Рубрика

 

Информация о приходе на других языках

Mirrors.php?cat_id=29&locale=ru&id=205  Mirrors.php?cat_id=29&locale=ru&id=602  Mirrors.php?cat_id=29&locale=ru&id=646  Mirrors.php?cat_id=29&locale=ru&id=4898  Mirrors.php?cat_id=29&locale=ru&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=29&locale=ru&id=204  Mirrors.php?cat_id=29&locale=ru&id=206  Mirrors.php?cat_id=29&locale=ru&id=207  Mirrors.php?cat_id=29&locale=ru&id=208  Mirrors.php?cat_id=29&locale=ru&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=29&locale=ru&id=647         
 

Православный календарь

   

Воскресная школа прихода

   

Поиск

 

Главное

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 11 ottobre 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 17 settembre 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Отпевание и панихиды  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  Подготовка к таинству Брака в Православной Церкви  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  Подготовка к таинству Крещения в Православной Церкви  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Главная  >  Сбор текстов  >  Sezione 5
  Un miracolo di san Nicola

del diacono Vladimir Vasilik

theorthodoxchurch.info

28 maggio 2014

Nella foto: icona di san Nicola nella nostra chiesa a Torino

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Поделиться:

Ho sentito questa storia dallo ieromonaco Teofilatto, un monaco del monastero delle Grotte di Pskov, durante la seconda metà degli anni '80. Gli era stata raccontata da un militare – un capitano di primo rango e un uomo di fede. Com'era giunto alla fede?

In gioventù comandava una torpediniera sull'Oceano Pacifico. Un giorno l'imbarcazione era di pattuglia in mare. Le previsioni del tempo erano buone, e nulla indicava alcun problema. All'improvviso, all'orizzonte apparve in un primo momento una grande nube scura, che cominciò a crescere rapidamente. Si alzò un vento tagliente, che crebbe con forti raffiche. Iniziò una tempesta. Onde enormi presero a battere contro la piccola nave.

La barca era scossa da un lato all'altro. L'acqua scorreva in sala macchine. La nave era sul punto di fermarsi, e questo sarebbe stato fatale per tutti.

Il capitano non era un codardo, ma comunque la paura della morte raggiunse il suo cuore – dopo tutto, non era solo; era responsabile dell'intera compagnia. Che cosa doveva fare? Poi improvvisamente si ricordò delle parole di un tempo di sua madre: "Prega Dio. Egli salva la gente in tutto il mondo". E le parole di suo nonno, un vecchio lupo di mare: "…Chi non è stato in mare non ha mai pregato Dio". Il capitano non era andato in chiesa fin dall'infanzia – prima c'erano stati i giovani pionieri, il komsomol, e poi il suo servizio. Non sapeva come pregare. Ma dentro, nella sua anima gridava: "Signore, salvami! Signore, abbi misericordia!"

Improvvisamente, avvenne un miracolo. Vide un vecchio in paramenti sacerdotali che camminava proprio sopra le onde, indossando. Il capitano ebbe anche il tempo di guardarlo in faccia – tratti del viso regolari, una piccola barba, e uno sguardo chiaro. Il vecchio diede una benedizione alla nave con entrambe le mani e subito il vento cessò. Il mare si appiattì. La tempesta era finita. Il capitano trattenne il fiato.

Tornando, promise a se stesso di andare immediatamente in una chiesa e di mettere una candela come segno di ringraziamento per la sua liberazione e per la salvezza dell'equipaggio. Ma in Estremo Oriente durante gli anni della persecuzione quasi tutte le chiese erano state distrutte.

Nondimeno, gli si presentò presto l'occasione. Fu mandato per un incarico a Leningrado. Guidando lungo la cintura periferica, il capitano notò una bella cattedrale con cinque cupole, e si diresse verso di essa. Era la Cattedrale di San Nicola, un luogo di gloria navale. Ma il capitano non lo sapeva. Entrò nella chiesa inferiore in penombra, acquistò una candela per due rubli e cinquanta copechi e si guardò intorno cercando un portacandele su cui metterla. Notò una icona con l'immagine di un pio anziano in vesti di vescovo e decise: "Metterò una candela di fronte a questo anziano". Il capitano si avvicinò, guardò l'icona, e si bloccò. I tratti del viso corrispondevano esattamente a quelli dello stupefacente vecchio che aveva fermato la tempesta sul Pacifico! "Di chi è questa immagine?", chiese il capitano a una donna in grembiule scuro. "Che cosa vuol dire, di chi? È il santo ierarca e taumaturgo Nicola, difensore di chi naviga sul mare", rispose lei.

Questo incidente è stato scritto in parole leggermente diverse da padre Teofilatto nella sua collezione, Questo è accaduto ai nostri tempi. Sono passati ventisette anni da quando l'ho letto. Molto è stato cancellato dalla mia memoria, ma la cosa principale è rimasta: l'immagine di san Nicola, il misericordioso, il liberatore miracoloso di quelli che periscono.

Поделиться:
Главная  >  Сбор текстов  >  Sezione 5