Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 2 febbraio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  Lourdes e Fatima: vere o false?

dal blog del sito Orthodox England, 17 agosto 2013

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Un segno grandioso apparve nel cielo: una donna vestita di sole...

Ap. 12, 1

Noi non contesteremo il carattere miracoloso dell'apparizione originaria della Madre di Dio (a Fatima), così come non getteremo sospetti sull'autenticità di alcune apparizioni simili anche se meno sorprendenti...

Archimandrita Konstantin Zajtsev (1)

Introduzione

Le visioni della Madre di Dio concesse a persone fisiche sono caratteristiche della recente pietà cattolica romana, soprattutto del XVIII, XIX e XX secolo. Di alcune di queste visioni si può dubitare come illusioni spirituali, allucinazioni, e di altre come frodi per fare soldi. Così, la controversa 'apparizione' a Knock nel 1879 in Irlanda sembra strana, e le più recenti e altamente redditizie "apparizioni" a Medjugorje dal 1981 nella ex Jugoslavia sono respinte dalle autorità cattoliche locali come fraudolente. Tuttavia, respingere tutte queste visioni sembra non solo poco caritatevole in relazione a una pietà autenticamente sentita, ma anche semplicemente sbagliato.

Il fatto è che autentiche visioni celesti a non-ortodossi si svolgono comunemente al di fuori della Chiesa. Lo sappiamo, per esempio, dalla visione del rabbino ebraico Saul (in seguito apostolo Paolo) sulla via di Damasco (Atti 9). Circa 900 anni dopo, gli inviati pagani di Vladimir di Kiev ebbero una visione di cielo sulla terra nella Nuova Roma. Anora dopo circa 900 anni leggiamo che la futura predicazione di sant'Innocenzo dell'Alaska era stata predetta da pagani locali dell'Alaska attraverso una visione dell'arcangelo Michele. Come è stato possibile tutto questo? Perché anche se al di fuori della Chiesa, tutte queste persone sono state toccate dalla grazia, poiché 'lo Spirito soffia dove vuole' (Gv 3, 8). La Chiesa ha tutta la generosità del sole, che emana raggi di luce e di calore verso il mondo esterno.

Lourdes

Per quanto riguarda le apparizioni della Madre di Dio nella Chiesa, il calendario della Chiesa russa commemora oltre 600 delle sue icone miracolose, molte delle quali sono prima apparse a individui nel corso di visioni. Per quanto riguarda il mondo cattolico romano, ci sono le famose visioni della Madre di Dio di una contadina a Lourdes, nella Francia sud-occidentale, nel 1858. Come abbiamo scritto altrove nel corso dei decenni, ci sono quattro ragioni per cui queste visioni potrebbero essere state reali. In primo luogo, sono accadute a una ragazza contadina innocente e pia, Bernadette Soubirous (1844-1879), che non aveva alcun secondo fine clericale. In secondo luogo, quando a Bernadette fu chiesto dell'esatto aspetto esteriore della Madre di Dio e fu mostrato un catalogo di immagini, costei innocentemente ma sinceramente ha scelto subito non la somiglianza di una statua cattolica romana, ma quella di un'icona ortodossa.

In terzo luogo, ci sono a Lourdes numerose guarigioni miracolose ben documentate, che non possono essere spiegate dalla medicina moderna. Infine, e più importante di tutti, come ha descritto nel 1960 lo scrittore religioso ortodosso russo della Chiesa patriarcale in Francia, A. Merzljukin (2), in un tempo in cui la macchina vaticana era intenta a cercare sostegno per il suo dogma non ortodosso dell'Immacolata Concezione del 1854, il messaggio ricevuto da Bernadette era completamente ortodosso. Le parole che avrebbe udito dalla bocca della Madre di Dio erano, 'Io sono l'Immacolata Concezione', non, 'Io sono nata da una immacolata concezione'. Questo contraddiceva chiaramente il nuovo e recente dogma del Vaticano. È proprio la concezione di Cristo da parte della Madre di Dio, che è 'immacolata', cioè purissima, ed è per questo che noi la chiamiamo 'purissima'. Questa è l'antica credenza della Chiesa - non è un'invenzione ottocentesca.

