero non può esistere affatto senza un vescovo.

Sullo sfondo degli eventi della chiesa in Ucraina, la Chiesa ortodossa turca ha intentato una causa contro il patriarca Bartolomeo di Costantinopoli. Come ha reagito a queste notizie dalla Turchia?

La "Chiesa ortodossa turca" riunisce un gruppo molto ristretto di persone, per un totale di alcune centinaia di credenti. Questo gruppo fu creato nel 1922 dal governo turco come alternativa al patriarcato di Costantinopoli, e cioè è uno scisma. Non ha ricevuto alcuna continuità significativa. Il sostegno delle autorità a questo scisma è svanito, ma hanno ancora, per quanto è noto, tre templi a Istanbul e altri ancora al di fuori.

È sorprendente che per così tanti anni il patriarca di Costantinopoli abbia fallito nel sanare questo scisma. Si è precipitato a guarire lo scisma in Ucraina creando un altro scisma, ma per qualche ragione non guarisce lo scisma nel suo territorio canonico. Dal punto di vista della Chiesa ortodossa, questa organizzazione è scismatica, quindi non possiamo seriamente prendere decisioni di questo tipo.

Il clero della diocesi di Odessa, tra molti altri, ha apertamente parlato a sostegno di sua Beatitudine il metropolita Onufrij e della Chiesa ortodossa ucraina canonica. E che dire delle altre diocesi, non quelle che hanno paura di esprimere apertamente la loro posizione a sostegno?

Il metropolita Agafangel di Odessa e Izmail ha tenuto un incontro diocesano, durante il quale si è tenuta una votazione segreta sul sostegno al metropolita Onufrij e sulla soddisfazione dello status della diocesi di Odessa come parte della Chiesa ortodossa ucraina. Dei 413 membri del clero che hanno votato, 406 hanno votato a favore, tre hanno votato contro, quattro si sono astenuti. Questo di per sé dimostra che il sostegno a sua Beatitudine Onufrij è praticamente unanime. Devo dire che anche nella maggior parte delle diocesi della Chiesa ortodossa ucraina canonica, il sostegno è unanime. Ci sono uno o due vescovi che hanno parlato pubblicamente in favore di un'autocefalia, ma i sacerdoti hanno detto a uno di questi vescovi: se andrai all'autocefalia, noi non ti seguiremo.

Gli stati d'animo nella maggior parte delle diocesi della Chiesa ortodossa ucraina canonica sono proprio quelli che ha dimostrato il voto segreto nella diocesi di Odessa. I fedeli sostengono sua Beatitudine il metropolita Onufrij, sostengono l'unità della Chiesa ucraina con il Patriarcato di Mosca. La gente non sostiene le azioni predatorie del patriarca Bartolomeo, né la legalizzazione dello scisma che ha compiuto, e non entrerà in questo scisma.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8