Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 11 ottobre 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 novembre 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 7
  Sui benefici delle rievocazioni storiche, i ridicoli "cavalieri" e la distruttività del neo-paganesimo

Conversazione con lo storico rievocatore Igor' Ruchin

di Pjotr Davydov

Pravoslavie.ru, 1 settembre 2016

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Vi sentirete come siete tornati al Medioevo nelle vicinanze dell'antica città di Belozersk nella regione di Vologda della Russia, sulle rive del fiume Sheksna, una quindicina di chilometri dal Monastero di san Cirillo di Beloozero (Lago Bianco). È qui che si trova il complesso storico ed etnografico "Sugor'e", dove è stata ricostruita la tenuta di campagna di un antico principe russo con tanto di una robusta torre di guardia, una gridnitsa [nella vecchia architettura russa, una grande sala per le giovani guardie del corpo (gridi) di un principe alla sua corte, usata anche in occasioni di festa] e una tranquilla casa vichinga accanto ad essa. Ci sono anche una fucina, un arsenale e perfino un passaggio sotterraneo. I principali visitatori della tenuta sono i bambini, provenienti per lo più da altre regioni, il che è un bene, perché una rievocazione storica incoraggia le persone a studiare la storia, dice Igor' Aleksandrovich Ruchin, direttore di "Sugor'e", storico e rievocatore. E chi proveniene da paesi ortodossi e conosce la propia storia ancestrale non si sentirà mai come un turista in una chiesa ortodossa. Abbiamo parlato con lui dopo una gita scolastica durante la quale i bambini hanno quasi distrutto la gridnitsa, eccitati dall'opportunità di interpretare la parte di eroi epici, principi e principesse e di fare duelli con la spada. I "principi" e le "principesse" con riluttanza sono andati a cena dopo il tour, mentre un Ruchin senza fiato è crollato su una panca di legno scolpito.

Igor' Ruchin

Pjotr Davidov: Igor', iniziamo distruggendo gli stereotipi. Dopo tutto, ci sono molti pregiudizi contro le rievocazioni storiche. Si dice che uomini e donne adulti giochino ai cavalieri, guidati dalle loro fantasie di "come era in realtà" – in altre parole, mossi da racconti o film guardati nella loro infanzia. E inoltre, i film sono le fonti più "storiche" in confronto con quello che è nelle menti di coloro che sono regrediti all'infanzia. Per di più, molti credono che la rievocazione storica sia sotto la forte influenza distruttiva del neopaganesimo (rodnoverie, "la fede nativa slava"), diventando un'arena di "ventriloquismo" per questo movimento. Questo è vero?

Igor' Ruchin: Consideriamo ogni cosa con ordine. Per quanto riguarda il fatto che la rievocazione storica abbia il diritto di essere chiamata "storica" o no: sì, ho avuto a che fare con l'opinione che questi siano presumibilmente solo "giochi per uomini e donne adulti" per tutta la mia vita. Ma di recente c'è stata molto meno critica: la gente, ovviamente, vede i risultati della nostra attività, ne trae la conclusione giusta e comincia a rispettarci. In precedenza abbiamo dovuto affrontare una totale mancanza di comprensione. Io ero soprannominato "il primo cavaliere del villaggio", "un ciao dal passato," e così via. Sì, può sembrare molto strano per i residenti di una piccola città vedere un padre di sei figli ("invece di occuparsi del lavoro degli uomini normali: orto, pesca, caccia, e vodka") che costruisce fortezze, forgia cotte di maglia, lance, scudi e altre cose e, oltre a questo, invita a studiare la nostra storia nativa sulla base di tutte queste cose. Anche quando abbiamo provato l'utilità della nostra iniziativa con la costruzione di una gridnitsa, una casa vichinga, una fucina e una barca, organizzando un festival storico, attirando numerosi turisti (cosa che è stata un grande aiuto finanziario per la nostra città), ho continuato a sentire le seguenti osservazioni: "dovrebbe scaricare vagoni ferroviari, invece di perdere tempo con questa storia! Sarebbe più utile! Non ci interessa questa storia!"

