Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=30&id=205  Mirrors.php?cat_id=30&id=602  Mirrors.php?cat_id=30&id=646  Mirrors.php?cat_id=30&id=4898  Mirrors.php?cat_id=30&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=30&id=204  Mirrors.php?cat_id=30&id=206  Mirrors.php?cat_id=30&id=207  Mirrors.php?cat_id=30&id=208  Mirrors.php?cat_id=30&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=30&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 2 febbraio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 6
  I doni dei magi in pellegrinaggio nella Rus'

Dati storici, fotocronaca (dal portale Pravmir) e video

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

I doni portati dai magi al bambino Gesù furono accuratamente conservati dalla Madre di Dio. Prima della sua santa Dormizione, li diede alla Chiesa di Gerusalemme, dove rimasero fino all'anno 400. Più tardi, l'imperatore Arcadio li portò a Costantinopoli e li mise nella chiesa di Hagia Sophia. Nel 1453, Costantinopoli cadde. Nel 1470 la figlia del sovrano serbo Georgije Brankovic, Maria (Maro), vedova del sultano turco Murat (Murad) II (1404-1451), portò i doni dei magi al monastero di san Paolo del Monte Athos, che rimase un monastero serbo fino al 1744. Nonostante il fatto che fosse la moglie di un sultano, non aveva accettato l'islam e rimase cristiana fino alla fine della sua vita. Sul posto dove Maria si inginocchiò fu eretta una croce chiamata croce della regina. Nella cappella che si trova accanto vi è una rappresentazione dei monaci che vengono incontro a questa grande reliquia. C'è una tradizione che dice che la pia Maria voleva portare lei stessa i doni dei magi nel monastero, ma alle sue mura fu fermata da una voce celeste come avvenne all'imperatrice Placidia a Vatopedi, che le ricordò che la regola dell'Athos proibisce alle donne di entrare nel monastero.

I doni dei Magi sono piamente custoditi nel monastero in piccoli reliquiari: ventotto piccole foglie d'oro rettangolari, un tetragono e un poligono, decorati con eleganti ornamenti in filigrana. Questo è l'oro che i magi portarono al Dio bambino, come a un re. Oltre a questo ci sono circa una settantina di piccole sfere di incenso e mirra delle dimensioni di un'oliva. Queste reliquie sono molto profumate. Alcuni indemoniati sono stati guariti da loro.

Per la prima volta nella storia, dal 14 al 30 gennaio 2014, le reliquie sono portate fuori dalla Grecia, in un pellegrinaggio che tocca Mosca, San Pietroburgo, Minsk e Kiev. Qui sotto ci sono la fotocronaca e un paio di video della venerazione delle reliquie alla cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca, dal 7 al 13 gennaio.

Fotocronaca dal portale Pravmir

I doni dei magi, reliquie cristiane legate alla vita di Gesù Cristo, sono stati portati a Mosca per la prima volta alla vigilia di Natale da un monastero sul Monte Athos.

Migliaia di fedeli arrivano a venerare la reliquia. Le persone devono attendere in fila per circa otto ore per entrare in cattedrale.

I credenti alla Cattedrale di Cristo Salvatore presso la teca con i doni dei magi, reliquie portate a Mosca per la prima volta dal monastero Agiou Pavlou sul Monte Athos.

Si tratta della prima volta in cui i doni dei Magi hanno lasciato la Grecia.

Sono stati portati in Russia dall'ottantatreenne archimandrita Pathenios (Mourelatos), che ha guidato la delegazione del monastero del Monte Athos e ha portato la reliquia fuori dall'aereo.

I doni dei magi sono stati consegnati alla cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca per la funzione del Natale, iniziata alle 11 il 6 gennaio, quando sono stati accolti dal patriarca Kirill di Mosca e di tutta la Rus'.

I doni dei magi sono tra le poche reliquie conservate associate alla vita di Cristo sulla terra.

La vigilia di Natale, i cristiani ortodossi ricordano il racconto evangelico dell'adorazione di Gesù Bambino da parte dei magi dell'Oriente.

Secondo la Bibbia, i saggi hanno deposto davanti al bambino Gesù doni di oro, incenso e mirra: l'oro come simbolo di regalità sulla terra, l'incenso come simbolo di divinità e la mirra come simbolo di morte umana.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 6