Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=31&id=205  Mirrors.php?cat_id=31&id=602  Mirrors.php?cat_id=31&id=646  Mirrors.php?cat_id=31&id=4898  Mirrors.php?cat_id=31&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=31&id=204  Mirrors.php?cat_id=31&id=206  Mirrors.php?cat_id=31&id=207  Mirrors.php?cat_id=31&id=208  Mirrors.php?cat_id=31&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=31&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 2 febbraio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 7
  Arcivescovo Ireneo di Creta: "Ogni ora vivo il dolore del mondo"

di Anna Konstadoulakis

tradotto da John Sanidopoulos da Patris.gr per il blog Mystagogy

23 gennaio 2014

 
Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

"Mi dia dei soldi, sono pronto a uccidermi".

"Mi dia dei soldi; se non me ne da mi metterò a rubare".

Gente afflitta da debiti, per lo più proveniente da Iraklio, ogni giorno visita l'arcivescovo Ireneo di Creta in cerca di assistenza finanziaria.

Sono sommersi dai debiti, hanno una famiglia da mantenere, non riescono a trovare un lavoro, hanno perso il loro coraggio e le loro speranze, e hanno smesso di pensare razionalmente.

"Chiunque viene qui, lo aiutiamo. Non li allontaniamo", ha detto l'Arcivescovo a Patris. Inoltre ha detto: "Ogni giorno aumenta il numero dei nostri concittadini che chiedono aiuto. Sono persone scoraggiate che mi dicono che si uccideranno, che andranno a rubare. Ogni giorno la situazione peggiora".

"Il nostro fondo di beneficenza è vuoto, quindi offro ai poveri il mio stipendio".

Secondo l'arcivescovo di Creta, la maggior parte di coloro che cercano aiuto non è costituita da stranieri, ma sono cittadini di Iraklio, tuttavia, ci sono tanti bisogni e sono così grandi che il fondo di beneficenza dell'arcidiocesi è vuoto.

Inoltre, negli ultimi anni, sua Eminenza ha offerto tutto il suo stipendio, pari a 1.900 euro, a persone che hanno bisogno di aiuto. Ci ha detto: "Al momento l'arcidiocesi ha 35.000 euro di contributi da parte delle parrocchie (ogni parrocchia offre il 7% dei ricavi ogni anno) per coprire i costi di gestione come elettricità, acqua e simili, e nient'altro.

Il fondo di beneficenza è esaurito. Abbiamo dato tutto il nostro denaro a persone che sono nel bisogno e ogni mese io do il mio stipendio che è di 1.900 euro. Per anni il mio intero stipendio è andato ai poveri".

Alla domanda su cosa fa quando ha bisogno di un po' di denaro, disse: "Non ho bisogno di nulla. Mangio all'arcidiocesi, ho un letto su cui dormo, quindi non ho bisogno di altro".

Secondo l'arcivescovo, quando i soldi dal suo stipendio finiscono, lui cerca di prendere in prestito per dare a chi ha bisogno .

Quando abbiamo chiesto all'arcivescovo se il suo esempio è stato seguito da altri gerarchi, ha detto: "Non mi occupo di quello che fanno gli altri".

"Nonostante la crisi, molti continuano a spendere".

Non è ottimista sul futuro perché, come sottolinea, la gente, nonostante la grande crisi, continua a spendere sfacciatamente, a sfruttare i propri simili e non ha cambiato la propria mentalità .

Spiega: "Ci sono persone che mostrano grande solidarietà per il prossimo. Da un altro punto di vista, troppi altri spendono senza pensare, non fanno economie. Sono rimasto molto sorpreso quando ho letto che durante le vacanze, c'è stato molto movimento al mercato e la gente era molto consumista. sono preoccupato per la direzione in cui stiamo andando".

"Perché vediamo solo stranieri nei campi?"

L'arcivescovo ha aggiunto qualcos'altro che lo turba molto. Ha detto che i greci non vogliono fare certi specifici lavori. "Di recente sono andato in un vivaio e chiesto al proprietario perché sta assumendo solo stranieri. Ha risposto che i greci non vogliono lavori come questi".

"Dobbiamo renderci conto che tutti noi dobbiamo cambiare, altrimenti un giorno saremo stranieri nella nostra terra", ha aggiunto.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 7