Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=31&id=205  Mirrors.php?cat_id=31&id=602  Mirrors.php?cat_id=31&id=646  Mirrors.php?cat_id=31&id=4898  Mirrors.php?cat_id=31&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=31&id=204  Mirrors.php?cat_id=31&id=206  Mirrors.php?cat_id=31&id=207  Mirrors.php?cat_id=31&id=208  Mirrors.php?cat_id=31&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=31&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 1 marzo 2018)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 7
  La vita, le lacrime e l'amore di Ekaterina Gumenjuk: storie della diaspora russa

di Olga Rozhneva

Orthochristian.com, 28 giugno 2018

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Ekaterina Dmitrievna presso le reliquie di San Giovanni di Shanghai

Hanno conservato il loro amore per la Russia

In America si incontrano immigrati russi che solo pochi anni dopo il loro arrivo iniziano a parlare in uno strano mix di inglese e russo, e si lamentano del fatto che stanno dimenticando la loro lingua madre. Ancor più impressionanti sono i russi che si sono trovati in una terra straniera a causa di un terribile cataclisma storico, hanno sopportato tutti i dolori di una vita di rifugiati, hanno trascorso le loro intere vite all'estero, ma parlano un russo puro e genuino che rimanda ai tempi pre-rivoluzionari. Questo è semplicemente fantastico, ma pur avendo padroneggiato l'inglese o persino altre lingue, sono riusciti a conservare la lingua russa. Hanno conservato anche il loro amore per la Russia, anche quelli che non avevano mai messo piede nel paese, ma ne avevano solo sentito parlare dai loro genitori.

L'eroina della mia storia, Ekaterina Dmitrievna, è in questo gruppo. L'orribile vortice del cambiamento ha sballottato la sua famiglia da Harbin, in Cina, a Tianjin, poi a Hong Kong, e poi ancora in Brasile e infine in California. In diverse nazioni, in tre continenti, e ovunque c'era il pane amaro dell'esilio, lingue e tradizioni straniere, religioni aliene. Questi russi hanno portato la loro fede cristiana ortodossa come una candela nel vento aspro e hanno conservato la fiamma, diventando emissari della loro patria in terre lontane.

Harbin

Il nonno paterno di Ekaterina, Semjon Gumenjuk, era un ingegnere che lavorava alla ferrovia cinese orientale. Questa divenne gradualmente il più grande progetto russo in Manciuria e decine di migliaia di russi vi andarono a lavorare.

A poco a poco la piccola città cinese di Haobin vicino a un ponte sul fiume Sungari fu trasformata nella città di Harbin, un centro degli impiegati della ferrovia russa. In accordo con i cinesi, la Russia non poteva inviare truppe regolari in Manciuria, quindi la sicurezza era fornita dalla ferrovia: cinquecento cavalieri, 200 dei quali erano cosacchi di Kuban.

La nonna materna di Ekaterina era di famiglia benestante, possidente di grandi greggi di pecore. Sua nonna e sua sorella, entrambe insegnanti, arrivarono a Harbin da Samara.

C'erano 20 chiese ortodosse aperte a Harbin. C'erano scuole e collegi russi, un'orchestra sinfonica, un teatro dell'opera, un teatro drammatico e persino una compagnia di balletto diretta da artisti della compagnia di balletto imperiale di Mosca.

Harbin era unica per la sua posizione geografica; anche dopo il 1917, rimase una parte della Russia pre-rivoluzionaria con le sue tradizioni, la fede ortodossa e l'ideale del servizio alla patria.

Harbin – una città russa in Cina

I genitori di Ekaterina nacquero a Harbin: Dmitrij Semjonovich Gumenjuk nacque nel 1920, e sua madre Galina Alekseevna nacque nel 1922. Si incontrarono e si sposarono ad Harbin, e nel 1944 nacque Katjusha. Suo padre lavorava come meccanico, mentre la giovane madre allevava sua figlia.

Katja studiò in una scuola sovietica per cinque anni felici, con amici, scuola, chiesa... Katya adorava frequentare la chiesa e cantava insieme a sua nonna.

