Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 1 marzo 2018)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 7
  Una terra intrisa del sangue dei martiri e città costruite su ossa umane

Sui nuovi martiri e confessori del nordest russo

Intervista di padre Pavel Chidemjan e di Pjotr Davydov al vescovo Mitrofan (Badanin) di Severomorsk

Orthochristian.com, 2 aprile 2018

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Il vescovo Mitrofan (Badanin) di Severomorsk e Umba (nell'estremo nordest della Russia) parla con due giovani, un prete e uno scrittore, sul significato del podvig dei nuovi martiri e confessori della Russia per noi che viviamo oggi, sul processo di canonizzazione di questa grande schiera di santi, e sul vivere il grande nome di "cristiani".

i santi Trifon di Pechenga, Feodorit di Kola e Varlaam di Kerensk

Vostra grazia, che senso ha venerare le reliquie dei santi? Nella sua stessa diocesi di Severomorsk, la gente parla con gioia della recente scoperta di un reliquiario con le reliquie di molti nuovi martiri e confessori della Russia. Perché hanno portato le reliquie? Quali conclusioni spirituali possiamo trarre dalla loro presenza qui? Quali sono i frutti?

I frutti? Il fatto stesso che siano arrivati ​​qui è il frutto che ci è stato rivelato e concesso. Dopo tutto, abbiamo pregato in questi giorni per l'intera schiera dei nuovi martiri, i nostri santi compatrioti. Comprensibilmente questo processo di entrare in comunione con loro non deve essere transitorio; stiamo parlando di diventare spiritualmente maturi per tale comunione. C'è un certo processo di entrata in comunione con coloro che sono ora nel regno dei cieli e stanno davanti al trono di Dio e che sono i nostri intercessori davanti al Signore. Non c'è dubbio che intercedono per noi, come lo fanno, a proposito, i milioni di altri che sono morti durante la terribile storia del ventesimo secolo. Tuttavia, coloro che ora sono già canonizzati dalla Chiesa sono particolarmente onorati. Questi santi graditi a Dio pregano per noi, e questo è il significato della nostra venerazione delle reliquie dei santi – sottolineo che dobbiamo avere una venerazione cosciente unita alla preghiera, e non semplicemente (perdonami se la metto in questi termini) una "applicazione diligente".

Qualche volta siamo presi alla sprovvista dal prefisso "Nuovo". Sembrerebbe che i santi siano santi in ogni momento, e ora abbiamo qualcosa di nuovo. Come dovremmo capire questo "qualcosa di nuovo"?

Come una grande gioia, una felicità cristiana eternamente nuova e fresca. Mi spiegherò. Ovviamente questo ha il suo carattere specifico. Il podvig dei nuovi martiri è stato realizzato molto recentemente, e questi santi sono essenzialmente nostri contemporanei. La nostra associazione con loro, la nostra accoglienza delle loro vite, il loro servizio alla Chiesa non sono gli stessi dei santi di antica data, i martiri dei primi secoli, come san Giorgio il Trionfatore, san Panteleimone, san Demetrio di Tessalonica e altri grandi graditi a Dio. Ci sono già molte magnifiche chiese costruite a loro nome, delle belle icone sono state dipinte e sono state scritte le loro funzioni complete. Ci sono millenni di tradizioni legate alla nostra venerazione nei loro confronti. Siamo proprio all'inizio di un percorso molto importante di scoperta di questo tesoro spirituale, che ha un potere unico. E bisogna dire che la gerarchia della nostra Chiesa ci ricorda continuamente che dobbiamo prestare particolare attenzione al compito di giungere a una venerazione significativa dei nuovi martiri.

È una buona cosa dare ai nostri bambini i nomi dei nuovi martiri. Inutile dire che san Nicola il Taumaturgo di Myra in Lycia può sicuramente "fare fronte" ai suoi doveri di patrono celeste di tutti quei milioni di Nicola che hanno ricevuto il suo nome ai loro battesimi. Ma lo stesso, perché non onorare il podvig di un santo degli ultimi tempi dando a un bambino il suo nome? Penso che questa richiesta di mecenatismo cristiano per il nostro bambino diventerà una grande gioia sia per il santo che per il bambino. Certo, quel santo estenderà ogni sforzo per prendersi cura di questo forse suo primo protetto, i cui genitori hanno apprezzato le sue fatiche.