Naturalmente, sarebbe molto triste se io fossi più utile al mio paese e ai miei concittadini scaricando vagoni ferroviari, piuttosto che "rivivendo" la nostra storia. A mio avviso, ogni singola persona ha le proprie doti ed è logico che ognuno di noi debba lavorare nel campo in cui è esperto: qualcuno aiuterà il suo paese come operaio ferroviario, mentre qualcun altro aiuterà la nazione introducendo la gente alla storia e dando alle masse un accesso a questa storia. Ma nondimeno, hanno finalmente riconosciuto il nostro diritto di fare ciò che possiamo fare bene.

il complesso storico ed etnografico "Sugor'e"

Riguardo alla necessità di studiare la storia nazionale, sono fermamente convinto che non sia una domanda retorica, ma piuttosto una necessità urgente per la nostra nazione. "Per stare in piedi, devo aggrapparmi alle radici" – questa canzone è ancora abbastanza rilevante. [1] Un albero senza radici, un paese senza storia è destinato a morire, e perirà in un modo vergognoso in quanto non ha nulla a cui aggrapparsi. Oggi questo lo possiamo vedere nel nostro vicino meridionale – la povera Ucraina: la perversione della sua storia nazionale, la rinuncia alle proprie stesse radici... i tentativi di adottare alcuni elementi estranei ad ogni costo portano sempre alla distruzione di uno Stato e di una società, e questo è proprio quello che abbiamo osservato in Ucraina con il cuore dolorante.

È chiaro che dobbiamo studiare la storia e portarla all'attenzione del pubblico con tutte le nostre forze. Ma come dovremmo popolarizzarla? È tempo di parlare dell'uso delle rievocazioni storiche. Studiare la storia in un'aula o in una sala conferenze, ammassando date e facendo diagrammi, è una cosa. Ho incontrato molto spesso persone che dicono di odiare la storia dopo che questa è stata insegnata loro come materia di scuola. La storia, sia nel periodo sovietico sia in quello post-sovietico, come materia era una selezione di fatti, numeri, date, nomi, e di recente è apparso un gran numero di vari diagrammi e grafici. Così la storia come scienza della vita delle persone, come lei o come me, vissute prima di noi, è stata ridotta a un cumulo di diagrammi e vettori... Come può attirare l'interesse di un adolescente che passa tutto il suo tempo in una classe? Non ne ho idea. Tale storia certamente non attira l'attenzione. A mio giudizio, questo insegnamento "arido" della storia uccide il legame vivente tra le generazioni.

costume ricostruito

Sì, nessuno sostiene che i diagrammi e i grafici siano del tutto irrilevanti, perché dobbiamo sapere, per esempio, come l'industria russa si è sviluppata in un certo periodo. Ma non possiamo ridurre la storia a diagrammi. Allo stesso modo, non possiamo ridurre Delitto e castigo e Evgenij Onegin a una mera analisi morfologica: questa sarebbe una sciocchezza, non letteratura! È lo stesso con la storia: dobbiamo renderci conto che si tratta di una scienza viva, che ci permette di sentire il nostro legame con i santi principi Vladimir il Grande, Aleksandr Nevskij, Dmitrij Donskoj e altre figure.

Personalmente ho avuto ottimi maestri. Uno di loro è attualmente il direttore del Museo di Archeologia a Cherepovets nella regione di Vologda, il famoso archeologo Aleksandr Valentinovich Kudrjashov. Ha insegnato anche nelle classi, e le sue lezioni erano sempre così interessanti e vivaci che i suoi studenti non se ne volevano andare! Ha coltivato in noi un profondo amore per l'archeologia: portava le nostre classi agli scavi, e poi ha aperto un meraviglioso museo scolastico sulla base di reperti archeologici, e noi vi lavoravamo come guide. Quando si ha quindici anni e si dispone di una conoscenza di base della storia e dell'archeologia, questo è significativo. Sì, abbiamo avuto e sperimentato tutto questo: scavi, lavori con pale e pennelli, moscerini e tafani, canzoni davanti al fuoco, pasti al sacco, e i più affascinanti discorsi educativi su persone che avevano vissuto qui un migliaio di anni prima di noi. Dopo cose del genere ogni persona non può fare a meno di rispettare e forse anche di amare la storia.

Cosa voglio dire? L'insegnamento e la divulgazione della storia deve essere poliedrico, e la rievocazione storica è solo uno di questi lati, uno dei più brillanti tra quelli che sono stati progettati per risvegliare l'interesse della gente per la storia e per incoraggiare a studiarla. Abbiamo rievocato la vita delle origini non "a caso", "senza pensare", ma utilizzando dati scientifici, modelli storici, e artefatti sopravvissuti, o un complesso di fonti storiche.

I costumi non sono solo pellicce preziose

Quali fonti intende?