Harbin

Come le icone iniziarono a rinnovarsi

All'improvviso, le icone delle chiese iniziarono a brillare. Katja lo ha visto con i suoi occhi. Nel 1952, l'Unione Sovietica concesse la piena amministrazione della ferrovia al governo della Repubblica Popolare Cinese, senza compensi. Tutto ciò per cui i russi avevano lavorato sotto gli imperatori era finito. Ma prima di questo, le icone nelle chiese si stavano rinnovando: Katja ha assistito a questo miracolo in prima persona.

Un giorno i cinesi chiusero una delle chiese, con l'intenzione di trasformarla in un magazzino, e improvvisamente videro l'affresco nella cupola brillare improvvisamente. Quindi iniziò a brillare l'iconostasi. I cinesi furono spaventati da questo meraviglioso spettacolo e si precipitarono fuori dalla chiesa.

Prima di lasciare la loro città natale, molti russi a Harbin pregarono davanti a un'icona di San Nicola, il santo patrono dei viaggiatori, esposta nella stazione ferroviaria. Anche molti cinesi riverivano questa immagine.

Molti anni dopo, a San Francisco, Katja incontrò a badessa Ariadna (Michurina), che portava sempre un'icona dipinta della Madre di Dio di Vladimir ovunque fosse costretta a trasferirsi. Anche quest'icona si era illuminata nelle sue stesse mani a Harbin mentre era ancora una giovane novizia e fu testimone del fatto la sua madre spirituale, la badessa Rufina, nel 1925.

Vladyka John con gli abitanti del monastero dell'icona della Theotokos di Vladimir, la badessa Ariadna, il clero e i custiodi del rifugio di Olginsk al monastero

Un angolo della vecchia Russia

Cosa rimaneva per i russi a Harbin dopo tanti anni di duro lavoro sulla ferrovia? La presenza russa purtroppo si era conclusa in Cina. Molti russi di Harbin tornarono in Unione Sovietica: erano stati promessi loro posti di lavoro, abitazioni e una vita felice. Invece, ricevettero sentenze nei campi di prigionia. Anche lo zio di Katja, un violinista, andò in URSS: sua moglie desiderava tornare a casa.

Fortunatamente, la famiglia di suo zio sfuggì alla prigione, ma furono mandati in un insediamento in Kazakistan, dove il talentuoso musicista fu costretto a lavorare come pastore. Il nonno era proprietario di grandi greggi, ma il nipote era un semplice pastore.

I genitori di Katja lasciarono Harbin solo molto più tardi di molti altri, nel 1955. Invece del campo di prigionia nell'Unione Sovietica, si trasferirono a Tianjin.

Vagando in terre straniere

La famiglia di Katja non si fermò a Tianjin: nel 1949 i comunisti di Mao Tse Tung salirono al potere in Cina. Allora tutte le imprese di proprietà straniera furono rilevate dai cinesi, mentre i nemici del comunismo furono imprigionati o uccisi. Divenne molto pericoloso per i russi rimanere a Tianjin.

Una dimostrazione con ritratti di Mao

I genitori di Katja raggiunsero miracolosamente Hong Kong, aspettando un visto per tre mesi, poi si imbarcarono su una nave per il lontano Brasile. Furono fortunati: sfuggirono alla morte in un campo di prigionia, elusero la prigione comunista cinese, famosa per la brutalità verso i nemici ideologici, con i seguaci radicali di Mao che torturavano e uccidevano chiunque ritenessero non sufficientemente devoto agli insegnamenti del loro capo.

Hong Kong negli anni '50

Katja compì 12 anni a bordo della nave. La sua famiglia festeggiò il suo compleanno in mare aperto e il 12 gennaio 1956 la nave arrivò a Rio de Janeiro. I viaggiatori esausti si diressero verso San Paolo, dove non trovarono nessuno a salutarli.

Rio de Janeiro

Il Brasile

I rifugiati russi appresero rapidamente che il sole a San Paolo è spietato, e brucia la pelle anche attraverso la coltre delle nuvole. La città di tre milioni di abitanti era anche molto umida, con frequenti forti temporali. Gli esuli vivevano in un edificio povero dove nessuno aveva mai sentito parlare di aria condizionata, e soffrivano di caldo di giorno e di afa di notte.