Per esempio, abbiamo glorificato come nuove martiri la beata anziana Eudochia e le sue attendenti di cella Daria, Daria e Maria di Puzo dal villaggio di Suvorovo vicino ad Arzamas, nella diocesi di Nizhny Novgorod, che furono giustiziate nel 1919. Alla scoperta delle loro reliquie, a cui ho avuto l'onore di partecipare, c'è stato un evento incredibile. Era il giugno del 2002. Un iconografo, Evgenij, che aveva preso parte alla pittura di un'icona di queste nuove martiri, stava portando la sua futura moglie al reparto maternità. A quel tempo gli ultrasuoni di cui tutti ci fidavamo così tanto dimostravanoo che avrebbero avuto un maschio, e avevano già scelto il nome Ivan.

Io e padre Vasilij, che era allora il rettore della chiesa di Suvorova, abbiamo esposto le reliquie, le abbiamo rivestite – e la moglie di Evgeny partorivava il sui neonato in quel momento. Noi vestivamo le reliquie e lei stava partorendo alla luce, ed Evgenij era presente al parto. Il dottore ha pres oil neonato e mostrandolo ha detto: "Ecco, è una bambina. Come la chiamerete? "Erano totalmente perplessi – come poteva essere una bambina quando gli ultrasuoni avevano detto che era un maschio?" Ma poi hanno detto all'unisono "Eudochia!", anche se non c'era nessuno nella loro famiglia con quel nome . Più tardi, quando hanno detto il nome ai nonni della bambina, questi sono stati presi alla sprovvista. "Avete perso la testa? Ma quale Eudochia? Prima di tutto la prenderanno in giro con il soprannome Dun'ka [1], e inoltre, non abbiamo nessuno con quel nome nella storia della nostra famiglia! Chi è la santa patrona?" Nel frattempo Evgenij e sua moglie si chiedevano anch'essi l'un l'altra: "Perché hai ditto così? ...E perché lo hai detto tu? ...Non lo so ...Non lo so neppure io ...Perché lo abbiamo detto insieme?" Lo hanno detto perché i nostri santi sono proprio accanto a noi. Glorificati dal Signore, stanno osservando le nostre vite, vedendo nei nostri cuori e aspettando, come per chiedere "Ebbene? In onore di chi avete intenzione di nominare la bambina? Naturalmente hanno battezzato la neonata in onore della Beata Eudochia-Dunechka, la nostra meravigliosa nuova martire della Chiesa russa. E la ragazza è cresciuta bella e intelligente. È già diventata grande.

Quindi i nuovi martiri sono proprio accanto a noi, e dobbiamo ricordarlo. E il fatto che ci sono familiari per noi aggiunge ancora più certezza che saranno i nostri protettori più zelanti e non lasceranno che nessuno ci faccia del male. Se solo saremo degni di loro e li onoreremo adeguatamente.

Per quanto riguarda la vostra domanda sul senso di venerare le reliquie dei santi, dirò che viaggiando intorno alla nostra diocesi con questo reliquario contenente un così gran numero di reliquie dei Nuovi Martiri, permettiamo una comunione costante e stretta di cui abbiamo tanto bisogno tra la Chiesa terrena – la Chiesa militante – e la Chiesa celeste, già trionfante.

Il processo di canonizzazione

Il processo su larga scala che sta ora procedendo alla canonizzazione dei martiri russi del XX secolo non ha precedenti nella storia della Chiesa. Questo lavoro è sempre facile? Secondo lei, cosa rende questo lavoro difficile?

Una volta nella diocesi di Murmansk ho diretto una commissione per la canonizzazione dei santi e ho lavorato nei nostri archivi dell'NKVD, che erano miracolosamente aperti all'epoca (ora, con nostro grande dispiacere, è di nuovo difficile accedere agli archivi). L'approccio nel selezionare quei sofferenti che potevano essere glorificati tra i santi era molto severo, e l'accento principale era posto sulle informazioni che potevano essere tratte dai protocolli degli interrogatori. L'approccio della Commissione sinodale era perfettamente spiegabile: c'era un certo parallelo tra i protocolli dell'NKVD e i protocolli delle prove dei martiri in epoca romana, i cosiddetti Acta Martyrum. In questi antichi documenti che sono giunti fino ai nostri giorni ci sono dettagli che descrivono la confessione della fede da parte dei martiri – le domande dell'accusatore, le risposte dell'imputato e poi i metodi applicati per spaventarlo, per fargli rinnegare la sua fede e fargli fare sacrifici agli dei "statali" di Roma. Uno doveva essere torturato col fuoco, un altro con artigli di ferro, poi seguivano altre istruzioni, ecc. Questi Acta erano una base pienamente affidabile per la canonizzazione dei molti martiri dei primi secoli del cristianesimo e furono scritti ai tempi delle loro vite. Un documento del genere dimostra che la persona che ha subito la tortura non ha rinunciato alla sua fede. Pertanto la nostra Commissione sinodale ha seguito la stessa strada, ma da noi c'è comunque una differenza. Vedete, il compito dei procuratori e dei giudici romani che conducevano quegli interrogatori era di indurre una rinuncia a Cristo e l'accettazione del concetto religioso di stato. Il cittadino doveva essere portato alla sottomissione, ad adorare gli dei pagani che Roma adorava, quegli dei che secondo lo stato erano responsabili della grande potenza e delle conquiste dell'impero. Se avessero cambiato la loro fede, lo stato pagano si sarebbe disgregato, perché era stato fondato su questa religione. E i cristiani stavano distruggendo le tradizioni, il che significava che dovevano essere costretti all'obbedienza e costretti a respingere i loro "errori". Quindi c'era un compito concreto a portata di mano.

