Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 2 febbraio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  Metropolita Ilarion di Volokolamsk: Nella società moderna, la voce della Chiesa è molto spesso una voce nel deserto

patriarchia.ru

4 Giugno 2014

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Prima dell'inizio del IV Forum cattolico-ortodosso "Religione e diversità culturale: le sfide delle Chiese cristiane in Europa", tenutasi a Minsk dal 2 al 5 giugno 2014, il metropolita Ilarion, presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca, ha risposto alle domande dei giornalisti bielorussi.

Il forum discuterà le sfide che stanno di fronte alle Chiese cristiane d'Europa. Quali sono le principali questioni, i problemi, le sfide che avete individuato?

I processi che si svolgono in Europa occidentale, per i quali siamo molto preoccupati, perché, in effetti, c'è un rifiuto consapevole dal patrimonio cristiano in molti Stati europei. Cosa vediamo, quando camminiamo per le strade delle più famose città d'Europa? Prima di tutto, le chiese cristiane: Notre Dame a Parigi, l'abbazia di Westminster a Londra, la basilica di san Pietro a Roma. Anche l'aspetto delle città europee dimostra che l'Europa è un continente cristiano. Certo, in Europa hanno sempre vissuto anche rappresentanti di altre religioni, ma il cristianesimo era la religione dominante, e lo rimane ancora, perché dopo tutto, la maggior parte degli europei in qualche misura rimangono in contatto con le proprie radici cristiane. Ma al momento in Europa si è creata creato una situazione in cui l'ideologia dominante, di fatto, diventa una forma di ateismo o di pluralismo, il che suggerisce che la religione non ha posto nello spazio pubblico, che la religione può esistere solo a livello della sfera privata degli individui.

Tale posizione, naturalmente, non ci fa piacere; noi crediamo che la Chiesa cristiana dovrebbe avere il diritto di esprimere le proprie opinioni, anche nello spazio pubblico. Siamo rimasti profondamente addolorati per le leggi contrarie non solo alla morale cristiana, ma alla morale generale tradizionale, su cui per secoli è stata costruita la vita delle persone - per esempio, quando si cerca di equiparare le unioni omosessuali al matrimonio, e, in effetti, vi è un consapevole smantellamento sistematico dei valori tradizionali della famiglia.

E come si potrebbe cambiare la situazione? La Chiesa non ha autorità legislativa per fare o cambiare le leggi, non ci sono supporti statali ... Quali strumenti avete e quanto sono efficaci?

Il principale strumento utilizzato dalla Chiesa è la sua voce che deve poter essere diffusa e ascoltata da tutti coloro che sono in grado di farlo. Naturalmente, la voce della Chiesa è molto spesso una voce nel deserto. Tuttavia, continuiamo a parlare e continueremo a testimoniare i valori che riteniamo immutabili.

Tuttavia, non abbiamo intenzione di imporre nulla a nessuno. Non imponiamo visioni teologiche o una concezione religiosa del mondo, parliamo dei valori che sono rilevanti per la vera vita umana: che è necessario rafforzare la famiglia, che la vita umana ha valore dal concepimento alla morte naturale. Queste sono cose molto semplici che nella società di oggi sono difficili da capire.

Eminenza, alla fine di novembre dello scorso anno ha avuto luogo un dialogo ortodosso-cattolico tra la Russia e la Polonia a Varsavia. Considerati i recenti sviluppi politici, teme che questo dialogo si fermerà, o c'è ancora speranza che il prossimo forum si terrà a Mosca e continuerà il dialogo tra cattolici polacchi e ortodossi russi?

Credo che questo dialogo continuerà, ma deploro profondamente il fatto che la Conferenza episcopale polacca abbia espresso il suo sostegno alle forze che in Ucraina destabilizzano l'ordine pubblico e sono responsabili della morte di persone. Penso che sia stato un grosso errore dei vescovi cattolici polacchi, così come un enorme errore è stato, a mio avviso, il sostegno agli uniati fornito dai cattolici di rito latino. Gli uniati in Ucraina mostrano un comportamento vergognoso. Devo dire che nella storia ci sono stati molti casi in cui hanno usato il potere politico per opporsi alla Chiesa ortodossa.

L'uniatismo, in generale, era una specie di progetto speciale della Chiesa cattolica per la conversione degli ortodossi al cattolicesimo. Non è un segreto per nessuno. Ma, purtroppo, questo progetto speciale rimane lo stesso anche oggi. Mentre noi conduciamo un dialogo e organizziamo forum congiunti con la Chiesa cattolica romana, gli uniati continuano in parallelo la loro azione tesa a minare l'Ortodossia. Tutta la retorica degli uniati in Ucraina oggi si riduce ai tentativi di dividere una singola Chiesa ortodossa russa multinazionale, a strappare l'Ucraina dalla Russia, e il loro obiettivo finale è di sottomettere tutti gli ortodossi al papa. Gli uniati, di fatto, non nascondono tale obiettivo.

Penso che l'uniatismo sia un problema molto serio che dobbiamo affrontare nelle relazioni tra ortodossi e cattolici, e mentre cerchiamo di portare avanti queste relazioni, gli uniati con le loro attività disoneste continuano a spingerci indietro.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8