Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=7999  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=647  Mirrors.php?cat_id=31&locale=it&id=8801     
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

14/03/2020  I consigli di un monaco per chi è bloccato in casa  
11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 3 febbraio 2021)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 16 ottobre 2020)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 7
  La festa patronale del monastero Sretenskij

Pravoslavie.ru

9 settembre 2016

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Il monastero Sretenskij di Mosca celebra l'8 settembre la sua festa patronale: l'incontro dell'icona della Madre di Dio di Vladimir.

Quasi sei secoli fa, Mosca è stata salvata dalla distruzione per mano dello spietato invasore Tamerlano, e il segno visibile di questa liberazione è l'icona della Madre di Dio di Vladimir.

Nel 1395 le numerose forze di Tamerlano, addestrate alla battaglia, si avvicinavano alla città. Nella loro scia gli invasori lasciavano villaggi bruciati, i cui abitanti erano portati via in cattività.

Il gran principe di Mosca Vasilij Dmitrievich fece portare da Vladimir l'icona miracolosa. Il popolo pregò tra le lacrime davanti all'immagine: "O Madre di Dio, salva la terra russa" Secondo la tradizione, la Madre di Dio apparve a Tamerlano in una visione, circondata da innumerevoli schiere, e il khan si ritirò dalle mura di Mosca, in preda alla paura.

Grato per la liberazione, sul luogo dell'incontro dell'icona il popolo russo eresse il monastero Sretenskij [monastero dell'Incontro], che divenne uno dei più importanti luoghi santi della capitale.

Nel giro di due decenni dalla ricostruzione del monastero, la sua festa patronale è diventata una delle più amate dai moscoviti.

foto: Ioann Tkachenko

Anche quest'anno, come da tradizione, la Divina Liturgia è stata celebrata nella cattedrale dell'incontro dell'icona della Madre di Dio di Vladimir dall'arcivescovo Feognost di Sergiev Posad, presidente del Dipartimento sinodale per i monasteri e il monachesimo, con il vescovo Tikhon di Egor'evsk, abate del monastero stavropigiale Sretenskij e segretario esecutivo del Consiglio patriarcale per la cultura, e il vescovo Paramon, abate del monastero stavropigiale Donskoj e Presidente della Commissione per il coordinamento delle attività espositive della Chiesa ortodossa russa, che hanno concelebrato con i fratelli ordinati del monastero Sretenskij e altri membri del clero della capitale.

foto: Ioann Tkachenko

Il servizio è stato cantato dal coro del monastero Sretenskij diretto da Nikon Zhila.

foto: Ioann Tkachenko

La gioia del servizio della festa è stata condivisa dai fratelli del monastero, dagli studenti e docenti del seminario teologico Stretenskij, dai parrocchiani della chiesa e da numerosi pellegrini.

Lo ieromonaco Aleksej (Godlevskij) ha tenuto l'omelia prima della comunione ai santi misteri, ricordando come per le preghiere della purissima Theotokos si è compiuto il miracolo della liberazione della terra russa dalla distruzione imminente.

Alla fine del servizio l'arcivescovo Feognost si è congratulato con l'abate, vescovo Tikhon, i fratelli del monastero e i parrocchiani in occasione della festa patronale a nome di sua Santità Kirill, patriarca di Mosca e di tutta la Rus'.

"C'è un meravigliosa proverbio russo: 'Un uomo in cattività non può pregare Dio', ha osservato vladyka. "Solo la buona volontà rende la preghiera di un uomo sincera e gradita a Dio". Ricordando le parole della Sacra Scrittura: dai loro frutti li riconosceranno (Mt 7:16), vladyka Feognost ha dichiarato: "I frutti di questo monastero sulla Lubjanka sono visibili a tutti, non solo a chi entra, ma anche a chi vi passeggia davanti: un meraviglioso seminario e una meravigliosa chiesa sono stati costruiti in questo luogo, dove ha avuto luogo il podvig della testimonianza di fede di molti arcipastori, pastori e pii laici...