il monastero di san Trifon di Pechenga nel villaggio di Luostari, provincia di Murmansk. Foto: skyscrapercity.com

Ed era diverso per i nuovi martiri?

Lo era. Dopotutto, nessuno diceva loro: "Rinuncia a Cristo". Lo dicevano diversamente: "Stai conducendo una propaganda che non rispetta correttamente la Costituzione di Stalin", oppure "Stai conducendo riunioni illegali, che chiami 'scuola domenicale', o qualcosa di quella natura. Che cosa fai in quegli incontri, chi assiste, quali sono i loro cognomi, nomi e patronimici?" In questi protocolli non c'è quel momento molto importante della "rinuncia alla propria fede". Quella richiesta non fu mai fatta esplicitamente in nessuna circostanza, perché il governo sovietico in quei giorni stava dichiarando al mondo intero che noi avevamo totale libertà di coscienza. Questo era particolarmente importante per i contatti all'estero. Se alcuni fatti di persecuzione ufficiale proprio contro la Chiesa fossero stati resi noti, quei contatti sarebbero cessati assieme al rifornimento di fabbriche, specialisti, attrezzature, macchine utensili e tutto il resto che il nostro paese aveva acquistato all'estero per soddisfare il suo piano per l'industrializzazione.

Lo stesso Lenin odiava il patriarca Tikhon con spirito di vendetta, e questo si può vedere in tutti i suoi discorsi. Non sopportava il patriarcato in generale, che lo faceva smaniare di rabbia. Voleva a tutti i costi far fucilare il patriarca. Il suo scopo era quello di organizzare un processo pubblico e poi farlo giustiziare. Tutto era stato preparato per questo: era stata pianificata una provocazione con la confisca degli oggetti di valore della Chiesa. [2] Era stato calcolato che la Chiesa avrebbe reagito con insoddisfazione. Si aspettavano che il patriarca esortasse i fedeli a difendere le proprietà della Chiesa dalle autorità senza Dio. C'erano persino articoli di giornale preparati in anticipo in cui il patriarca era chiamato nientemeno che "Tikhon il Cannibale". Il significato dietro questi articoli accusatori era fondamentalmente questo: "Ah, così non avete compassione dei nostri poveri contadini oltre il Volga, che si mangiano a vicenda e muoiono a migliaia ogni giorno. Aha, è così che è la vostra Chiesa". E poi arrivò un totale fiasco. Il patriarca annunciò: "acconsentiamo". Disse, naturalmente aiuteremo le persone affamate e rinunceremo alle decorazioni della nostra chiesa e così via. Perché avremmo bisogno di tutti quegli ori e diamanti quando c'è una terribile carestia? Quando i fedeli erano ricchi hanno adornato le chiese, hanno donato quelle cose e ora c'è una catastrofe. Certo, dobbiamo nutrire la gente. Lenin era fuori di sé. Chiese che questo annuncio fosse ignorato, diede ordine di fare comunque come se si rifiutassero di cooperare, di irrompere e di strappare le cornici dalle icone; cioè, di provocare e iniziare un conflitto con la Chiesa, di non permettere sotto alcun pretesto alcun tipo di donazione volontaria, perché non era questo ciò che cercava.