L'Ortodossia non ha nulla a che fare con lo sfortunato sfruttamento di questa dichiarazione da parte del Vaticano per sostenere il suo nuovo dogma. Con questo, mi riferisco alla deformazione intenzionale del messaggio di Lourdes da parte delle autorità per dare a intendere che la concezione della Vergine stessa fosse 'immacolata'. Questa fabbricazione di un mito ha avuto tanto successo che oggi molti semplici cattolici in realtà credono che la Vergine non sia stata concepita dai santi Gioacchino e Anna, come viene ricordato agli ortodossi a ogni congedo di una grande funzione, ma allo stesso modo del Cristo - attraverso lo Spirito Santo e una madre vergine.

Questa credenza popolare non è la convinzione ufficiale del cattolicesimo romano, che ritiene che la Vergine sia stata concepita in modo umano, ma con una dispensa speciale, che la esentava da quello che chiama 'peccato originale'. Tutto questo è collegato con le dottrine 'agostiniane', sviluppate dalla Scolastica medievale a partire da speculazioni filosofiche negli scritti del beato Agostino. Queste dottrine 'agostiniane' suggeriscono la predestinazione, un Dio che non ama l'umanità, e sono quindi estranee alla Chiesa ortodossa e alla sua teologia dell'amore di Dio per l'umanità.

Fatima

Un altro esempio di deformazione delle visioni viene nel caso di Fatima. Qui, a differenza di alcuni, crediamo che queste visioni originali possano anche essere state genuine (3). Abbiamo sentito parlare di Fatima nel 1976, stranamente da una fonte del samizdat russo, ricevuta dal defunto arciprete Lev Lebedev di Kursk (4). La credenza catacombale espressa in questa fonte era chiaramente che Fatima fosse un fenomeno autentico. Anche noi tendiamo a credere nelle visioni di Fatima, per i sette motivi seguenti:

1. Sono state concesse a figli di contadini innocenti e pii. Si dice che la più anziana di questi, Lucia, il cui nome significa 'luce', abbia parlato con la Madre di Dio e abbia ricevuto messaggi da lei. Questi bambini piccoli, analfabeti non avevano alcun secondo fine, a differenza della macchina vaticana istituzionalizzata. In effetti, la maggior parte del clero portoghese del periodo delle visioni non credeva nella loro autenticità ed era addirittura ostile a Lucia.

2. Le visioni riguardavano eventi futuri in Russia - un paese non cattolico, di cui i bambini portoghesi non avevano mai sentito parlare. Ancora una volta non c'era qui nessun secondo fine, tanto più che era stato proprio il mondo occidentale che aveva organizzato, finanziato e salutato la rivoluzione russa filo-occidentale dell'inizio del 1917. Dobbiamo ricordare che tutti gli eventi all'altro capo dell'Europa nella lontana Fatima hanno avuto luogo mesi prima che i bolscevichi atei usurpassero il potere a loro volta. Questo fu molto tempo prima che gruppi russofobi di destra si impadronissero di Fatima per le finalità dei cattolici militanti anti-comunisti della guerra fredda, creando, per esempio, 'la Blue Army' (Apostolato Mondiale di Fatima).

3. Gli eventi di Fatima ebbero tutti luogo dopo la rivoluzione russa, durante i mesi di malgoverno anarchico del governo provvisorio filo-occidentale, in altre parole, né nel 1916, né nel 1918, né in qualche altro anno, ma a metà del 1917. Questo era il punto di svolta più fatale della storia russa. Fu poco prima che le forze russe fossero probabilmente vittoriose nella guerra, liberando Vienna e Berlino e i popoli da loro oppressi, e prima che iniziasse la persecuzione comunista atea.

Ricordiamo che la Madre di Dio era già intervenuta nella storia della Russia in questo momento attraverso la sua icona 'Regnante' (Derzhavnaja), la cui apparizione ha avuto luogo subito dopo la cosiddetta abdicazione del futuro tsar-martire il 15 marzo 1917 secondo il calendario secolare. (Scriviamo 'cosiddetta abdicazione' in quanto i documenti in questione ora sono stati tutti dimostrati contraffatti dallo storico russo Piotr Multatuli; lo tsar non abdicò mai).

4. Le visioni ebbero tutte luogo in date significative del calendario ortodosso - allora universalmente rispettato. Questo è abbastanza trascurato dagli autori cattolici romani. Così:

La prima visione fu il 13 maggio. Nel calendario ortodosso nel 1917 era la Domenica della Samaritana. Questo era sicuramente un chiaro invito all'Occidente di pentirsi della rivoluzione che aveva provocato in Russia, che avrebbe portato alla più sanguinosa persecuzione della Chiesa mai vista nella storia umana. In termini semplici, questa visione era un appello ai samaritani spirituali a pentirsi per il loro crimine contro la seconda Gerusalemme di Mosca.

