Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 11 ottobre 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 novembre 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 6
  Un diacono di Mosca passa le vacanze tra gli ergastolani

Parlons d'Orthodoxie

9 luglio 2017

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Il diacono Kirill Markovskij, chierico della chiesa di san Nicola a Birjulevo, nella regione di Mosca, lavora per il Servizio penale federale di Mosca e sostiene spiritualmente i condannati all'ergastolo.

Secondo il quotidiano "Moskovskij Komsomolets" di martedì 27 giugno, passa tutte le sue vacanze nei penitenziari, a contatto con loro. Ha condiviso la sua esperienza in un libro di recente pubblicazione, "Il cielo sullo sfondo".

"Quando parlavo con questi uomini (ho incontrato quelli con cui avevio tenuto una corrispondenza), li guardavo negli occhi, li tenevo per mano, molti piangevano. E u prigionieri e io sentivamo che il Signore era con noi. Molti avevano atteso il nostro incontro praticamente tutto l'anno e se ne sono ricordati a lungo.

Alcuni hanno riconosciuto che il nostro incontro di circa 20 o 30 minuti è stato l'evento più luminoso della loro vita, perché nel loro passato non c'era stato niente di buono ", ha detto il diacono.

Uno di quelli che ha conosciuto ha trascorso diversi anni in attesa di esecuzione, e nella cella nel braccio della morte si è rivolto a Dio.

"Mi ha detto che in attesa della morte, egli era particolarmente preoccupato del fatto che non gli era stato lasciato molto tempo per il pentimento. Il pentimento infatto non è solo un sentimento, ma un cambiamento di stile di vita. E quando è entrata in vigore la moratoria sulla pena di morte, molti prigionieri l'hanno vista come un miracolo di Dio, comprendendo che il Signore ha concesso loro ancora del tempo. E io con i miei 15 anni di esperienza con loro, posso dire che le persone cambiano. Dio trasforma le loro anime", ha detto il diacono.

Secondo lui, la maggior parte degli ergastolani crede in Dio, ma non vive una vita spirituale. Le loro preghiere sono ridotte a richieste di essere rimessi in libertà.

"Riflettono scostantemente su come potranno ottenere un riesame del loro caso e una riduzione della loro pena. Mandano richieste di revisione, ricevono rifiuti, e scrivono di nuovo... I casi sono esaminati con grande riluttanza. Ma ci sono tra gli ergastolani alcuni che io definirei asceti di alto livello. Vivono in comunione con Dio, pregano molto, studiano le Scritture e cercano intensamente la verità. Beninteso, sono casi rari, ma esistono", ha detto il diacono, che attualmente riceve ogni mese circa 90 lettere di coloro che partecipano al suo ministero, da tutti gli insediamenti russi a regime speciale.

"Per i detenuti, la comunicazione è molto importante. Anche una piccola novità è una gioia, come un cartoncino di auguri a Pasqua e a Natale. Lo guarderanno e lo rileggeranno una quantità di volte", ha detto padre Kirill citando le parole che gli ha detto un detenuto: "Il carcere non è spaventoso per quelli che lo conoscono. La vera paura è di non essere utili a nessuno in questo mondo".

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 6