Alcuni hanno suggerito che l'arresto e la condanna del patriarca Tikhon non abbiano avuto luogo solo grazie alle proteste dall'Inghilterra scritte nel cosiddetto "Ultimatum di Curzon " [l'ultimatum inviato da George Nathaniel Curzon, primo Marchese Curzon di Kedleston, uno statista britannico conservatore, ndt] [3] Così il governo sovietico fu costretto a mascherare le sue persecuzioni dirette contro la Chiesa e fece ipocritamente arrestare i fedeli secondo altri articoli del Codice penale della Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa.

Questo è il motivo per cui un simile approccio alla canonizzazione è molto complicato. Ripeto: non era stata chiesta la rinuncia ufficiale alla fede. Ho presentato per la canonizzazione il nome del nostro sacerdote Grigorij Lisienkov di Umba, arrestato nell'autunno del 1937 e giustiziato esattamente un mese dopo. Gli interrogatori andarono fondamentalmente in questo modo: "Ci è noto che tu conduci incontri con i parrocchiani, che hai detto questo e che..." "Sì, l'ho detto; beh, non lo so, mi sembra di aver parlato correttamente e di non aver fatto dichiarazioni contro le autorità..." "Va bene, quindi firma qui che hai detto che..." Il prete ha firmato il protocollo, non ha rinunciato alla sua fede, e non ha incriminato nessuno. Ma la commissione per la canonizzazione ha detto: "Ma ha firmato il protocollo e non avrebbe dovuto farlo. Avrebbe dovuto dire: No, non firmerò". Tuttavia ciò crea una situazione piuttosto confusa: la Chiesa è rispettosa della legge, osserva le leggi dello stato, non entra in conflitto o in opposizione politica. Dopo tutto, non c'era rinuncia alla fede in questo caso.

Da un lato, la canonizzazione è una cosa sacra e mistica, ma d'altra parte, siamo costretti a fare affidamento sui protocolli dell'NKVD. Qui abbiamo qualche ambiguità. Con quali poteri canonizziamo, i poteri divini o quelli umani? Secondo i nostri cuori, la nostra fede, il nostro spirito?

Quanto è complicato tutto questo!

A dir poco. Diciamo che la Chiesa Russa all'Estero ha canonizzato tutti i Romanov, tutti i principi che furono giustiziati nella fortezza di Pietro e Paolo [a Pietrogrado], ad Alapaevsk [Siberia] e in altri luoghi. Sono stati uccisi semplicemente perché erano principi o servitori della famiglia reale. Non hanno fatto nulla in particolare, non hanno mai fatto del male a nessuno e non hanno mai combattuto contro i ribelli. Ma erano portatori della spiritualità della vecchia nazione, il vecchio mondo. E questo vecchio mondo è il mondo della Rus' ortodossa. Perciò la Chiesa all'Estero li ha canonizzati semplicemente per il fatto delle loro morti da martiri da parte delle autorità senza dio. Ora stiamo tornando all'ordine del giorno di come dobbiamo trattare questa canonizzazione. Ci siamo riuniti con la Chiesa all'Estero, e ciò significa che dobbiamo decidere se includere o meno i Nuovi Martiri canonizzati da quella parte della nostra Chiesa russa nel calendario generale dei santi della Chiesa russa.

il monaco martire Fjodor (Abrosimov)

Tra i santi di Kola ci sono due nuovi martiri canonizzati. Qual è la difficoltà nel canonizzare i nuovi martiri della regione di Kola?

Nella regione settentrionale di Kola, ci sono stati solo due santi canonizzati, sebbene ci fossero nove persone proposte per la canonizzazione. Ovviamente siamo rimasti delusi da questa decisione. Siamo rimasti particolarmente addolorati per l'ultimo abate del monastero di san Trifone di Pechenga, lo ieromonaco Paisij (Rjabov). C'era una chiara prova del martirio. Fr. Paisiy ha subito terribili torture durante gli interrogatori, che sono durati un anno intero. Molti interrogatori sono andati avanti tutta la notte, con due interrogatori di fila. Agli "organi" fu dato un compito di straordinaria importanza: trovare le prove e assicurarsi una confessione che il monastero di Pechenga fosse una base di spionaggio e sabotaggio contro l'URSS. Ciò si rendeva necessario per giustificare agli occhi della comunità mondiale l'attacco alla Finlandia nella regione settentrionale di Kola vicino a Petsamo (Pechenga) nell'inverno 1939-40. Padre Paisij non ha mai confessato nulla e non ha firmato i protocolli necessari, ed è stato giustiziato a Mosca dopo un anno di interrogatori ininterrotti sotto tortura.

il monaco martire Mosè (Kozhin)

