Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=30&id=205  Mirrors.php?cat_id=30&id=602  Mirrors.php?cat_id=30&id=646  Mirrors.php?cat_id=30&id=4898  Mirrors.php?cat_id=30&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=30&id=204  Mirrors.php?cat_id=30&id=206  Mirrors.php?cat_id=30&id=207  Mirrors.php?cat_id=30&id=208  Mirrors.php?cat_id=30&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=30&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 2 marzo 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 6
  Un iconografo da non dimenticare: Andreas Ritzos (1421-1492)

icona di san Michele Arcangelo attribuita ad Andreas Ritzos

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Andreas Ritzos (1421-1492), scritto anche all’italiana "Andrea Rizo", fu un iconografo greco della scuola cretese del XV xecolo. Nato da Nicola Ritzos detto Baltzan e da Ergina a Iraklion, il capoluogo di Creta costruito sulle antiche rovine di Cnosso, crebbe in un albiente artistico (anche il padre era iconografo) e operò nella città di Candia. In quel tempo Creta era la meta di una silenziosa diaspora di studiosi e artisti di Costantinopoli. Iconografi, mosaicisti, intagliatori, fabbri e altri artigiani cercavano rifugio al di fuori della capitale sempre più sotto assedio da parte dei turchi, e nell’isola di Creta (conosciuta come il regno di Candia), fiorì una nuova scuola di iconografia dal XV al XVII secolo, fino a quando i turchi conquistarono l'isola nel 1669.

I maestri iconografi della scuola cretese, come Angelos Acatantos (di cui furono discepoli Andreas Ritzos e il figlio Nikolaos Ritzos), e Nikolaos Tzafouris diedero vita a uno stile inconfondibile che unisce la classica iconografia del tardo periodo paleologo con elementi del nascente Rinascimento italiano, riuscendo nel non facile compito di integrare perfettamente questi elementi nella tradizione ortodossa. Le icone prodotte nell'atelier della famiglia Ritzos erano richieste in tutta l'Europa attraverso il mercato veneziano, così come nei monasteri della Grecia continentale e delle isole Ionie.

Il primo documento che porta il nome di Andreas Ritzos è datato 27 luglio 1451. Dello stesso anno è la sua prima opera, ancora presente oggi a Bari: un trittico con la Madonna della Passione tra i santi Nicola e Giovanni evangelista. Nel 1453 Andreas fu coinvolto con il padre nelle vicende militari della caduta di Costantinopoli. Nel 1460 sposò Marietta Turlino, e con la madre della sposa ebbe cura dei vigneti della famiglia. Ebbe da questo matrimonio due figli, Nicola e Tommaso. Si ipotizza anche un suo viaggio o soggiorno a Bari.

Molte icone attribuite ad Andreas Ritzos sono ancora presenti: tra queste il trittico nella basilica di san Nicola a Bari, l'icona Odighitria detta "Vergine delle Grazie" nell'omonimo santuario a Este e la Dormizione della Madre di Dio alla Galleria Sabauda di Torino.

Il genio degli autori del XV secolo, comunque, non rimane isolato. Nella migliore tradizione ortodossa di emulazione dei buoni maestri, la parrocchia ortodossa del Patriarcato di Mosca a Torino propone una rivisitazione murale dell'icona della Dormizione.

 

Icone della Dormizione della Madre a Dio a Torino: icona su tavola di Andreas Ritzos (Galleria Sabauda), e icona su parete di Ovidiu Boc (Parrocchia ortodossa di san Massimo di Torino)

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 6