Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=31&id=205  Mirrors.php?cat_id=31&id=602  Mirrors.php?cat_id=31&id=646  Mirrors.php?cat_id=31&id=4898  Mirrors.php?cat_id=31&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=31&id=204  Mirrors.php?cat_id=31&id=206  Mirrors.php?cat_id=31&id=207  Mirrors.php?cat_id=31&id=208  Mirrors.php?cat_id=31&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=31&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 25 novembre 2018)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 28 novembre 2018)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 7
  Recensione: Il Typikon decifrato

Libro dell'archimandrita Job (Getcha)

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

L'archimandrita Job (Getcha), di famiglia ucraina e nazionalità canadese, è stato decano dell'Istituto San Sergio a Parigi, dove ha insegnato liturgia e storia della Chiesa; oggi è professore di teologia dogmatica e liturgica all'Istituto di Teologia Ortodossa a Chambesy-Ginevra, Svizzera. Talvolta viene anche in Italia, e lo abbiamo avuto ospite nella nostra parrocchia a Torino.

Nel 2009 padre Job ha pubblicato a Parigi, presso Les Editions du Cerf, un libro dal titolo Le Typikon décrypté: Manuel de liturgie byzantine, che raccoglieva i testi dei corsi di liturgia da lui tenuti all'Istituto San Sergio negli anni precedenti. Il libro è stato tradotto in inglese da Paul Meyendorff, professore di teologia Liturgica al St Vladimir's Theological Seminary, e pubblicato nel 2012 con il titolo The Typikon Decoded: An Explanation of Byzantine Liturgical Practice (St Vladimir's Seminary Press, The Orthodox Liturgy Series, book 3).

  

Abbiamo quindi disponibile nelle due più diffuse lingue occidentali una chiave di lettura al più complicato e – per dare ragione al titolo del libro – criptico testo delle ufficiature liturgiche: il Grande Tipico, libro guida del complesso mondo delle preghiere e innografie ortodosse, e delle loro infinite combinazioni.

Il Grande Tipico, di per sé, non è ancora stato pubblicato integralmente in francese o in inglese (per non parlare dell'italiano), e da questo possiamo almeno dedurre che la conoscenza di questo libro voluminoso è complicato non è un prerequisito a seguire le lezioni di padre Job. Nondimeno, nel primo capitolo di questo manuale troviamo spiegazioni sulla formazione di tutti i libri liturgici ortodossi, non soltanto il Tipico, ma anche il Salterio, l'Orologio, l'Ottoico, i Minei, il Triodio e il Pentecostario, L'Eucologio, lo Ieratico, l'Epistolario e l'Evangeliario. Di ogni libro si rintraccia l'origine, le diverse edizioni, e le scelte redazionali che hanno portato diversi paesi ortodossi a pratiche liturgiche leggermente discostanti tra loro. Non fosse che per questa prima parte, questo libro dovrebbe diventare lettura fondamentale per tutti quanti si affacciano al mondo dell'Ortodossia attraverso la lente di una singola tradizione locale, e desiderano capire perché tale lente si trasforma sotto i loro occhi in un prisma di usi differenti, e apparentemente contraddittori, che spesso convivono nelle varie chiese ortodosse della stessa località.

Il libro prosegue comunque il suo valido contributo, offrendo nel secondo capitolo un'analisi completa delle funzioni "di base" dell'Orologio (Libro delle Ore): L'Officio di Mezzanotte (Mesonittico), Il Mattutino quotidiano, le Ore, il Vespro Quotidiano e la Compieta (Apodipno). Ogni funzione è corredata da schemi, che illustrano in parallelo le varianti che le funzioni possono avere.

Nel terzo capitolo, dedicato agli offici dei Minei, si analizzano le differenti scale di solennità dei libri liturgici slavi e greci, e le rispettive modalità di combinazione del Vespro, del Mattutino e della Veglia (Agripnia). Un'attenzione particolare è data alle complessità di combinazione del Mattutino, e nella trattazione delle Grandi Feste e dei loro periodi di antefesta e postfesta, si analizza in particolare la stagione a cavallo delle feste della Natività di Cristo e della Teofania.

Il quarto capitolo, dedicato agli offici del Triodio, è il più lungo del libro, e guida il lettore dalle settimane preparatorie della Grande Quaresima fino alla dettagliata complessità della Santa e Grande Settimana.

Il quinto capitolo analizza gli offici del Pentecostario dalla Pasqua alla Domenica di Tutti i Santi, fino ad accennare agli aspetti liturgici del digiuno degli Apostoli.

Il libro è corredato da un glossario (con i termini di base in greco e slavonico) e da un'estesa bibliografia di fonti liturgiche, studi specialistici in lingue occidentali, e studi in lingue slave.

Ecco due modi per ottenere facilmente una copia del libro:

Acquisto on-line via Amazon (testo in lingua francese)

Acquisto on-line via Amazon (testo in lingua inglese)

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 7