Tuttavia, ci è stata rifiutata la sua canonizzazione con la formula: "Ha fatto troppe dichiarazioni politiche negli interrogatori". Ma scusatemi, se quella persona – che a proposito era un cittadino finlandese – ha detto: "Non mi piace il regime sovietico, mi piace il regime tsarista, e io amo la vecchia Russia e non accetto queste nuove condizioni di vita e ideali offerti in Russia", allora questo non è compatibile con il podvig del martirio? O doveva mentire e dire: "Io amo la Russia sovietica?" No, mi è stato detto che avrebbe dovuto rimanere in silenzio senza entrare in politica. Comunque questa affermazione mi sembra abbastanza controversa. Padre Paisij avrebbe dovuto rimnanere in silenzio, o avrebbe dovuto confessare audacemente e sinceramente le sue opinioni? Forse al contrario queste righe nei protocolli sono la vera prova del suo martirio e della sua confessione di fede? Dopotutto, sapeva perfettamente come sarebbero finite per lui queste audaci dichiarazioni. Questo è infatti quello che è successo.

Come procede ora la canonizzazione dello ieromonaco Paisij?

Ora se ne sta occupando la Chiesa ortodossa finlandese. Sono stato di recente in Finlandia e ho parlato con quelli che stanno preparando il materiale per la sua canonizzazione. Vogliono che sia canonizzato dalla chiesa di Costantinopoli, che è la giurisdizione della Chiesa finlandese. Fondamentalmente questo è logico, perché era un cittadino finlandese che è stato rapito con la forza e ha sofferto nel nostro territorio. Potremmo averlo canonizzato noi in virtù del luogo del suo podvig, ma si scopre che non ne siamo degni. Ora la Chiesa finlandese sta cercando di decidere la questione attraverso il patriarca Bartolomeo. Questo è molto importante per loro, e vorrebbero avere un nuovo martire così straordinario e degno. Che il Signore lo abbia glorificato è chiaro dalla data della sua esecuzione. Alla commissione per la canonizzazione a Mosca, dissi: "Forse è giusto notare che l'abate del monastero di Pechenga fu giustiziato il giorno della commemorazione di san Trifone di Pechenga, il 28 dicembre 1941. Certamente non fu il NKVD che aveva indovinato questa data per l'esecuzione".

Sfortunatamente, questa componente è stata praticamente ignorata nel processo di canonizzazione dei nuovi martiri. Apparentemente è più semplice in questo modo: seguire la logica data dalle indagini e affidarsi completamente ai protocolli dell'NKVD, sebbene non sia un segreto che molti di questi protocolli siano stati scritti secondo un "progetto". È una grande questione se questi protocolli o le firme su di essi siano veramente affidabili. Dopotutto, ci sono casi in cui le firme sono state falsificate o piazzate lì da una persona che chiaramente non aveva il controllo della propria mano.

Un tempo ho condotto persino un esperto di grafologia e ho chiesto consiglio a criminologi esperti. Hanno accettato di aiutare e hanno fornito le loro conclusioni sul fatto che in alcuni casi la persona che ha firmato il documento si trovava in uno stato psicologico estremamente inadeguato. In altri casi ci sono state conclusioni che le firme erano state falsificate.

Ho offerto alla Commissione queste conclusioni grafologiche riguardanti i protocolli di interrogatorio dei nostri sofferenti che abbiamo voluto glorificare tra le fila dei santi. Ma hanno risposto che in una materia tanto ecclesiastica e delicata non siamo in grado di fare affidamento sulle conclusioni dei grafologi. Quindi, su nove candidati, abbiamo ricevuto la canonizzazione di soli due.

Ma questo riguarda solo la loro glorificazione qui, sulla nostra terra – burocratica, ossificata e sospettosa.

Sì, penso che Cristo veda più lontano. Lui glorifica senza procedure burocratiche.

Una terra intrisa del sangue dei martiri

Kirovsk, nel nord della Russia

Per quanto riguarda i particolari della nostra regione, la situazione è paradossale. Tutta questa terra è intrisa del sangue dei martiri. Questa è stata una regione di tormenti disumani. Sparsi per tutta la tundra della Lapponia c'erano luoghi di "assegnazioni". Questo nella terminologia del NKVD è come erano chiamati quei luoghi dove sono stati rinchiusi gruppi di migliaia di prigionieri, dove sono stati lasciati in inverno, a temperature gelide e sotto bufere di neve, in questo deserto bianco. Dovevano organizzare da soli i campi, creare alloggi e creare le condizioni per la vita. Non li hanno organizzati, sono morti e sono stati inviati nuovi gruppi. Testimoni oculari hanno raccontato che in una notte polare è arrivato un grande gruppo di monache dai molti conventi chiusi. Al mattino erano tutte morte congelate e furono spinte sotto il ghiaccio del vicino lago. E questo era stato considerato un colpo di fortuna: erano arrivati ​​alcuni uomini che sono stati in grado di fare un buco nel ghiaccio. Tutti gli altri morti erano di solito abbandonati fino alla primavera, e poi gli animali selvatici andavano a servirsi di loro...