La seconda visione fu il 13 giugno, alla vigilia della festa di San Giustino il Filosofo di Roma, venuto dalla Palestina a Roma per predicare il modo di vita cristiano ortodosso, l'unica vera filosofia.

La terza visione fu il 13 luglio, la festa dei Dodici Apostoli, che avevano convertitpil mondo allora conosciuto all'Ortodossia. Questo simbolico del significato universale di Fatima.

La quarta visione fu domenica 19 agosto (non il 13 agosto, dal momento che allora i tre bambini erano trattenuti prigionieri e minacciati da un eminente massone locale che deteneva il potere politico). Il 19 agosto è, naturalmente, la festa della Trasfigurazione, la Trasfigurazione a cui la Madre di Dio chiamava il mondo occidentale, che fu poi coinvolto nel massacro della sua gioventù e della gioventù dei paesi dell'Europa orientale, della Russia e di lontane colonie.

La quinta visione fu il 13 settembre, alla vigilia del Capodanno ortodosso. Sicuramente la Madre di Dio stava chiamando le potenze occidentali a un nuovo inizio, un nuovo anno di pace.

La sesta e finora ultima visione fu il 13 ottobre, alla vigilia della festa della santa Protezione della Madre di Dio. In questa visione, a Lucia fu detto che 'la guerra sta per finire e le truppe arriveranno presto a casa'. Fu davvero così, in quanto, a seguito delle elezioni svoltesi il giorno dopo, il 14 ottobre, la festa della santa Protezione, i 40.000 soldati portoghesi che per primi erano entrati in azione in Francia proprio il 13 Maggio 1917, data della prima visione, furono rimpatriati in anticipo in Portogallo, nel mese di aprile 1918.

5. L'essenza delle parole della Madre di Dio era ogni volta una chiamata alla preghiera e alla penitenza. Queste erano le stesse parole di cui l'Europa occidentale aveva bisogno in un momento in cui era impegnata in una guerra suicida, che a causa della tecnologia moderna era di gran lunga la più sanguinosa nella storia del genere umano. Il fatto che le visioni ebbero luogo in Portogallo, piuttosto che in un paese che aveva originato o che era direttamente coinvolto nella guerra, fu un segno di neutralità. In effetti, il governo socialista portoghese non sfruttò le visioni a scopo di propaganda, come i governi con popolazione cattolica, come Francia, Germania, Austria-Ungheria e Italia, avrebbero sicuramente fatto.

6. Gli eventi a Fatima, che scendevano sempre dal cielo da est a ovest, includevano sempre diversi fenomeni atmosferici inspiegabili testimoniati da molti. Tali fenomeni sono stati testimoniati da decine, poi da migliaia, e il 13 ottobre, da decine di migliaia di persone, tra cui atei e massoni. L'ultima visione, già preannunciata dalla Madre di Dio il 19 agosto e il 13 settembre, incluse la famosa 'danza del sole', testimoniata da circa 70.000 persone. È molto difficile rifiutare il fatto di questo evento, razionalizzandolo in modo facile come una 'allucinazione di massa', come gli atei (e due convertiti ortodossi) hanno cercato di fare in modo poco convincente. Ecco una differenza fondamentale con le altre visioni - a Fatima sono state accompagnate da fenomeni inspiegabili testimoniati da folle di persone.

7. Il messaggio della Madre di Dio era formulato in modo che bambini piccoli cattolici romani potevano capire, ma che non è necessariamente in contraddizione con la dottrina ortodossa. Ciò riguarda in particolare i dettagli della visione del 13 luglio.

Per esempio, la Madre di Dio non ha menzionato le anime del purgatorio il 13 luglio - quella versione del messaggio era basata su un chiaro errore di traduzione, che è stato successivamente corretto. Per quanto riguarda la menzione del purgatorio, nella parte della visione del 13 maggio, per quanto riguarda l'anima di una contadina chiamata Amelia, suggeriamo che questo è solo un riflesso del condizionamento cattolico romano di Lucia. La Madre di Dio può aver detto che la ragazza aveva bisogno di preghiere, ma questo sarebbe stato interpretato dalla bambina Lucia nel senso che la sua anima era in purgatorio.