Prima di tutto, le fonti archeologiche. Si tratta di reperti trovati nello strato culturale di un certo periodo, a giudicare da questi reperti possiamo accertare com'era una punta di freccia del XII secolo o una del XIII secolo e scoprire perché sono cambiate. O prendiamo delle cinture che erano chiari indicatori di uno status sociale di un soldato – perché certe innovazioni sono apparse in un certo periodo? e così via.

Ci sono anche fonti scritte: diari e note di viaggiatori, le loro descrizioni del modo di vita, dei modelli di comportamento, della fede e anche dell'abbigliamento degli abitanti di uno o di un altro distretto. Le fonti includono anche informazioni provenienti da tutti i tipi di cronache e dati catastali. Oltre a queste, c'è un altra fonte: le raffigurazioni. Queste includono immagini e figure nelle cronache, dipinti ecclesiali e icone dell'epoca. Si dovrebbe tener conto del fatto che il compito primario delle icone non è quello di familiarizzarci con i dettagli della vita quotidiana della gente, ma di farci conoscere la fede della gente e darci un'idea di ciò in cui credevano. Ma, per esempio, l'icona denominata "abitanti di Novgorod in preghiera" ci dà alcune informazioni sugli abiti dei residenti di Velikij Novgorod nel XV secolo.

Una descrizione dell'abbigliamento è veramente importante? Condivido l'interesse per la fede e il modo di vita della gente, ma è importante per me sapere ciò che i nostri antenati erano soliti indossare nell'XI o nel XII secolo? Forse le donne saranno interessate a queste cose – modelli, ciondoli ...

Temo che qui lei si sbagli. Se si studia seriamente cose come gli abiti nazionali (studiare, non "sognare" una certa idea), si arriva poi a capire che questo dettaglio non è di secondaria importanza. Prendiamo gli ornamenti. Sa perché degli elementi slavi appaiono sul costume nazionale del nord russo, che allora era abitato da popolazioni finlandesi? Il fatto della colonizzazione del nord da parte degli slavi è evidente, ma fu una colonizzazione pacifica? Se i rapporti tra gli slavi ei finlandesi fossero stati ostili, allora il costume nazionale locale non avrebbe mai combinato elementi ornamentali di entrambi i popoli. Ma se le loro relazioni erano buone, allora questo sviluppo del vestiario è molto logico. Pertanto, anche l'abbigliamento può mostrarci come si sono sviluppate le cose. A onore della nostra regione settentrionale, i rapporti furono molto cordiali.

In tal caso, ci parli dell'abbigliamento in modo più dettagliato.

ricostruzione di un costume femminile

Al contrario degli abiti moderni, gli antichi costumi erano molto ben informativi e multifunzionali, come un biglietto da visita. Cose come una casata, una tribù, una religione, una professione e uno status sociale erano espressi nel design di un abito per mezzo di numerosi attributi, segni e simboli. Il materiale di un abito, il suo stile, la gamma di colori, la presenza o l'assenza di alcuni elementi, ornamenti e decorazioni, tutti insieme creavano un'immagine completa del suo proprietario. In questo senso, lo studio degli antichi costumi russi ci permette di avere un quadro migliore della vita quotidiana della popolazione della Russia antica, insieme alla sua visione del mondo. L'abito nazionale finlandese orientale che era tradizionale nel distretto di Belo Ozero ebbe un grande impulso dai coloni slavi che lo arricchirono con elementi caratteristici della loro cultura. I legami commerciali del distretto con il bacino del fiume Volga e il Mar Baltico contribuirono alla comparsa di nuove forme di abbigliamento, nonché di nuovi tipi di ornamenti, che avevano un importante significato religioso nei tempi antichi a Belo Ozero. La mescolanza di culture è più evidente nell'abbigliamento formale delle donne, che comprendeva un gran numero di ornamenti metallici, indossati in un ordine rigoroso. La decorazione degli antichi costumi di Belo Ozero può essere considerata il miglior esempio di arte applicata del nord della Russia nel decimo-undicesimo secolo. Durante questo periodo la serie di ornamenti si modifica, nuove forme appaiono e scompaiono, e l'abbigliamento stesso diventa più semplice, perdendo la sua grandiosità barbara, e gli elementi pagani sono soppiantati da un forte cerimonialismo cristiano nel vestito. La singola nazione russa viene a prendere il posto delle tribù degli slavi e dei ves', e il sangue di varie tribù che hanno trovato la propria casa nella zona di Belo Ozero scorre nelle vene dei loro rappresentanti.

