Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=29&id=205  Mirrors.php?cat_id=29&id=602  Mirrors.php?cat_id=29&id=646  Mirrors.php?cat_id=29&id=4898  Mirrors.php?cat_id=29&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=29&id=204  Mirrors.php?cat_id=29&id=206  Mirrors.php?cat_id=29&id=207  Mirrors.php?cat_id=29&id=208  Mirrors.php?cat_id=29&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=29&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 2 febbraio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 5
  Perché Giovanni il Battista ha le ali nelle icone ortodosse?

dal Blog A Reader's Guide to Orthodox Icons

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

San Giovanni Battista "Angelo del Deserto" (icona russa, XVII secolo)

Perché san Giovanni il Battista, un santo quasi unico, è raffigurato con le ali in molte icone?

Così come "il Battista", Giovanni è conosciuto anche come "il glorioso profeta e precursore di Cristo". Pertanto, la presenza delle ali è per simboleggiare lo stato di Giovanni come un messaggero divino (in greco "Evangelos", da cui deriva la parola "angelo"). Vale la pena notare che anche le ali degli arcangeli (Gabriele, Michele, ecc.) nelle icone sono in gran parte simboliche, in quanto non sono specificamente descritti con le ali nelle Scritture.

Ma se questo fosse tutto, perché non raffigurare i profeti dell'Antico Testamento, o gli apostoli, con le ali angeliche del messaggero divino? La risposta, secondo le parole di Gesù Cristo stesso, è perché "tra i nati di donna non c'è nessuno più grande di Giovanni". Del resto, egli è "il culmine e la corona dei profeti", come proclama l'inno della festa della natività di san Giovanni. Pertanto, san Giovanni è un esempio speciale tra i santi di "angelo" terreno e di uomo celeste. Come tale, egli è anche descritto come "l'Angelo del Deserto" nelle iscrizioni delle icone.

La vita di Giovanni nel deserto è stata angelica per due motivi. Da un lato egli ha proclamato la venuta del Messia, Gesù Cristo, diventando un araldo di Dio come gli angeli. Dall'altro, ha vissuto una vita di castità, astinenza e preghiera, non essendo consapevole dei bisogni materiali, ma tenendo la sua attenzione fissata saldamente al cielo. Questa è la vita degli angeli, ed ecco perché la vita monastica è talvolta chiamata "angelica", e perché San Giovanni è il patrono di monaci, eremiti e asceti. Per entrambe le ragioni, è opportuno mostrare san Giovanni con le ali spirituali di una colomba.

Colei che prima era sterile partorisce oggi il precursore di Cristo, Giovanni, il culmine e la corona di tutti i profeti. Egli infatti, nel fiume Giordano, imponendo la mano a colui che i profeti hanno preannunciato, è divenuto profeta eletto del Verbo divino, suo predicatore potente e suo precursore nella grazia.

(Contacio della festa della Natività di san Giovanni Battista)

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 5