Il 13 luglio, la Madre di Dio aveva predetto un castigo, 'per mezzo di guerre, carestie e persecuzioni contro la Chiesa e il Santo Padre'. Non vi è alcun motivo per cui questo dovrebbe essere preso come un riferimento a un papa di Roma; si riferisce sicuramente a San Tikhon di Mosca, il Santo Padre installato come patriarca, nel novembre 1917. Egli si addormentò nel Signore nel 1925 dopo la terribile guerra civile, probabilmente martirizzato per mezzo di veleno, dopo di che ci fu la carestia artificiale in Unione Sovietica e le terribili persecuzioni degli anni '30. Il cattolicesimo romano non era perseguitato a quel tempo - la guerra civile spagnola è venuta dopo. Piuttosto fu il cattolicesimo romano che dagli anni '20 operò persecuzioni religiose, in Irlanda e in particolare sul territorio occupato dalla Polonia, o successivamente nella Slovacchia nazista e nella Francia di Vichy.

Allo stesso modo, la profezia del 13 luglio, che una guerra peggiore sarebbe scoppiata sotto il pontificato di Pio XI (1922 - Febbraio 1939), dopo la comparsa di 'una luce sconosciuta' in cielo, sicuramente non può fare riferimento alla seconda guerra mondiale, che ha avuto inizio nel mese di settembre 1939 per la maggior parte dei paesi europei. Né deve necessariamente riferirsi all'aurora boreale del gennaio 1938. L'aurora boreale si verifica ogni undici anni ed è stato dopo l'apparizione nel 1927 che la guerra atea contro l'Ortodossia in Russia ha peggiorato notevolmente.

Nella visione del giugno 1917, la Madre di Dio si è riferita al 'mio cuore immacolato', che, visto 'circondato di spine', 'sarà il vostro rifugio'. Nella visione del luglio 1917, la Madre di Dio ha parlato di 'peccati contro il cuore immacolato di Maria', ha detto che 'per salvare i peccatori' Dio ha voluto 'stabilire la devozione al mio cuore immacolato', ha richiesto 'la consacrazione della Russia al mio cuore immacolato' e ha detto che 'alla fine' il suo cuore immacolato avrebbe' trionfato'.

Questi riferimenti al cuore, tipico del piuttosto sentimentale pietismo cattolico romano del 'sacro cuore', sono estranei alla didattica ortodossa. Alcuni ortodossi pertanto respingono per questo la visione. Tuttavia, la Madre di Dio parlava a bambini cattolici, ai quali tale lingua era familiare. Da un punto di vista ortodosso, tali frasi potrebbero significare qualcosa? C'è un'interpretazione ortodossa di tali riferimenti al suo cuore?

Dal momento che la Chiesa è il Corpo di Cristo, perché non possiamo prendere l'espressione cattolica romana 'del sacro cuore di Gesù' e tradurlo in terminologia ortodossa con il significato 'l'essenza della Chiesa ortodossa'? Allo stesso modo, dal momento che la Madre di Dio è la Madre della Chiesa, perché non possiamo prendere l'espressione di Fatima del 'del cuore immacolato di Maria' a significare 'gli insegnamenti essenziali della Chiesa', cioè la purezza della santa Ortodossia? Che altro potrebbe esserci nel cuore della Madre di Dio, se non la purezza della santa Ortodossia? Sicuramente, dopo tutto, la santa Ortodossia è il nostro 'rifugio', l'istituzione di devozione alla santa Ortodossia 'salverà i peccatori', la Russia deve essere 'consacrata' alla santa Ortodossia e 'alla fine' la  santa Ortodossia 'trionferà'? Non è questo che tutti noi crediamo?

Furono proprio i peccati contro la Chiesa ortodossa e la santa Ortodossia che erano stati causati da atteggiamenti occidentali anti-ortodossi nei loro confronti, più chiaramente durante la rivoluzione russa. Questo evento fu accolto con entusiasmo dal Papato. Questo avrebbe quindi cooperato con il bolscevismo ateo per tutti gli anni '20 sotto il 'missionario' cattolico romano D'Herbigny in un tentativo inutile e insidioso di convertire la Russia al cattolicesimo. E tutto questo durante la feroce persecuzione della Chiesa indigena, la cui sorte il Vaticano non fece nulla per alleviare.

