Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 1 marzo 2018)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  Tendenze nella Chiesa ortodossa russa di oggi

dal blog del sito Orthodox England

3 febbraio 2018

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Introduzione

Dopo la rivoluzione dell'ultima generazione, la generazione dopo la fine della guerra fredda, qual è la situazione delle due parti della Chiesa ortodossa russa di oggi, del Patriarcato russo e della Chiesa fuori della Russia (ROCOR)? Una volta erano amaramente divise. E adesso?

A. Il Patriarcato russo del passato

1. Attitudini verso il mondo esteriore

Nei cattivi vecchi tempi, alcuni eminenti vescovi del Patriarcato erano costretti a sedersi di fronte a telecamere e a dire bugie palesi, per esempio, che non c'erano persecuzioni della Chiesa in Russia. Perché? Semplicemente perché se non facevano così, i loro sacerdoti e parrocchie ne avrebbero sofferto. Come ostaggi, hanno preso su se stessi il peccato politico della menzogna. Personalmente, tali palesi menzogne ​​non mi hanno mai infastidito. Sapevo perché lo stavano facendo. Francamente, pensavo che il peccato fosse più sulla coscienza di chi faceva domande così compromettenti. Tuttavia, qualcos'altro mi infastidiva.

2. Attitudini verso il mondo interiore

Ciò che mi infastidiva era l'ipocrisia. C'erano alcuni vescovi e altri nel patriarcato paralizzato che erano completamente corrotti, sia sessualmente che finanziariamente. E quella corruzione faceva marcire tutta la vita della Chiesa. Quella gente non era cristiana. Come loro vittima a quel tempo, so di cosa sto parlando.

B. La ROCOR del passato

1. Attitudini verso il mondo esteriore

Nei cattivi vecchi tempi, la ROCOR negli USA a volte prendeva soldi dalla CIA. Questo mi infastidiva. A quel tempo, alcuni membri della ROCOR lavoravano per diverse agenzie di spionaggio occidentali anti-sovietiche (di fatto, anti-russe). Queste persone oggi hanno lasciato quasi tutte la Chiesa o sono morte di vecchiaia. Oggi, per esempio, conosco persone che hanno aderito all'Esarcato di Parigi perché non avevano il permesso di unirsi ad alcuuna parte della Chiesa russa mentre lavoravano come spie per il GCHQ o per agenzie di spionaggio a Parigi. Per loro la lealtà verso l'establishment occidentale viene per prima, Cristo per secondo. Questo è chiaramente sbagliato.

2. Attitudini verso il mondo interiore

Anche l'ipocrisia nella vecchia ROCOR mi infastidiva. Alcuni pensavano che fintanto che si era anticomunisti, tutto andava bene: si poteva essere anti-missionario e razzista quanto si voleva, così come praticare l'aborto. Potrei citare dei nomi. Fortunatamente, un fariseismo così oltraggioso era prerogativa di una minoranza.

C. Il Patriarcato russo di oggi

1. Attitudini verso il mondo esteriore

Oggi il Patriarcato è una Chiesa di 150 milioni di convertiti, e ai margini vi si possono trovare varie deformazioni da neofiti. Per esempio, vi possiamo trovare attitudini secolarizzanti, filo-sovietiche, l'arroganza e il razzismo della vecchia mentalità del "carro armato sovietico" che vuole semplicemente entrare a prendere il controllo di tutto. Questo tipo di imperialismo, con un'ammirazione indiscriminata per lo Stato attuale, non presta attenzione alle questioni pastorali e alla costruzione della vita parrocchiale, ha poca comprensione delle famiglie e dei bambini. È ritualista, carrierista e orientato al denaro: i suoi rappresentanti non hanno mai sofferto.

Tuttavia, possiamo anche trovare attitudini filo-occidentali (ecumeniste, liberali, "diplomatiche") tra quelli di origine borghese, che diffamano il passato sovietico, ignorando la sua preservazione positiva dei valori culturali pre-rivoluzionari, detestano il presidente Putin e adorano il primo ministro atlantista Medvedev.

2. Attitudini verso il mondo interiore

Possiamo trovare un movimento conservatore e pietista. La pietà è cosa buona, ma il pietismo generalmente significa ritualismo, sentimentalismo, zelo senza comprensione, parole senza significato. Quante chiese abbiamo visitato dove le funzioni sono lette e cantate in modo tale da non poter comprendere una sola parola. Questo è ciò che allontana gli uomini, il che significa che le funzioni sono frequentate dall'80% al 90% da donne. Questo potrebbe essere stato normale nei tempi anormali sovietici, quando gli uomini avrebbero perso il lavoro se frequentavano la chiesa, ma oggi è anormale. È in corso un'enorme opera di catechismo. C'è molto da fare.

Possiamo anche trovare un movimento pro-sociale. Molti dei suoi rappresentanti sono molto liberali, ma stanno almeno iniziando ad affrontare gli enormi problemi sociali della società post-sovietica: corruzione massiccia ed endemica, alcolismo, aborto, spaccio di droga, degrado ambientale, handicap ...

D. La ROCOR di oggi

1. Attitudini verso il mondo esteriore

Oggi c'è il pericolo che la ROCOR diventi una Chiesa americanizzata, che semplicemente rifiuta di comprendere il clero non pagato e la difficile situazione della massa dei poveri che sono giunti tra noi dalla Russia sovietica e dall'Europa orientale. Non vuole conoscere le nostre sofferenze. Anche qui c'è una certa arroganza e spirito di conquista. 'Noi abbiamo ragione, voi avete torto'. Proprio come nella Russia di oggi, a volte può esserci uno spirito del mettersi in mostra, una concentrazione sulle cose esteriori. Ci può anche essere uno spirito di mafia, una concentrazione di potere tra i primi e i ricchi, in modo che gli altri siano esclusi come cittadini di seconda classe.

Questa mancanza di amore promuove anche un liberalismo mai visto prima nella ROCOR, che viene da fuori dalla Chiesa. Se non viene arginata, questa infiltrazione culturale di stampo americano di attitudini ecumeniste, liberali e "diplomatiche" provenienti da un passato borghese ostacolerà la nostra testimonianza senza compromessi.

2. Attitudini verso il mondo interiore

Esattamente come nel Patriarcato, possiamo trovare anche nella ROCOR un movimento conservatore e pietista. La pietà è buona, ma il pietismo generalmente significa ritualismo, sentimentalismo, zelo senza comprensione, parole senza significato. Quante chiese abbiamo visitato dove le funzioni sono lette e cantate in modo tale da non poter comprendere una sola parola. Questo può essere accompagnato da una negazione ipocrita del passato della ROCOR. 'Tutto era perfetto'. Questa nostalgia ovviamente è totalmente ingiustificata. Molte parrocchie della ROCOR sono comunità reali e modelli, esempi per il Patriarcato, ma non tutte.

Pastoralmente, nella vita parrocchiale molti stanno positivamente passando all'inevitabile futuro multinazionale e bilingue e creando comunità reali. Qui c'è anche il pericolo - che la vita della Chiesa diventi solo sociale, emotiva, tutta fatta di parole, senza memoria delle fondamenta ascetiche, come nell'Esarcato e nell'OCA.

Conclusione

Quindi, possiamo vedere notevoli paralleli, anzi convergenze, tra le due parti della Chiesa russa. Chiaramente, sono necessarie solo le tendenze positive, tutto ciò che è negativo non è necessario. Soprattutto, abbiamo bisogno dell'unità centrale del cibo spirituale che si trova nella purezza della nostra Tradizione della santa Rus'.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8