Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=29&id=205  Mirrors.php?cat_id=29&id=602  Mirrors.php?cat_id=29&id=646  Mirrors.php?cat_id=29&id=4898  Mirrors.php?cat_id=29&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=29&id=204  Mirrors.php?cat_id=29&id=206  Mirrors.php?cat_id=29&id=207  Mirrors.php?cat_id=29&id=208  Mirrors.php?cat_id=29&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=29&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 2 febbraio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 5
  Com'è che la "fonte vivificante" ha avuto questo nome?

Di John Sanidopoulos

dal blog Mystagogy, venerdì 10 maggio 2013

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Prima del secondo millennio cristiano, la sorgente (Pege, pron. "pighì") della Theotokos a Baloukli a Costantinopoli era stata fonte di numerosi miracoli, ma non aveva ancora ricevuto l'epiteto con il quale sarebbe diventata perennemente nota - "vivificante" (Zoodochos).

Il titolo "Zoodochos Pege" è stato coniato nel IX secolo da San Giuseppe l'Innografo in un inno che aveva scritto alla Madre di Dio. Il titolo fu associato all'icona della Madre di Dio a Baloukli e alla sua fonte attorno all'anno 1000, quando un uomo dalla Grecia fu risuscitato dai morti per la potenza miracolosa della sorgente santa. Questo miracolo ha cementato la sua fama con il nome di "fonte vivificante" (Zoodochos Pege).

Secondo la storia, quattro pellegrini dalla Tessaglia (Grecia) erano in viaggio verso il santuario a Costantinopoli, ma nel tragitto uno di loro morì. Prima di spirare, il suo ultimo desiderio fu di non essere lasciato indietro, ma pregò i marinai di portare il suo cadavere alla Chiesa della sorgente, e di versare al loro arrivo quelle acque sante sul suo cadavere. Aveva anche specificato la quantità: tre giare di acqua. La sua ultima richiesta fu che venisse sepolto nella foresta circostante. I marinai lo esaudirono, e compirono il suo ultimo desiderio. Tuttavia, dopo che ebbero versato quelle acque miracolose sul suo cadavere, il potere soprannaturale della Theotokos gli permise di risorgere e di vivere di nuovo.

Pertanto, da quel tempo, la sorgente è ufficialmente nota come Zoodochos Pege o fonte vivificante. In alcune icone della fonte vivificante, questo miracolo può essere visto nella parte inferiore della fontana.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 5