Questi atteggiamenti anti-ortodossi sono stati presenti in Europa occidentale fin dal tempo della iconoclastia giudaizzante e dell' eresia anti-trinitaria dell'assassino di massa Carlo Magno (768-814 - chiamato 'Beato Carlo Magno' dal Vaticano). Questa è stata la stessa serie di atteggiamenti che dissentivano dalla Chiesa in Europa occidentale e poi la combatterono. Con un processo di de-spiritualizzazione, tali atteggiamenti si sono evoluti nel cattolicesimo romano nel secolo XI, nel protestantesimo nel XVI secolo e, infine, nel secolarismo moderno.

Quest'ultimo si basa sulle ideologie essenzialmente atee dell'Ottocento e del Novecento, di Marx, Darwin, Nietzsche, Freud ecc. Questi pensatori in realtà non hanno scritto dell'umanità, ma solo del proprio vuoto spirituale, ovvero, la loro perdita di fede e miscredenza nell'esistenza dell'anima umana, riducendo così gli esseri umani ad animali. In questo modo, le loro ideologie hanno disumanizzato gli esseri umani attraverso 'lotta di classe', 'sopravvivenza del più forte' ed 'eugenetica' in "animali intelligenti", "scimmie nude", di fatto, in pezzi di carne. A loro volta, hanno provocato il risultato di guerre mondiali (uomini surplus ridotti a carne da macello), dell'olocausto dell'aborto (bambini surplus ridotti a carne da inceneritore), e nel moderno consumismo globale (esseri umani surplus in tutto il mondo ridotti a carne da debito).

Il 13 luglio e in altre occasioni, la Madre di Dio si riferì al rosario, così come alla pace e alla fine della guerra per mezzo della preghiera. Il rosario è un residuo dei nodi o grani di preghiera ortodossi, ereditati nel cattolicesimo romano dall'Occidente ortodossa del primo millennio. Anche se i dettagli della pratica contemporanea cattolica del rosario sono in disaccordo con la pratica ortodossa, non c'è nulla di non ortodosso circa l'uso dei grani di preghiera in sé. La preghiera sincera riceve sempre risposta.

Il 13 luglio la Madre di Dio ha detto che gli errori della Russia si sarebbero diffusi in tutto il mondo, se il mondo occidentale non l'avesse ascoltata. Gli errori della Russia furono di adottare il materialismo occidentale (al momento di Fatima non nella sua forma comunista, ma nella sua forma capitalistica borghese). È infatti proprio questo materialismo, esportato in Russia nel 1917, che è stato diffuso a livello mondiale nel corso del XX secolo, non tanto nella sua inefficiente e fallita forma comunista, ma nella sua forma capitalistica altamente efficiente.

Il 13 luglio la Madre di Dio ha detto che 'il Santo Padre mi consacrerà la Russia e sarà convertita' e che poi seguirà 'un tempo di pace'. E questo non è esattamente quello che è successo nel 2000, quando il patriarca russo ha finalmente confermato la glorificazione dei nuovi martiri e confessori delle terre russe e da quel momento la conversione è stata affrettata?

Così, possiamo vedere dalle precedenti interpretazioni delle visioni di Fatima che in loro non c'è nulla in contraddizione con la dottrina ortodossa. In questa luce, queste visioni possono essere viste in uno spirito ortodosso. Le persone semplici dell'Europa occidentale non sono da biasimare per l'eresia del cattolicesimo romano. Un pesce marcisce dalla testa, non dalla coda. Un eretico è per definizione colui che si oppone coscientemente alla Chiesa. I bambini contadini portoghesi di cento anni fa, che non sapevano nulla dell'Ortodossia, non possono essere accusati di essere eretici. Solo chi rifiuta coscientemente l'Ortodossia e insegna l'eresia può essere accusato di eresia. Questo è chiaramente visibile nella prassi pastorale di oggi, dove i non ortodossi vengono in chiesa per la prima volta, scoprono l'Ortodossia, e dicono: 'Questo è quello che ho sempre creduto', non avendo mai accettato gli insegnamenti della loro denominazione formale.

Né vi è nulla nel 'terzo segreto di Fatima', rivelato a Lucia nel luglio del 1917 e che sarebbe stato reso pubblico dal Vaticano nel giugno del 2000, che contraddice l'Ortodossia (5). Anche se è possibile che non tutti i dettagli del terzo segreto siano stati rivelati, per mancanza di prove dobbiamo lasciare questa possibilità ai teorici della cospirazione. Tuttavia, è notevole che nella prima apparizione, il 13 maggio, la Madre di Dio ha detto che sarebbe apparsa sei volte e poi, 'dopo sei volte, tornerò qui una settima volta'. È possibile che la Madre di Dio appaia di nuovo a Fatima, per la settima volta, e che avrà luogo un'altra rivelazione riguardo alle presenti e future relazioni dell'Occidente con la Russia e l'Ortodossia russa?