Una ricerca approfondita, sia archeologica sia etnografica, ci ha permesso di vincere dei premi a festival storici. Ma ripeto: siamo guidati dalla ricerca, non da fantasie. Perché abbiamo deciso che il costume di un antico abitante di Belo Ozero era un complesso di panni di lino integrati con mantelli di pelliccia? Perché un viaggiatore arabo di nome Abu Hamid Al-Garnati ha parlato di questo nel XII secolo! Ha visitato la Bulgaria del Volga [2] e si è incontrato con i rappresentanti della tribù dei ves'. Tra l'altro, le città di Cherepovets e Ves'egonsk derivano il loro nome dai ves'. Così, descrisse i ves' come "persone che hanno indossano vestiti di lino, che li proteggevano dal freddo assieme a vestiti di sottili pelli di castoro " Questo serve come fonte eccellente per le rievocazioni storiche.

Ci sono molte fonti, ma sono per lo più individuali e separate. L'obiettivo di un rievocatore è quello di raccoglierle tutte e di preparare un sistema logico, coerente e ragionevole, che sia adatto a una determinata epoca. E sarà necessario verificare la "correttezza" del sistema, basandosi sulla propria conoscenza e ricerca, proponendo ipotesi e preparandosi alle critiche. E ora questo è ciò che può essere definito un genuino sforzo scientifico, che presuppone una ricerca seria, e non invenzioni o fabbricazioni.

Cosa vada bene per uno hobbit è una preoccupazione per uno psichiatra

Quindi, non ha nulla a che fare con i cosiddetti giochi di ruolo?

Decisamente no. Giocare a elfi, hobbit, orchi e altre creature mitiche è una cosa, ma la rievocazione storica è un'altra cosa. Ritengo che questi giochi siano pericolosi per la salute spirituale e mentale. Più di una volta ho incontrato persone che hanno giocato ruoli di eroi o personaggi del passato dalla fantasia letteraria, e che sono rimasti così coinvolti dai loro ruoli che hanno finito per perdere la propria identità. In parole povere, sono diventati schizofrenici. Ecco perché pensiamo che il lavoro, i passatempi e la vita quotidiana devono essere separati. Infatti, al lavoro indossiamo costumi da rievocazione medievale per familiarizzare con questi i nostri visitatori, ma non li indossiamo affatto a casa. Nella nostra vita di tutti i giorni guidiamo le nostre auto e non andiamo a cavallo, cuciniamo il cibo in forni multiuso, non sul fuoco aperto. Allo stesso modo, utilizziamo telefoni e computer, ma a casa non appendiamo né pelli d'orso né pelli di lupo, né lance né scudi.

Il cristianesimo come requisito per preservare la pace

Igor', lei ha dedicato molti anni della sua vita ala rievocazione storica, allo studio, all'archeologia e all'etnografia. Può condividere brevemente con noi le principali conclusioni della sua ricerca?

Anche a farlo brevemente ci vorrebbe una notevole quantità di tempo. Ma menzionerò la questione del patriottismo. Mi vergogno quando persone di bassa istruzione fanno costantemente riferimento al cosiddetto "mondo civile." Noi stessi non siamo nell'età della pietra, e non scorrazziamo per tutta la Russia armati di asce! Abbiamo un gran numero di nostri scrittori, artisti, poeti, designer e altri specialisti in ogni angolo del paese. Se trovate qualcosa di buono in altri paesi, sentitevi liberi di adottarlo; se c'è qualcosa di buono nel vostro paese (e ce n'è sempre stata una gran quantità nella nostra terra), allora il vostro dovere è quello di preservarlo e di non dimenticarlo. Se fossimo stati una tribù selvaggia, non avremmo mai creato uno stato come la Rus' e non avremmo mai stabilito un paese come la Russia. Questo è ciò che la storia ci insegna. E una ragionevole rievocazione, basata su fatti storici e sulla ricerca, contribuisce enormemente a tale insegnamento.

E sta facendo progressi?