Orribile. E questa era una volta la Santa Rus'...

Nel museo del complesso industriale di Kirov c'è una risposta a un telegramma inviato dal caposquadra, scritto nel 1936 a Mosca, che parla di migliaia di persone che congelano, e che chiede che vengano inviati indumenti caldi. La risposta è stata che si preoccupava troppo dei "nemici del popolo" e che sarebbe stato più semplice inviare un nuovo gruppo di prigionieri che preoccuparsi dell'abbigliamento invernale.

Quindi tutti questi "grandi costruttori del comunismo", tutti questi complessi industriali e città sono stati costruiti su ossa umane. Questa terra è sacra, è intrisa di sangue, ma i nomi di questi martiri sono sconosciuti e ci sono poche possibilità di trovare le loro tombe.

Una lezione da imparare

Tutti quelli che hanno sofferto nel ventesimo secolo, a cosa esortano noi che viviamo adesso? E l'eredità di quell'era è stata superata nella nostra nazione? Cosa è necessario per rieducare e formare una nuova generazione di cristiani russi?

La Chiesa dovrebbe forse dire alcune parole sull'educazione e offrire alla società gli ideali del Vangelo e le norme di comportamento. Ma allo stesso tempo la Chiesa non deve mai forzare le sue opinioni sugli altri. È pronta a condividerle, ma solo se qualcuno lo desidera, chiede un consiglio o fa una domanda. Dovremmo ricordare come il Signore si è comportato durante il suo servizio terreno. Non ha mai detto nulla sulla politica. L'unica volta in cui il Signore toccò il tema del rapporto tra i cristiani e lo stato fu quando disse: "date a Cesare ciò che è di Cesare e a Dio ciò che di Dio" (Matteo 22:21). Questo è tutto. Tutto il resto lo ha detto e continua a dirlo sulla salvezza dell'anima dell'uomo, su come comportarci con gli altri, su come dobbiamo pregare per coloro che ci offendono e su come dobbiamo benedire coloro che ci maledicono ...

E come abbiamo assimilato noi cristiani queste sue istruzioni, secondo lei?

Beh, "il mare è vasto e ci sono serpenti senza numero..." A volte siamo pronti a distruggere coloro che ci offendono o ci maledicono o feriscono i nostri sentimenti in qualche modo. È questo che insegna il Signore? Noi che siamo chiamati cristiani stiamo seguendo lo stesso cammino che hanno percorso i creatori degli eventi del 1917. Lo spirito rivoluzionario si è stabilito saldamente in noi e ci chiama ancora una volta sulle barricate, ma questa volta dall'altra parte: "per la Rus'," "per la fede" annienterò tutti, chi mi ha guardato nel modo sbagliato, chi non ha sorriso nel modo giusto, chi non si è tolto il cappello. Con la nostra ascia nella cintura, andremo avanti e sistemeremo questa questione usando i metodi collaudati, quelli rivoluzionari; cioè, "voliamo fieramente" come gli "uccelli del tuono" [in russo burevestniki. La parola significa "messaggeri della tempesta", ed è stata usata nella terminologia rivoluzionaria, ndt]. E questa è la catastrofe: non abbiamo epurato in noi l'infezione rivoluzionaria. A quanto pare è stato per noi che Pjotr A. Stolypin ha detto: "Voi avete bisogno di grandi sconvolgimenti, ma noi abbiamo bisogno di una grande Russia". Siamo forieri di guai, e misere scuse di cristiani ortodossi.

Così, cosa possiamo offrire alle persone, alla società, se siamo uguali a loro, anche peggio?

Niente, se non siamo collaboratori di Dio nella nostra salvezza. Non possiamo cambiare nulla intorno a noi se noi stessi non cambiamo: questa è la cosa essenziale. "Salva te stesso e migliaia intorno a te saranno salvati". [4] Prima cambia te stesso, e poi chi lo sa? All'improvviso il famigerato regista A. E. Uchitel' cambierà, e diventato credente inizierà a filmare non palesi abomini ma film davvero necessari e belli. Tutto è possibile. Per esempio, Mikhail Zadorov era un edonista e apertamente pagano, non ci si poteva aspettare di peggio. E ha condotto migliaia di seguaci in quest'oscurità, ma improvvisamente si è pentito ed è morto da cristiano in profondo pentimento, avendo portato i suoi peccati alla confessione. E noi eravamo pronti a maledirlo.

