Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=30&id=205  Mirrors.php?cat_id=30&id=602  Mirrors.php?cat_id=30&id=646  Mirrors.php?cat_id=30&id=4898  Mirrors.php?cat_id=30&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=30&id=204  Mirrors.php?cat_id=30&id=206  Mirrors.php?cat_id=30&id=207  Mirrors.php?cat_id=30&id=208  Mirrors.php?cat_id=30&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=30&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 2 febbraio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 6
  Come si fa un’iconostasi

da Pravoslavie.ru

(senza data)

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Con le chiese che si riaprono in tutta la Russia, c'è una grande richiesta di belle iconostasi. Com'è che una città russa aiuta a soddisfare la necessità? Ecco il racconto in immagini di un laboratorio nell'antica città di artigiani di Palekh.

* * *

Il 5 dicembre 2014, Palekh ha festeggiato i 90 anni delle sue miniature laccate di fama mondiale: l'inizio è datato al 5 dicembre 1924, quando il miniaturista I. I. Golikov, il fondatore dello "stile di Palekh", e i suoi collaboratori si erano riuniti nella Cooperativa della pittura antica. Ma le tradizioni artistiche di Palekh risalgono di fatto a molto prima di 90 anni fa: perfino nell'epoca prima di Pietro il Grande, Palekh era nota per i suoi maestri iconografi e pittori. Oggi, a Palekh vivono e lavorano non solo miniaturisti, ma anche iconografi, scultori e intagliatori... Con l'aiuto del fotografo d'arte Vladimir Eshtokin visitiamo un laboratorio di Palekh.

L'iconostasi è una parte importante degli interni di una chiesa. Le iconostasi sono apparse nelle chiese ortodosse in relazione alla necessità di separare l'altare dal resto della chiesa, dove sta la congregazione. Si tratta di uno speciale "recinto" di divisione tra l'altare e la navata. Questa linea di demarcazione simboleggia la divisione tra il divino e i luoghi terreni. In sostanza, l'iconostasi [a parete piena] è specifica delle chiese ortodosse russe, ma l'idea in sé è venuta in Russia dalla tradizione bizantina. Tuttavia, solo in Russia l'iconostasi è diventata ciò che siamo ormai abituati a vedere.

Il responsabile del laboratorio "iconostasi di Palekh", Anatolij Vlezko, condivide con noi i segreti della creazione di un'iconostasi:

La nascita di un'iconostasi inizia con... un'idea. Dopo un brainstorming che segue un'attenta analisi di tutte le condizioni presenti, sono proposte diverse varianti e ne viene scelta una. Poi si è prepara una bozza di progetto e inizia il lavoro. Si preparano schizzi sulla base del progetto architettonico, e gli artisti lavorano attraverso il disegno della iconostasi – il legno, il posizionamento delle icone, e così via. Si usano ampiamente la modellazione informatica e la tecnologia 3D nel processo di progettazione.

Contemporaneamente ha inizio il lavoro sui materiali. L'iconostasi è fatta di questi alberi rotondi. Il "corpo" è realizzato in pino, mentre le tavole delle di icone e legno intagliato e altri ornamenti sono fatti di tiglio – anche se il cliente ha la possibilità di scegliere legno di quercia, di sequoia, o qualsiasi altro legno desidera. Dopo che il legno è tagliato in tavole, lo si essicca per non meno di un mese (quanto più a lungo, tanto meglio).

Poi ha inizio il lavoro diretto. Si inizia ad assemblare il "corpo" dell'iconostasi, a preparare le tavole delle icona, e a fare il più rudimentale lavoro sul legno.

Le tavole per le icone sono ricoperte di tela e di gesso e inviate ai iconografi.

Si formano gli elementi decorativi sono formati in plastilina.

Usando questi ornamenti in plastilina, si preparano forme speciali in plastica, usate come modelli per i torni copiativi che intagliano gli ornamenti stessi – l'iconostasi in legno intagliato. Questo si fa per liberare gli intagliatori da un lavoro di routine su larga scala.

Le sculture in legno appena pronte sono poi perfezionate dagli scultori e inviate per la levigatura, la pittura, e la doratura.

Le icone sono dipinte nello studio iconografico. Quando i componenti dell'iconostasi sono pronti, si montano per il controllo della qualità, e poi sono spediti alla chiesa.

E così continua l'antico lavoro della città di Palekh!

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 6