Igor' Ruchin

Direi di sì. Molti, superando gli stereotipi basati sull'auto-umiliazione, scoprono con sorpresa che nei tempi antichi i norvegesi chiamavano la Rus' di Kiev "Gardariki", cioè, "una terra di città." Quando i norvegesi vivevano ancora in piccole fattorie isolate, sparse tra i fiordi nordici, noi avevamo già diverse decine di grandi città, ben sviluppate. Dopo tutto, una città è un centro di artigianato e di commercio. Inoltre, si tratta di una vera e propria fortificazione militare con mura, un fossato, torri di guardia e così via. È chiaro che l'esistenza di tali grandi centri è un'indicazione di una civiltà altamente sviluppata. Il potere spirituale e politico si è concentrato nelle città, come è avvenuto a Belo Ozero: è stato utilizzato come base da cui l'Ortodossia si è diffusa in tutto un vasto territorio. È da lì che i raggi dell'illuminazione cristiana si sono diffusi in tutto il distretto. Credo che tutti noi dovremmo conoscere i nostri antenati e ringraziarli per le loro fatiche. Per ripetere: non ci sono assolutamente segni di eventuali conflitti armati tra le tribù vicine e la popolazione di Belo Ozero. E la predicazione dell'Ortodossia ha svolto un ruolo importante qui: è stata tranquilla, amichevole, aperta ad altri popoli e libera da qualsiasi arroganza. Purtroppo, lo stesso non si può dire per i nostri distretti di confine dove, secondo le cronache, ci sono stati molti scontri armati e persino casi di terrorismo. È lì che sono state scoperte sepolture di massa, che sembrano aver seguito le incursioni di nomadi nelle antiche grandi città russe. Sono state trovate anche lì indicazioni di guerre intestine tra i principi e di lotte per il potere: in quel momento la politica della terra bruciata era applicata in modo efficace contro i propri stessi connazionali. Ma la zona intorno a Belo Ozero non ha sperimentato queste cose fino al XIV secolo, quando Mosca ha iniziato a lottare con Rostov e Novgorod per queste terre. E qui troviamo già prove di guerre, di campagne di ushkujniki, [3] di misure di ritorsione da parte di parti in lotta, e così via. E senza ombra di dubbio, la popolazione ha sofferto immensamente per tutto questo.

E chi erano gli ushkujniki?

Erano una specie di "vichinghi di Novgorod", "uomini di ventura" slavi. Erano esploratori, colonizzatori, commercianti (ma non nel senso tradizionale di questa parola), ma soprattutto veri ladri e pirati. Seminavano terrore tra gli abitanti, come era il caso altrove con i vichinghi.

come possono sorprenderci i neopagani?

Non è un segreto che la rievocazione storica subisce l'influsso dei cosiddetti neo-pagani. Questo costituisce una minaccia per la scienza?

Sì, è una minaccia non solo per la storia come scienza, ma anche per la gente. È pericoloso per la scienza perché i neopagani non si basano su fonti autentiche. La storia è una scienza di fonti, e se le fonti sono ignorate a favore delle proprie convinzioni e fantasie, allora non è affatto una scienza. Non offrono nemmeno ipotesi. Le ipotesi poggiano sempre su tutta una serie di fatti storici affidabili, ma i neopagani non offrono fatti né pensiero. Offrono solo fantasie e speculazioni che coinvolgono sempre Perun e Veles. [4] Non fanno alcuna ricerca per principio; l'unica cosa di cui hanno bisogno è di giustificare la loro ignoranza e il loro odio del cristianesimo.

Perfino l'odio! Ma perché non confessare la propria fede senza odiare gli altri?

È molto semplice: il neopaganesimo non può esistere senza l'odio per il cristianesimo. Ne sono convinto ogni volta che incontro i neopagani. C'è tutta una serie di "sentimenti di tenerezza:" il disprezzo, la paura, l'odio e persino l'invidia nascosta dietro i primi tre sentimenti. Se i cristiani possono provare e dimostrare i fondamenti della loro fede, basandosi, tra le altre cose, su scienze diverse, storia, filosofia, studi religiosi e altro, i pagani invece hanno informazioni frammentarie e scarse, che coprono con uno strato di invenzioni mistiche. E questo il misticismo ha le sue radici in pratiche pseudo-spirituali molto pericolose. Questa mitologia difettosa si spiega con la necessità di trovare almeno qualche fondamento, qualche giustificazione per le loro convinzioni. Ci sono alcuni casi risibili. Una volta al campo di Kulikovo [5] diversi ragazzi vestiti di stracci sono apparsi durante un festival e hanno iniziato a urlare: "Gloria a Perun!" E poi hanno cercato di convincere tutti che i soldati russi presumibilmente si erano comportati allo stesso modo durante la battaglia contro Mamaj. Abbiamo chiesto loro: "Dove avete preso queste informazioni?" Ed essi hanno risposto con orgoglio: "Lo sappiamo, e basta!"

A proposito, un dialogo sano con i neopagani è possibile?