C'erano molti quartieri poveri in città, chiamati "favelas". Avevano alti tassi di omicidi e rapine, quindi la vita a San Paolo era dura.

favelas

Katja si iscrisse a una scuola brasiliana, e da bambina imparò facilmente il portoghese. Sua madre si accertò che non dimenticasse il russo. Katja era spesso malata da bambina e sua madre le leggeva libri russi mentre era a letto. Più tardi anche Katja li lesse avidamente, e così il russo rimase la sua lingua "nativa" per il resto della sua vita. Adesso parla anche inglese, un po' di cinese e un po' di greco. Ma il russo rimane la sua lingua principale.

Dopo essersi diplomata al liceo, Katja andò a lavorare come segretaria di un siriano che possedeva una fabbrica tessile. Era un cristiano ortodosso e studiava il russo. Katja in seguito continuò la sua formazione, studiando artigianato e costruzioni, dopo di che ottenne un lavoro in una società di costruzioni.

Il primo amore e un nuovo viaggio

Katjusha divenne un'incantevole signorina. Incontrò il suo futuro marito, George, che si innamorò di lei a prima vista. Proveniva dai greci del Ponto, e poco dopo che si incontrarono, la famiglia di George si trasferì in America. Lui aveva 20 anni, lei 19, e la partenza fu tragica per loro.

All'epoca il Brasile soffriva di una crisi economica, uno stato militare, bassi salari, ed era incredibilmente difficile ottenere il visto per gli Stati Uniti per chi veniva dalla Cina. I due continenti, Nord e Sud America, erano mondi a parte.

Il giovane innamorato si propose a Katjusha e promise di sponsorizzare il suo arrivo in America non appena avrebbe trovato lavoro e risparmiato dei soldi. Ma lei rifiutò: non è chiaro se si sarebbero mai incontrati di nuovo.

Oggi, Katja ricorda di aver aperto la porta e di aver visto George in piedi davanti a lei

All'inizio mantennero una corrispondenza febbrile, poi litigarono e le lettere cessarono. Ma il Signore previde la loro unione: quattro anni dopo, il giovane era già indipendente, ricordava e amava Katja e non voleva sposare nessun'altra. Attraverso degli amici, con trepidazione e speranza, apprese che era ancora disponibile e si recò in Brasile.

Katja aveva pensato che ormai fosse sposato da molto tempo, invece volò a incontrare lei. Ricorda ancora di aver aperto la porta e di aver visto George in piedi davanti a lei.

Si sposarono civilmente a San Paolo, volarono a San Francisco e furono sposati nella nuova cattedrale costruita da san Giovanni di Shanghai e San Francisco, il Taumaturgo. Katja aveva ora un nuovo cognome greco, insolitamente lungo: Triantafillidis. Era il 1967.

Vladyka John era morto solo un anno prima (il 19 giugno 1966), durante una visita pastorale a Seattle con l'icona della Radice di Kursk della Madre di Dio "del Segno". Il Signore gli aveva rivelato in anticipo il tempo della sua morte. Morì seduto nella sua poltrona nel suo ufficio, da vero monaco.

George aveva incontrato vladyka John, lo aveva visitato e aveva chiesto la sua benedizione. Katja fu in grado di sponsorizzare l'immigrazione dei suoi genitori dal Brasile nel 1976, e la famiglia fu nuovamente riunita.

Vissero sotto la guida spirituale di padre Mitrofan (Manuilov), un seguace di Vladyka John. Padre Mitrofan era nato nel 1900 e finì all'estero dopo la seconda guerra mondiale. Era un parrocchiano di vladyka John, e quando sua moglie morì, il vescovo lo benedisse per essere ordinato sacerdote. Era un compagno spirituale di Vladyka John e andò con lui in Francia, poi a San Francisco.

