Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&id=3944 
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 30 luglio 2017)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  La Chiesa ortodossa macedone scismatica pronta a riconoscere la Chiesa bulgara come propria Chiesa madre

Pravoslavie.ru

21 novembre 2017

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Un documento senza precedenti è stato fatto circolare nella Chiesa ortodossa bulgara da parte della Chiesa ortodossa macedone scismatica. Secondo Romfea, la Chiesa non canonica è pronta a riconoscere il patriarcato di Bulgaria come propria Chiesa madre.

La lettera, inviata al Santo Sinodo della Chiesa ortodossa bulgara il 9 novembre, parla della restaurazione della comunione eucaristica e della storica opportunità per il patriarcato di diventare la Chiesa madre della cosiddetta Chiesa macedone sotto la guida dell'arcivescovo Stefano.

Il sinodo di Skopje ha chiesto alla Chiesa ortodossa bulgara di stabilire "la comunione eucaristica con il rinnovato arcivescovado di Ohrid", chiedendo che la Chiesa macedone sia riconosciuta come autonoma, secondo meta.mk.

Ultimamente vi sono stati contatti ufficiali e non ufficiali tra la gente del patriarcato di Bulgaria e la chiesa scismatica, sebbene la Chiesa bulgara fosse stata titubante a fare il primo passo. Le relazioni tra la Chiesa macedone e le Chiese canoniche locali della Chiesa ortodossa sono state rese tese e complicate dalla precedente persecuzione dell'arcivescovo Jovan (Vraniskovski) di Ohrid, l'unico vescovo canonico che opera in Macedonia, membro della Chiesa ortodossa serba.

L'arcivescovado ortodosso di Ohrid sotto l'arcivescovo Jovan si è separato dalla chiesa macedone nel 2002 per cercare la riunificazione con la Chiesa serba.

Nel maggio 2015, il Sinodo dei Vescovi della Chiesa ortodossa serba ha deciso di riprendere il dialogo dei suoi rappresentanti con la Chiesa ortodossa macedone auto-dichiarata per risolvere il problema del suo status canonico, cosa che, a quanto il sinodo ha affermato, dipende dalla risoluzione positiva dei procedimenti legali contro l'arcivescovo Jovan.

Sua Eminenza l'arcivescovo Jovan è stato imprigionato per molti anni con accuse inventate di "istigazione all'odio, allo scisma e all'intolleranza nazionali, razziali e religiosi". A volte è stato messo in isolamento e gli sono stati concessi pochi visitatori da parte della Chiesa ortodossa serba. È stato rilasciato dal carcere il 2 febbraio 2015, anche se nuovi procedimenti contro di lui sono iniziati subito dopo.

Nel frattempo, la Corte europea dei diritti dell'uomo ha recentemente stabilito che la Repubblica di Macedonia è colpevole di violazioni dei diritti dell'arcivescovado canonico di Ohrid, rifiutandosi di registrarlo come comunità religiosa separata. Allo stato è stato ordinato di pagare 9.500 euro alla diocesi di Ohrid della Chiesa ortodossa serba.

La comunicazione tra i rappresentanti della chiesa scismatica macedone con il patriarcato bulgaro è iniziata già diversi anni fa. Nel maggio 2015, il patriarca Neofit ha ricevuto ufficialmente nella cattedrale di Sofia l'arcivescovo Stefano, che era in visita nel paese su invito dell'Accademia bulgara delle scienze.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8