Igor' Ruchin

A giudicare dalla mia esperienza personale, molto raramente è possibile. Quando si chiedono loro le fonti della loro fede si scopre che il loro capo stregone Dolboslav, dopo lunghi rituali sciamanici, ha visto Perun in un sogno e quest'ultimo gli ha rivelato questo e quell'altro segreto. Questa è la loro teologia! Ogni volta che tenti di iniziare una conversazione seria con loro, questi diventano rapidamente molto nervosi, e la tua cordialità (io non voglio conflitti; voglio onestamente conoscere le origini delle loro credenze storiche e religiose) si scontra con l'aggressione isterica contro l'Ortodossia. La spiegazione è molto semplice: le persone che non hanno una disciplina interna (che è necessaria nel cristianesimo) si sentono terrorizzate, in preda al panico e prive di volontà di fare un passo in avanti verso Cristo. Ma se fanno questo passo, si troveranno di fronte a una scelta: rinunciare ai loro numerosi desideri e invenzioni autodistruttive oppure continuare il loro disgraziato modo di vita. È vero, i neo-pagani si dilettano spesso dei peccati dei cristiani (sia quelli immaginari sia quelli reali), puntano il dito contro di loro e dicono con un sorriso ironico: "Guardate voi stessi! Non siete meglio di noi". E dico questo per la vergogna dei cristiani. Ma ogni cristiano che pecca sa che il peccato è un male e non cerca di giustificare se stesso o il suo peccato. Per i pagani è più facile: quello che è considerato un peccato dai cristiani è considerato una virtù da molti di loro. E per un cristiano è più difficile: soffre, proverà vergogna, proverà autoanalisi e pentimento. Questo è doloroso, ma degno di rispetto.

A volte ho paura di guardare cosa fa certa gente con le proprie interpretazioni del paganesimo. Nel mio lavoro comunico spesso con le persone nei social network. Non molto tempo fa ho visto che una persona aveva cambiato l'immagine del suo profilo: un ghigno selvaggio, un aspetto selvaggio, un volto distorto, e zanne di lupo sul collo. A suo parere, questo è come ogni vero russo ("Rusich") dovrebbe apparire. Cioè, un russo è automaticamente un pagano ...

Sono rimasto molto scioccato da questo cambiamento: quest'uomo ha più di quarant'anni, è un ex ufficiale, un vero e proprio uomo forte russo con un viso luminoso e un sorriso gentile. Ma ha lasciato l'esercito ed è finito in una setta pseudo-pagana, che non ha nulla a che fare con la storia reale. Come giustamente ha detto Dostoevskij: i russi non conoscono vie di mezzo. Se intraprendono qualche idea, poi la seguono con tutto il cuore... È terribile da guardare!

Quindi, la rievocazione storica può comportare sia il buon senso sia la sua perversione?

Sì, è così. E riguarda non solo la rievocazione, ma anche la letteratura, e tutto il resto! È così deludente che la nostra società scelga sciocchi e pagliacci come propri maestri, per non dire profeti. Lo fanno per ridere e per intrattenimento? No. Le idee proposte da questi pagliacci sono considerate come vere "rivelazioni" di linguistica, storia e religione. Una volta, uno di questi "profeti" voleva venire da noi per filmare un altro "capolavoro storico" e dimostrare che il cristianesimo era presumibilmente estraneo alla Russia e che i nostri antenati avrebbero adorato Ra. [6] Onestamente, non eravamo incantati da questa notizia, ma Dio ci ha protetti da questa visita. Il "guru" della storia si è ammalato e, alla fine, non è venuto. Che Dio gli conceda salute fisica, intellettuale e spirituale.

Ci sono esempi di persone che, per ignoranza o per la loro giovane età, sono stati coinvolti in una sorta di "rievocazione" romanzata e a-storica, ma poi hanno trovato la via d'uscita, e di conseguenza, hanno lasciato il neopaganesimo?

Sì, per fortuna. Molto dipende dalla sincerità di coloro che cercano una via d'uscita. Se una persona cerca seriamente il significato della scienza o della fede, allora sicuramente lo troverà, prima o poi. Ci sono alcune persone che lavorano con noi, che hanno iniziato a familiarizzarsi con la scienza, con la vera e propria rievocazione, e hanno finalmente apprezzato il suo uso sia per la mente sia per l'anima. Se una persona è intelligente, interessata e in grado di analizzare, allora non potrà mai cedere a trucchi folli contro l'Ortodossia – la fede della sua nazione.