La provvidenza del Signore agisce attraverso le persone e sceglie quelle per mezzo delle quali la sua volontà sarà adempiuta più precisamente e più fedelmente. E quando vediamo le opere di Dio, ringraziamo non solo Dio, ma anche quelle persone per mezzo delle quali queste opere sono state completate".

foto: Ioann Tkachenko

In risposta il vescovo Tikhon di Egor'evsk ha notato che per grazia di Dio e attraverso le fatiche e le preghiere della confraternita del monastero e dei docenti e dei studenti del seminario, dei meravigliosi parrocchiani e dei benefattori del monastero, si avvicina alla fine la costruzione della nuova chiesa che immortalerà il podvig dei nuovi martiri e confessori della Chiesa russa. Il vescovo ha espresso la speranza che la chiesa possa essere consacrata il 15 Marzo 2017, il 100° anniversario della grande e temibile rivoluzione che ha scosso in modo da tutti i fondamenti della Patria russa e la Chiesa.

"Questa chiesa," ha sottolineato vladyka Tikhon, "è stata costruita per pregare per coloro che hanno ricevuto una morte tragica e santa, e ora intercedono per noi davanti al Signore, ma anche per contemplare questi eventi e imparare da loro una lezione, e da quei cento anni di storia del nostro stato e della Chiesa che hanno avuto inizio nel tragico 1917...

Per noi è molto importante che per la provvidenza di Dio, proprio in questo giorno, la festa dell'incontro dell'icona della Madre di Dio di Vladimir, ci sia stata questa fase particolare nella costruzione della chiesa: l'elevazione delle sue cupole e delle sue sante croci".

"Come possiamo non ringraziare la provvidenza di Dio: tre monasteri hanno preso parte alla rinascita del nostro monastero: il monastero delle Grotte di Pskov, la Lavra della Trinità e di San Sergio, e il monastero Donskoj, e gli abati di questi monasteri sono stati raccolti oggi dalla Madre di Dio alla sua festa", Vladyka Tikhon ha particolarmente notato.

Quest'anno in occasione della festa patronale del monastero Sretenskij la cupola e la croce principali della nuova chiesa sono state consacrate e installate – un evento significativo nella vita del monastero. Il vescovo Tikhon ha celebrato il rito di consacrazione.

Gli esperti tecnici che hanno guidato il processo di installazione della cupola e della croce hanno notato che, anche se le condizioni atmosferiche, alla vigilia della festa non erano favorevoli per un tale lavoro d'ingegneria (in particolare, erano preoccupanti le raffiche di vento che potevano ostacolare l'installazione della cupola) il giorno della festa il tempo è cambiato durante la Divina Liturgia. L'elevazione e l'installazione della cupola e della croce centrale è andato secondo i piani, rispettando tutti gli standard di ingegneria, per la gioia di tutti i moscoviti raccolti e degli ospiti del monastero.

alla vigilia dell'installazione della cupola centrale. Foto: Gleb Zaika

consacrazione delle cupole. Foto: Vladimir Bajkov

 

la cupola centrale della nuova chiesa. Foto: ieromonaco Ignatij (Shestakov)

 

consacrazione delle cupole. Foto: Vladimir Bajkov

consacrazione delle cupole

consacrazione della croce. Foto: Ioann Tkachenko

la preghiera per la benedizione della croce. Foto: ieromonaco Ignatij (Shestakov)

sollevamento della croce. Foto: Anatolij Gorjainov

installazione della croce. Foto: Ioann Tkachenko

foto: Anatolij Gorjainov

foto: Anatolij Gorjainov

installazione della croce. Foto: ieromonaco Ignatij (Shestakov)

installazione della croce. Foto: ieromonaco Ignatij (Shestakov)

vista dalla piazza Trubnoj sul tempio in costruzione con una cupola centrale. Foto: Gleb Zaika

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 7