E lo abbiamo maledetto. Ma è risultato che con l'aiuto di Dio Mikhail Nikolaevich si è dipartito verso Dio come un cristiano, proprio come il ladro appeso a destra sul Golgota... E chi siamo noi dopo questo?

Questo non è cristiano, e non saremo vittoriosi se giochiamo sul territorio dei poteri oscuri, del mondo che giace nel male e secondo le loro regole. Se ci abbassiamo al livello del mondo e usiamo i suoi principi nella battaglia, allora perderemo senza fallo. Ma siamo sempre stati particolarmente attratti da quel luogo dove regnava il principe delle tenebre, e dove noi perderemo.

Perdiamo facilmente di vista il vero esempio della nostra emulazione; non sentiamo quel diapason. Dimentichiamo che la nostra forza è in qualcosa di completamente diverso, non nelle tattiche mondane e negli argomenti secolari. Abbiamo una forza colossale e invincibile, perché Cristo è con noi. Ma lui sarà con noi solo se noi stessi ci rivolgiamo a lui, se ci comportiamo come lui insegna, come lui stesso si comporta. Ci darà una forza inaudita e cambieremo tutto intorno a noi. Non può costringerci, perché Dio apprezza la nostra libertà. Vedete quanto è discreto ed educato.

il monastero di san Trifone di Pechenga

Purtroppo siamo molto danneggiati. Non so se sia da incolpare l'educazione sovietica o solo la debolezza umana.

Sì, il ventesimo secolo è stato dedicato a inculcare odio, e questo non è solo un modo di dire: dovevamo provare odio in ogni momento. Questo sentimento doveva vivere in noi, il cosiddetto odio proletario per il nemico di classe, per il nemico esterno e per il nemico in mezzo a noi. Il "nemico del popolo" era sempre nelle vicinanze. E questo continua a vivere in noi, solo ora come "odio ortodosso" per tutti coloro che non sono con noi. Ma l'odio è una sensazione terribile e distruttiva. In esso vive un potere demoniaco. E con esso sicuramente perderemo.

Ricordo quando stavo studiando nell'istituto militare. Alla sera ci riunivamo come al solito per l'auto-preparazione, i compiti e così via. Eravamo seduti in classe e arriva uno dei miei compagni di classe – non dirò il suo nome, è già morto. Entra in classe e guarda tutti e inizia a fare una lista di quelli che odia di più. "Così, più di tutti gli altri odio", puntini... Poi la lista. Era come uno scherzo, ma allo stesso tempo non era uno scherzo. L'odio è un problema colossale, e non so come lo conquisteremo in noi stessi ora. Nella struttura militare questo continua a vivere non purificato, tra  urla, grida, bestemmie, quei "comandanti rossi" dalle classi lavoratrici e contadine. Come possiamo imparare ad educare in un altro modo, come possiamo trovare stimoli, leve, parole e meccanismi completamente diversi? Dopo tutto, i nostri antenati hanno vissuto in qualche modo in modo diverso e hanno conseguito vittorie fantastiche. Non riesco ad immaginare un ammiraglio Ushakov [ora un santo canonizzato della Chiesa russa] che maledice. Non riesco a immaginare un generalissimo Suvorov del genere. Sappiamo bene che non erano così, e non riesco a immaginare un solo altro comandante militare russo che avrebbe potuto agire in quel modo. Questo è diventato possibile solo con l'odio portato al nostro popolo nel 1917. Solo il marinaio Dybenko poteva comportarsi in quel modo, trovando sempre le giuste parolacce per spiegare chi è ora a capo del paese.

Un desiderio di luce celeste

il vescovo Mitrofan (Badanin)

Onestamente ne siamo solo stanchi, e questo dovrebbe cambiare.

