Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 12 novembre 2018)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 1 novembre 2018)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  Arciprete Vladimir Shmalij: C'è vita dopo il "nuovo grande scisma"

Pravmir.ru

17 ottobre 2018

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Le azioni di Costantinopoli in realtà hanno portato a ciò che è già chiamato il "nuovo grande scisma" – la completa cessazione della comunione eucaristica della Chiesa ortodossa russa con il Patriarcato di Costantinopoli.

Come affermato nella dichiarazione del Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa del 15 ottobre, questa cessazione della comunione sarà mantenuta "d'ora in poi e fino a quando il Patriarcato di Costantinopoli rifiuterà di intraprendere le sue decisioni anti-canoniche". Assumere che Costantinopoli abbandonerà le sue decisioni in queste condizioni non è realistico.

Gli eventi che si sono verificati riguardano non solo i rapporti bilaterali dei due patriarcati. La nuova situazione ferisce tutta la famiglia delle Chiese ortodosse locali.

Un punto di vista sostiene che il vero obiettivo di Costantinopoli è quello di far uscire la Chiesa ortodossa russa dalla famiglia delle Chiese ortodosse locali. Con le sue azioni, il Fanar provoca coscientemente e coerentemente la nostra Chiesa a compiere i passi più drastici che porteranno non solo a una rottura con Costantinopoli, ma anche, a lungo termine, a una rottura forzata delle relazioni con tutte le Chiese locali.

In questo senso si dirigono tutte le proposte di alcune "teste calde" nella nostra comunità ortodossa di mettere sotto anatema il patriarca Bartolomeo, seguite dal "ristabilimento" del Patriarcato di Costantinopoli per sostituire l'eresia attuale, dall'entrata in comunione con vari tipi di comunità che si sono divise dal Patriarcato di Costantinopoli, dall'ultimatum alle altre Chiese ortodosse locali perché cessino la comunione con Costantinopoli, e così via. – Ovviamente, queste proposte lavorano per il progetto geopolitico specifico del Fanar.

A quanto pare, la prima cosa che è necessaria oggi è rendersi conto che la rottura con Costantinopoli è una realtà compiuta, lo è da molto tempo, e quindi, non bisogna aspettare che il problema si "risolva", ma agire in una nuova realtà.

È molto importante fare sforzi per "equipaggiare" il mondo ortodosso in nuove condizioni.

L'intenzione di Costantinopoli dovrebbe essere contraria alla massima espansione possibile della comunione della nostra Chiesa con le Chiese ortodosse locali, l'intensificazione di contatti, incontri, eventi, visite a tutti i livelli.

La parola, a quanto pare, dovrebbe andare a creare una nuova configurazione di regolare comunione tra la Chiesa ortodossa russa e le Chiese locali. Poiché Costantinopoli ha perso il ruolo di centro comune di coordinamento ortodosso, dovranno essere trovate nuove forme di interazione inter-ortodossa. Allo stesso tempo, sembrano preferibili la massima condiscendenza, pazienza ed economia verso coloro che manterranno i contatti sia con Costantinopoli che con la nostra Chiesa.

Altrettanto significativa è non solo la conservazione, ma anche l'intensificazione, di tutti gli altri contatti internazionali della nostra Chiesa su tutte le piattaforme internazionali esistenti, oltre a trovarne di nuovi. I contatti accademici e culturali e gli scambi della nostra Chiesa sono molto importanti.

La nostra lotta con Costantinopoli per la verità non è finita, ma è solo all'inizio. In questa controversia, abbiamo bisogno di amici e alleati, che ci trattino con simpatia e comprensione e, al massimo delle loro capacità, ci forniscano tutto il supporto possibile. Inoltre, mi sembra che molti di coloro che consideriamo oggi "nemici" possano diventare nostri amici. Ma questo richiede amore e pazienza.

La Chiesa ortodossa ucraina ha bisogno più che mai di uno speciale sostegno ortodosso e internazionale. Sarebbe bello se nel prossimo futuro si fossero svolte visite di rappresentanti (o anche meglio, di primati) delle Chiese ortodosse locali alla Chiesa ortodossa ucraina. Il Patriarca di Alessandria ha già visitato Odessa. Questo è un segno molto importante di sostegno e solidarietà. Mi piacerebbe molto che i patriarchi di Antiochia e di Gerusalemme potessero fare una simile visita.

Tutte queste, naturalmente, sono idee spontanee e frammentarie che sono sorte in una situazione di shock, quando abbiamo davanti ai nostri occhi una malvagia volontà e ambizione di distruggere l'unità secolare dell'Ortodossia. Ma tutti abbiamo bisogno di rimetterci insieme, con fede e speranza nell'aiuto di Dio, e di sintonizzarci in preghiera per le opere.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8