Conclusione

Tra il 1992 e il 1997 sono stato parroco della prima parrocchia ortodossa russa in Portogallo, che abbiamo fondato nel febbraio 1992. L'abbiamo dedicata alla santa Protezione della Madre di Dio, la cui festa cade il 14 ottobre nel computo secolare, il giorno dopo l'ultima e sesta apparizione a Fatima, la danza del sole, esattamente 75 anni prima. A quel tempo mi è stato suggerito di celebrare una liturgia nella chiesa uniate al santuario cattolico a Fatima. Ho categoricamente rifiutato questa proposta, in quanto non volevo allora, e non voglio ora, a dare credito a quell'interpretazione posteriore, imposta dall'alto, degli avvenimenti di Fatima. Tuttavia, credo davvero che ci sia un'interpretazione ortodossa degli eventi di Fatima.

Credo che questi eventi possono ben riguardare una Russia che in questo momento è in corso di conversione. Questo processo è iniziato quando le preghiere dei nuovi martiri e confessori hanno cominciato a distruggere l'ateismo dopo la loro glorificazione da parte della Chiesa libera fuori della Russia a New York nel 1981. Questo è ancor più significativo, dal momento che, secondo lo storico Piotr Multatuli, pronipote di uno dei martiri, fu proprio da New York che fu inviato l'ordine di uccidere i martiri imperiali nel 1918. Questo 1981 glorificazione, che ha ribaltato la condanna del 1918, è stata finalmente confermata e sostenuta nella Chiesa liberata all'interno della Russia dal Patriarca Alessio II di Mosca nel 2000. Tocca ora al mondo occidentale sempre più ateo di ascoltare il messaggio urgente e di grande rilevanza che gli manda la Russia post-atea, vale a dire che l'ateismo non funziona, ma la devozione all'Ortodossia funziona davvero.

Arciprete Andrew Phillips

Colchester, Inghilterra

Note

1. Teologia Pastorale, parte II, P.41, Jordanville 1961

2. Vedere A. Merzljukin, Sul dogma cattolico del 1854 (in russo 1960, in francese 1961).

3. Naturalmente, se fosse emessa una dichiarazione sinodale ufficiale contro l'autenticità di Lourdes o Fatima, vi obbediremmo ritirando qualunque osservazione fatta qui e i punti di vista che possono contraddirla. I nostri pensieri sono solo timidi suggerimenti, che ci auguriamo possano stimolare il pensiero e la preghiera su questo tema. Non sono certamente dichiarazioni supponenti e dogmatiche. I suggerimenti ci sembrano veri, ma rimaniamo aperti a idee nuove e contraddittorie sull'argomento.

Tuttavia, non possiamo fare a meno di notare che i russi più anziani come il metropolita Evlogij (Georgievskij), la cui ortodossia era irreprensibile, credevano a Lourdes e Fatima (vedi A. Merzljukin, anche nel suo libro russo 'La stella che ha partorito il sole' (Parigi, 1967), e padre Konstantin Zajtsev, cit., pp. 38-42). Le uniche due fonti a noi note che negli ultimi decenni suggeriscono che la Madre di Dio non può apparire ai non ortodossi e che nega categoricamente sia Lourdes e Fatima, appartengono a convertiti dall'eterodossia. Attraverso l'estremo di un eccesso di zelo, zelo senza conoscenza, e desiderio di essere 'più ortodossi che gli ortodossi', sono ora parte di gruppi che sono fuori della Chiesa ortodossa. Così, vediamo come un estremo, la 'super-ortodossia', porta all'estremo opposto, a essere al di fuori della Chiesa.

4. A metà degli anni '80 abbiamo inviato la fonte del samizdat in questione al vescovo (ora metropolita) Hilarion (Kapral). Padre Lev era allora un sacerdote della Chiesa patriarcale. Come molti sacerdoti patriarcali all'interno della Russia era anche coinvolto con i cristiani delle catacombe, come mi sono reso conto al nostro incontro nel 1976. È un mito moderno che le due parti della Chiesa in Russia nel periodo sovietico, la stragrande parte patriarcale e la minuta parte catacombale, fossero completamente separate.

5. Vedere Orthodox England Vol 4 No 2 (dicembre 2000).

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8