Il problema della rieducazione è enorme. E noi che siamo giunti alla fede dovremmo essere il primo esempio. Dovremmo mostrare alle persone un altro mondo, perché non siamo di questo mondo. Ma spesso cerchiamo di dimostrare che siamo uguali a tutti gli altri. "Non pensate che non siamo; beviamoci sopra qualcosa". Così perderemo subito, ed è la nostra peggiore sconfitta. Perché è una bugia. Noi non possiamo essere come tutti gli altri; siamo diversi. E la gente si aspetta che noi non siamo diversi. Vogliono molto vedere un altro mondo, di cui tutti sognano segretamente. Vogliono che mostriamo loro che esiste, quell'altro mondo, che questo mondo di luce esiste; un mondo di eternità, un mondo in cui il nostro Padre celeste e miriadi di angeli ci stanno aspettando.

Questo non si applica solo ai laici, giusto?

Ovviamente. Cerco di ricordarlo ai nostri sacerdoti. Vedete spesso che le persone che sono lontane dalla Chiesa possono rivolgersi a un prete con grande rispetto, con speciale fiducia e speranza. Ma a volte, dopo averlo conosciuto più da vicino, perdono quella sensazione. Ne restano delusi e vedono che era un'illusione. Batjushka si toglie la sua rjassa per esporre le sue scarpe da corsa alla moda e i jeans, e va a bere birra al bar. E la gente vede che è un tipico imbroglione, solo vestito da prete. E questa è una delusione molto seria e uno shock per molte persone. Non si tratta solo di scarpe da corsa, come capite, ma di un modo di vivere e pensare da prete, che il Signore mi perdoni. E la gente perde la speranza. Si scopre che non c'è nulla di misterioso, santo e luminoso, e che anche la Chiesa è una bugia.

È comprensibile il motivo per cui ciò accade. È molto difficile vivere in questo mondo mantenendo la guardia, combattendo contro l'effetto su di noi di un ambiente terreno, non lasciandolo penetrare in noi. Ma è per questo che siamo rimasti dalla parte dei guerrieri della luce, per portare avanti questa guerra quotidiana. Ogni credente, e in particolare il sacerdote, ha l'enorme responsabilità di non deludere chi ci guarda con speranza. E c'è un compito complicato davanti a noi: mostrare al mondo che c'è un'altra vita, una vita di luce eterna; che c'è la grande infinità della vita eterna in Cristo. Mostrare che questo è l'obiettivo più grande e che c'è un significato nella nostra vita. La vita vale la pena di esser vissuta solo per il bene di questo grande obiettivo; e con esso, non è terribile morire.

Fino a poco tempo fa un ammiraglio mi chiamava regolarmente; avevo servito sotto di lui nella mia vita precedente [prima del monachesimo]. A quel tempo deteneva una posizione molto alta. Quando ha sentito del mio nuovo servizio, ne è stato molto interessato, mi ha chiesto tutto sulla mia nuova vita e mi ha chiesto di mandargli i miei libri. A prescindere da ciò di cui parlavamo, mi faceva senza eccezione la stessa domanda: "Bene, dimmi, credi davvero in ciò che stai servendo ora? Sei assolutamente onesto? Esiste davvero tutto questo?" Naturalmente ogni volta gli confermavo molto seriamente la sincerità della mia fede. Gli ripetevo che non avrei scambiato questo mondo che il Signore mi ha rivelato con qualsiasi altra cosa e che sarei morto piuttosto che rinunciare a lui. Sentivo che era molto contento delle mie risposte e mi diceva che era molto felice per me. Tuttavia, la volta successiva in cui mi chiamava, mi faceva ripetutamente queste stesse domande, perché era molto importante per lui ascoltare la mia testimonianza. Avendo dato tutta la sua vita alla marina, alla nazione sovietica e all'idea comunista, non era giunto a conoscere Dio, non aveva scoperto il mondo della fede cristiana; ma la mia testimonianza di questa fede e di quest'altro mondo a lui sconosciuto era abbastanza per lui. Così ha trovato pace nella sua anima e un senso nella lunga vita che aveva vissuto. È tornato non molto tempo fa al Signore, ma penso che le nostre discussioni non siano cessate. Ora prego per il riposo della sua anima e credo che il Signore gli darà credito per il suo fedele servizio militare e non lo priverà della sua misericordia nella sua nuova vita eterna.

Note

[1] Una forma familiare di Dun'ja, abbreviazione di Eudochia. Ha una sfumatura sempliciotta, da villaggio.

[2] Questo accadde durante la carestia lungo il fiume Volga, molto probabilmente creata artificialmente dal regime sovietico.

[3] Il patriarca Tikhon morì più tardi in un ospedale mentre era in cura per una malattia curabile, e molti suppongono che sia stato ucciso senza far rumore su ordine del governo.

[4] Dalle parole di san Serafino di Sarov.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 7