Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 11 ottobre 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 17 settembre 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 6
  Metropolita Meletij di Chernovtsy: Non siamo bestiame – siamo il popolo dell’Ucraina

di Ekaterina Filatova

Unione dei giornalisti ortodossi, 24 maggio 2019

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

preghiera presso l'edificio dell'amministrazione regionale di Chernovtsy, 23 maggio 2019. Foto: servizio stampa dell'eparchia di Chernovtsy e della Bucovina della Chiesa ortodossa ucraina

Il clero e i credenti dell'eparchia di Chernovtsy e della Bucovina hanno dichiarato ai poteri costituiti il loro disaccordo con le azioni dei funzionari dirette contro la Chiesa canonica.

In Ucraina non c'è posto per un potere che guadagni dividendi sulla Chiesa. Lo ha riferito il metropolita Meletij (Egorenko) di Chernovtsy e della Bucovina il 23 maggio 2019, mentre stava in piedi davanti all'edificio dell'amministrazione regionale di Chernovtsy, come ha riferito il servizio stampa dell'eparchia di Chernovtsy e della Bucovina della Chiesa ortodossa ucraina.

"Le autorità sono intervenute negli affari ecclesiali come se vivessimo nel Medioevo, come se non avessimo una Costituzione, in cui l'articolo 35 afferma che l'Ucraina è uno Stato laico, che la Chiesa è separata dallo stato e che i funzionari di qualsiasi livello non dovrebbero interferire negli affari ecclesiali", ha detto il metropolita dell'eparchia di Chernovtsy e della Bucovina.

Vladyka Meletij ha sottolineato: è doloroso vedere il caos odierno causato in Bucovina dalle azioni delle autorità secolari.

"Ecco perché siamo qui oggi per dire alle nostre autorità che non siamo d'accordo con quello che stanno facendo. Noi non siamo bestiame, siamo il popolo dell'Ucraina. E in questi giorni abbiamo dichiarato che un'autorità che si prende dividendi sulla Chiesa non dovrebbe avere un posto in Ucraina", ha detto il metropolita.

Ricordiamo che il 23 maggio 2019, con la benedizione del metropolita Meletj di Chernovtsy e della Bucovina, una processione ecclesiastica generale in difesa della Chiesa ortodossa ucraina ha avuto luogo nella città di Chernovtsy. Migliaia di credenti sono arrivati ​​con manifesti "Noi siamo la Chiesa ortodossa ucraina", "Pulite la Chiesa dalla sporcizia politica", "La Bucovina sta con sua Beatitudine Onufrij" e altri.

Dopo essersi riuniti presso la Cattedrale dello Spirito Santo di Chernovtsy, il clero e i credenti, guidati dal metropolita dell'eparchia, si sono recati in una processione della Croce verso l'Amministrazione regionale di Chernovtsy, dove i parrocchiani della chiesa sequestrata nel villaggio di Tovtry sono rimasti in preghiera giorno e notte per diversi giorni.

Tra i partecipanti alla processione di preghiera c'erano molti giovani che non erano soddisfatti delle arbitrarietà perpetrate in Bucovina contro la Chiesa ortodossa ucraina.

"Noi giovani, che abbiamo sempre partecipato a situazioni in cui era necessario proteggere la verità, oggi siamo dalla parte della verità - dalla parte della Chiesa ortodossa ucraina", ha detto uno dei partecipanti alla processione. "Non siamo affatto soddisfatti di quello che sta succedendo ora, di quello che sta accadendo da molto tempo: continui sequestri e saccheggi dei luoghi di culto della Chiesa ortodossa ucraina. E tutti noi vediamo che questo non sta accadendo in alcun modo volontariamente, né ufficialmente né secondo la legge, ma semplicemente attraverso porte spaccate, donne picchiate e gettate fuori dalla chiesa. In nessun caso una persona normale può tollerare cose simili."

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 6