Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=7999  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&id=647       
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

14/03/2020  I consigli di un monaco per chi è bloccato in casa  
11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 11 ottobre 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 novembre 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 6
  “Padre, mi benedica per andare a impiccarmi!”

di Victor Kas'anenko

da Pravoslavie.ru

23 ottobre 2014

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Oltre dieci anni fa si è verificato il seguente episodio nella nostra parrocchia. A quel tempo ero un servitore d'altare, e servivo con il rettore della chiesa della Madre di Dio "Donskaja" nella città di Mytishchi (poco a nord di Mosca), padre Anatolij Proskurin.

Il sacerdote Anatolij Proskurin

Un uomo venne da lui e disse: «Padre, la vita è dura. Mi benedica per andare a impiccarmi. "

Potete immaginare la sorpresa del padre. Tuttavia, padre Anatolij lo ascoltò, ascoltò tutto quel che aveva da dire, e gli spiegò che togliersi la vita con il suicidio è un peccato terribile, e che la vita umana è un dono inestimabile di Dio. Ma l'uomo non ne volle sapere, e continuò a cercare di piegare la volontà del sacerdote a dargli una benedizione per il suicidio.

Poi padre Anatolij disse: "E va bene. Solo, quando ti impicchi, dì queste parole: 'Signore, io dono il mio spirito a te, e il mio corpo a voi, demoni".

Perché padre Anatolij gli avesse dato quel consiglio e che cosa percepisse in quel momento è ancora un mistero per me. Ma l'uomo rimase soddisfatto di questa risposta, e se ne andò con un piano preciso. Naturalmente, ora capisco che padre Anatolij aveva senza dubbio cominciato a pregare per quell'uomo sfortunato. Naturalmente, il padre non poteva consentire a qualcuno di commettere un peccato così terribile, che avrebbe distrutto sia la propria anima, sia quella del prete che aveva assunto di fronte a Dio la responsabilità per quell'uomo sfortunato.

Ma ora viene la parte più interessante. Non molto tempo dopo quell'uomo arrivò di corsa (proprio di corsa!), tremando come una foglia d'autunno, e nella sua confusione iniziò a raccontare quello che gli era successo dopo aver lasciato la chiesa dove aveva parlato con padre Anatolij:

"Sono tornato a casa. Ho preso il cappio. Sono salito sullo sgabello. Ho messo il cappio intorno al collo e ho detto parola per parola quello che mi ha detto di dire, cioè: 'Signore, io dono il mio spirito a te, e il mio corpo a voi, demoni'. Dopo aver detto questo ho sentito il freddo gelido di alcuni esseri accanto a me. Erano demoni, e mi hanno detto: 'Che bisogno abbiamo del tuo corpo puzzolente? Ci serve la tua anima'."

Inutile dire che, dopo questa rivelazione, il povero disgraziato è saltato fuori dal cappio ed è corso in chiesa da padre Anatoly. Non so dove sia ora, ma spero che tutto vada bene per lui. Dio allora lo ha salvato.

Questo è accaduto nella prima parte di questo secolo. Nel 2004, padre Anatolij è tornato al Signore, e ora prega per noi di fronte al trono dell'Altissimo.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 6