San Francisco

San Francisco

I vivi possono pregare per se stessi, ma i morti non possono

Padre Mitrofan amava celebrare panichide, ovvero funzioni di commemorazione funebre. Spesso ne serviva una per il suo padre spirituale, e in questo modo presentava il defunto vescovo a Katja e ai suoi genitori, insegnava loro ad amarlo e venerarlo come faceva lui. Celebrava le panichide nella cripta sotto la cattedrale di San Francisco della Madre di Dio "Gioia di tutti gli afflitti", dove riposavano i resti di vladyka John prima della sua canonizzazione.

san Giovanni di Shanghai e San Francisco

Quando padre Mitrofan invecchiò, i suoi piedi dolevano e chiedeva a Katja: "Per favore, portami in macchina fino alla cattedrale, così posso fare una panichida per vladyka John". E lei così faceva.

Padre Mitrofan ha insegnato a Katja a pregare intensamente per i defunti, dicendo: "I vivi possono pregare per se stessi, ma i morti non possono. È nostro dovere cristiano pregare per loro ". Pregava anche per i genitori dei santi, compresi quelli di vladyka John – Boris e Glafira – e aveva una lunga lista manoscritta dei morti, che Katja in seguito aveva battuto a macchina per lui.

i genitori di vladyka John

"Gioia inaspettata"

Padre Mitrofan amava recitare il servizio di intercessione (Moleben) alla purissima Madre di Dio davanti all'icona che teneva nella sua casa, la "Gioia inaspettata". Ungeva i suoi figli spirituali con l'olio della lampada che ardeva davanti all'icona, e di conseguenza vi furono casi di guarigioni miracolose.

Amava Gerusalemme, e vi fece 23 pellegrinaggi, conducendo spesso gruppi che includevano anche i nipoti di Katja.

Padre Mitrofan visse i suoi ultimi giorni nel monastero della Santissima Trinità a Jordanville, NY. Si addormentò nel Signore il 1/14 gennaio 1986, mentre l'acatisto della Madre di Dio "Gioia inaspettata" veniva letto sul suo letto. Fu sepolto nel monastero.

Sotto la guida orante di vladyka Giovanni di Shanghai

Da giovane, Katya amava andare in chiesa e questa abitudine era rimasta. Si unì alla sorellanza parrocchiale e nel corso di molti anni ha prestato servizio come assistente a quattro sorelle anziane, assumendo finalmente tale ruolo.

Ha avuto quattro figli, che sono andati tutti alla scuola ortodossa della cattedrale, mentre Ekaterina Dmitrievna era presidente del comitato dei genitori. Per molti anni ha insegnato la lingua russa a scuola, e ha anche diretto l'asilo.

Uno dei suoi figli, il protodiacono Nicholas, ha prestava servizio nella cattedrale, e sua moglie Nadezhda e sua figlia Anastasia cantavano nel coro, mentre i loro figli Anthony e Terenty servivano come accoliti.

Nel 2014, a padre Nicholas è stato diagnosticato un cancro e gli è stato dato meno di un anno di vita. Non molto tempo prima della sua morte, ha fatto un pellegrinaggio al Santo Monte Athos per pregare davanti all'icona di Iviron della Madre di Dio e alla Madre di Dio "Pantanassa". Poi è andato con la sua famiglia a San Pietroburgo per pregare davanti alla beata Ksenija di San Pietroburgo, e poi a Mosca per pregare davanti alle reliquie di santa Matrona di Mosca.

padre Nicholas

Nel 2015, circondato da familiari e amici, padre Nicholas ha ricevuto i Santi Doni e pochi minuti dopo si è addormentato nel Signore. Aveva 44 anni.

Ekaterina Dmitrievna, sua nuora e tre nipoti hanno pregato presso le reliquie di san Giovanni di Shanghai. Osservando il volto sorridente, accogliente e bonario di Ekaterina Dmitrievna, è difficile immaginare che questa persona abbia sopportato una vita così difficile e dolorosa, ma continua a rallegrarsi nel Signore, riscaldando tutti con la sua presenza e pregando con fervore.

Santo padre Giovanni, intercedi presso Dio per noi!

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 7