Anche quelli che si dichiarano pagani a volte possono sorprenderci e compiacerci. Il cristianesimo dei loro antenati non si è completamente estinto in loro. Una volta ho partecipato a un incontro sul tema: "Il paganesimo come vera fede del popolo russo". Ho chiesto ai partecipanti di essere onesti con se stessi e ho detto loro: "Ragazzi, se siete veri e propri pagani, come dichiarate, allora, basandomi su numerosi risultati di una ricerca etnografica, esigo che facciate le seguenti cose a sostegno della sincerità delle vostre convinzioni", e quindi ho citato loro estratti dagli studi etnografici dal XVIII secolo agli inizi del XX secolo, che contengono tante vestigia del paganesimo quotidiano di quei tempi, da mettere subito chiunque in stato di forte disgusto! In breve, si trattava di abomini estremi. Per dare credito a questi ragazzi, devo dire che hanno iniziato a sputare e mi hanno chiesto con indignazione se fossi impazzito. "No, non sono pazzo. Vi sto solo parlando della vostra fede, mediante riscontri scientifici. Le farete, queste cose? E credete sinceramente che il sole sia Hors [7] e non un accumulo di una sostanza estremamente calda? Adorate veramente Perun? Se lo fate, allora sacrificategli un paio di neonati, come hanno fatto i vostri gloriosi antenati!! Questo è ciò che i soldati di Svyatoslav fatto durante l'assedio di Dorostolon!" [8] Dopo tutto, questo è normale". "Ma va' via! Nemmeno per sogno!" Hanno esclamato in risposta. La loro risposta mi conforta e mi dà la speranza che non abbiamo abbandonato completamente Cristo e che abbiamo ancora la possibilità di tornare a lui. Infatti coloro che si definiscono pagani, in realtà, rifiutano lo spirito del paganesimo nel loro cuore. Ma ogni flirt con il paganesimo è molto pericoloso così com'è.

Sulla trasformazione della mente e della memoria

il complesso storico ed etnografico "Sugor'e"

Ma negare l'esistenza del paganesimo in Russia sarebbe errato.

Nessuno lo nega! Ricordo la nostra conversazione con l'arcivescovo Maximilian (Lazarenko) che una volta ci ha fatto visita. Mi sentivo timido quando gli dicevo dell'influenza del paganesimo sui costumi del popolo russo e gli mostravo simboli pagani in vecchi costumi russi e decorazioni per la casa. L'arcivescovo ha detto, "Questo è giusto. Tutto questo ha avuto luogo. Ma riflettiamo sul fatto che il cristianesimo ha trasformato l'infanzia pagana della Russia, sostituendo il culto della creazione con l'adorazione del Creatore di tutte le cose... Dì ai tuoi visitatori perché e come il popolo russo ha scelto di adorare Cristo, il Sole della Verità, invece di adorare ingenuamente le forze naturali. Parla loro della differenza tra i termini 'schiavo' e 'servo di Dio'. E ricordiamo il significato cristiano della Trasfigurazione. Fate funzionare le menti umane, e poi, spero, anche le anime inizieranno a mettersi al lavoro".

Alcuni hanno accusato e ancora accusano sant'Aleksandr Nevskij di "sottomissione servile" agli invasori. Sostengono che si è sottomesso ai tartari pagani, mentre san Dmitrij Donskoj, con la benedizione del venerabile Sergio di Radonezh, ha avviato la liberazione della Russia e ha sconfitto i tartari. Qual è la differenza? Perché il primo si è sottomesso, mentre il secondo ha iniziato una guerra di liberazione?

Dobbiamo ricordare che nel XIII secolo la Russia aveva nemici anche molto peggiori – e suoi potenziali conquistatori – rispetto ai mongoli che allora erano tolleranti verso l'Ortodossia. Mentre i mongoli erano interessati solo all'aspetto materiale dell'occupazione, i vicini di casa da ovest bramavano l'occupazione spirituale della Russia. Tra l'altro, i risultati di tale desiderio possono chiaramente essere visti nell'Ucraina di oggi. Questa "Chiesa" uniate, queste divisioni e scismi, sono frutto di quella storia antica, quando il principe Daniele della Galizia (Danilo Romanovich) ha chiesto aiuto agli eterodossi. Ma non ha ricevuto assistenza, né ha salvato la Russia dal saccheggio. Nel frattempo, sant'Aleksandr Nevskij, rimuovendo la minaccia dell'occupazione spirituale dall'Occidente, si è sottomesso ai mongoli, e quindi ha salvato centinaia di migliaia di vite umane e ha conservato l'Ortodossia. Come ha detto lo storico Georgij Vernadskij: "Queste sono state le due gesta eroiche di sant'Aleksandr Nevskij: la lotta in Occidente e l'umiltà in Oriente". A proposito, grazie a lui molti invasori divennero in seguito cristiani per opera della divina provvidenza.

