Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=7999  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=647       
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 11 ottobre 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 novembre 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 6
  Messaggio del patriarca KIRILL di Mosca e di tutta la Rus' agli arcipastori, pastori, diaconi, monaci e a tutti i fedeli figli della Chiesa ortodossa russa in occasione del 100° anniversario del Concilio locale del 1917-1918
Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Sacratissimi arcipastori, reverendi presbiteri e diaconi, venerabili monaci e monache, cari fratelli e sorelle!

Quest'anno ricorrono i 100 anni dall'inizio del Concilio locale del 1917-1918, che è diventato una pietra miliare nella storia dell'Ortodossia russa.

A dispetto del secolo trascorso che ci separa dagli eventi di quell'epoca, il valore del Concilio locale del 1917-1918 non è pienamente compreso e apprezzato dal popolo della Chiesa. Sono profondamente convinto che la sua eredità richieda uno studio serio e riflessivo, e che molte delle idee espresse allora sarebbero oggi utili e necessarie. Ai nostri tempi sono stati fatti sforzi per diffondere la conoscenza delle attività del Concilio: in particolare, è stata compiuta la prima fondamentale pubblicazione scientifica dei documenti conciliari, importante per conservare la memoria di questo evento veramente grande avvenuto al passaggio dei secoli.

Il Concilio ha avuto un lungo periodo di formazione, che è passato a raccogliere informazioni, a cercare pareri sulle questioni più urgenti della vita ecclesiale da parte di vescovi, teologi, canonisti e storici. Sulla stampa – sia ecclesiastica sia laica – sono state discusse le questioni più urgenti e dibattute. Sono stati pubblicati molti articoli per impostare il tono e le direzioni delle ulteriori discussioni.

Pochi anni prima del Concilio è stato stabilito un corpo speciale, chiamato presenza pre-conciliare, il cui scopo era quello di riunire i dati necessari per una degna organizzazione delle discussioni sugli argomenti rilevanti.

L'erede spirituale di questo organo conciliare, per sua natura, è ora la presenza inter-conciliare della Chiesa ortodossa russa, in cui sono coinvolti attivamente non solo gli arcipastori, ma anche il clero e i laici. I documenti preparati dagli sforzi congiunti dei membri della presenza inter-conciliare, con il coinvolgimento delle discussioni del pubblico in generale, sono proposti per un ulteriore esame al Santo Sinodo o al Concilio dei vescovi, segnando così un evidente trionfo dello spirito conciliare nella vita dell'Ortodossia russa.

Non tutte le decisioni prese da un secolo fa sono state implementate. E ciò ha avuto una serie di motivi. L'ostacolo più evidente è lo scoppio repentino degli eventi rivoluzionari della guerra civile e la conseguente persecuzione senza precedenti della Chiesa e dei fedeli.

Noi compiamo il nostro ministero in condizioni storiche del tutto diverse. La maggior parte dei nostri concittadini per grazia di Dio non ha sperimentato sulle proprie spalle la persecuzione per una confessione di fede. Oggi possiamo riflettere in preghiera sui risultati degli atti conciliari, rispondere alla domanda sul perché, a dispetto di molti ostacoli, sono state prese alcune decisioni conciliari che hanno trovato il loro posto nella vita della Chiesa, mentre altre, al contrario, non sono state vitali e non sono state assorbite nella mente della Chiesa.

Molti partecipanti al Concilio hanno testimoniato la loro fedeltà al Vangelo con un martirio ascetico o con il podvig della confessione di fede, mostrando a noi, i loro discendenti, un esempio di tenacia e coraggio nelle prove. A noi tocca agire secondo le parole della Scrittura, chiamando a onorare, in considerazione della fine della vita, coloro che hanno faticato nella vigna del Signore prima di noi, imitare la loro fiducia incessante in Cristo (Eb 13,7), in modo da non venire meno alla promessa di Dio per incredulità, ma rafforzare la fede, dando gloria a Dio (Rom 4,20).

Amen.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 6