Tuttavia, nel XIV secolo l'Orda non era più tollerante verso la fede di Cristo, e anzi Mamaj può essere caratterizzato come un estremista musulmano. E a quel tempo non poterono più esserci compromessi... Sappiamo bene che cos'è accaduto otto anni più tardi sul campo del Kosovo in Serbia. La Serbia, sconfitta dai maomettani, cadde sotto il loro dominio che fu molto distruttivo per il cristianesimo. Così, il nostro principe dovette prendere la spada e iniziare la liberazione della Russia, che ebbe inizio al campo di Kulikovo:

"I nostri leader militari sono stati già nominati – settanta nobili e i valorosi principi di Belo Ozero, Fjodor Semjonovich e Semjon Mikhailovich, con Mikula Vasil'evich, i due fratelli Olgerdovich, Dmitrij di Volinia, Timofej Voluevich, Andrej Serkizovich, Mikhail Ivanovich e trentamila uomini armati con noi. I nostri leader sono fidati, i nostri compagni sono esperti, i nostri cavalli scalpitano sotto di noi, la nostra corazza è dorata, i nostri elmetti sono circassi, i nostri scudi sono moscoviti, i nostri giavellotti sono tedeschi, i nostri pugnali sono franchi, le nostre spade sono di acciaio; le nostre strade sono note, i nostri guadi sono preparati e tutti sono ansiosi di dare la propria vita per la terra russa e la fede cristiana. Già i falchi e i rapaci di Belo Ozero hanno volato rapidamente in tutto il Don e sono piombati su innumerevoli stormi di oche e cigni. Ma non sono stati falchi e rapaci, bensì i principi della Rus' (Russia), a cadere sulle orde tartare. Le lance forgiate si sono scontrate, le armature dorate hanno risuonato, gli scudi arrossati hanno cozzato gli uni contro gli altri, le spade d'acciaio si sono schiantate sui caschi dei nemici sul campo di Kulikovo presso il fiume Neprjadva. Non sono gli uri che ruggiscono presso il grande Don sul campo di Kulikovo. Non sono gli uri che giacciono colpiti presso il grande Don, sono i principi di Rus' (Russia), i nobili e i capi militari del Gran Principe Dmitrij Ivanovich che sono stati abbattuti. Sono i principi di Belo Ozero, Fjodor Semjonovich e Semjon Mikhailovich, Timofej Voluevich e Mikula Vasil'evich, Andrei Serkizovich e Mikhail Ivanovich e molti altri della loro compagnia, che giacciono uccisi dai tartari "(dal manoscritto Zadonshchina).

Da residente del distretto di Belozersk, sono orgoglioso e contento che i nostri antenati da Belo Ozero abbiano preso parte a quella grande battaglia, anche sono sentimenti misti di dolore e di gioia, perché sono stati tutti uccisi. Tuttavia, voglio che il maggior numero possibile di persone condivida gli stessi sentimenti nei confronti dei nostri antenati: deferenza, orgoglio, gioia e dolore per loro. E hanno bisogno di farlo con tutto il cuore, conoscendo le gesta gloriose dei loro antenati, senza sentirsi come stranieri nella loro terra nativa e come turisti nelle chiese ortodosse. Questo è lo scopo principale del nostro lavoro.

Note

[1] Testo della canzone "Aggrapparsi alle radici" del gruppo rock russo Akvarium, guidato da Boris Grebenshchikov, che era particolarmente popolare negli anni '70 e '80.

[2] Uno stato esistito tra il VII e il XIII secolo intorno alla confluenza dei fiumi Volga e Kama.

[3] Pirati del fiume Novgorod.

[4] Divinità pagane degli slavi.

[5] Un campo nella regione di Tula dove fu combattuta la famosa battaglia di Kulikovo nel 1380.

[6] O Re: il dio del sole, la divinità suprema egizia, adorato come il creatore di tutta la vita e in genere raffigurato con una testa di falco sormontata dal disco solare.

[7] Un dio slavo del sole.

[8] Nella moderna Bulgaria.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 7