Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=27&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=27&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=27&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=27&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=27&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=27&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=27&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=27&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=27&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=27&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=27&locale=it&id=7999  Mirrors.php?cat_id=27&locale=it&id=647       
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 11 ottobre 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 novembre 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 3
  Come rafforzare la vostra vita di preghiera nella Quaresima

di padre Stephen Freeman

Orthochristian.com

13 febbraio 2018

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

I tradizionali atti di ascetismo associati alla Grande Quaresima (e all'intera vita cristiana) sono la preghiera, il digiuno, l'elemosina e il pentimento. Nella mia esperienza, i fedeli ortodossi tendono a concentrarsi sul digiuno e forse a fare una buona confessione. Se abbiamo delle debolezze, si trovano nelle nostre preghiere e nell'elemosina. Questi due atti si reggono a vicenda. Cristo ha detto:

E io vi dico, fatevi amici con le ricchezze ingiuste, affinché quando queste verranno a mancare, vi accolgano nelle dimore eterne. (Lc 16:9)

Per molti, questo detto sembra estremamente oscuro. Chi sono questi amici che ci accoglieranno? Sono i poveri. Come Lazzaro nella parabola, riposeranno nel seno di Abramo. Il ricco chiamava per chiedere aiuto ma non trovò nessuno. Cristo suggerisce qui, che se il ricco avesse "fatto amicizia" con Lazzaro con atti di misericordia, gentilezza e generosità, avrebbe trovato un pronto aiuto e un percorso dall'Ade al Paradiso.

Se volete rafforzare le vostre preghiere, fate amicizia con i poveri. Questa storia è una grande illustrazione:

Durante il regno di Alessandro I, un certo nobile cadde in disgrazia con lo tsar. Sua moglie chiese a padre Nazario [abate del monastero di Valaam] di pregare affinché il caso del marito si risolvesse bene. "Molto bene", rispose l'anziano, "ma prima dobbiamo chiedere l'aiuto di chi è vicino allo tsar".

"Lo abbiamo già fatto", ha risposto, "ma c'è poca speranza".

"Ma non ha chiesto a chi di dovere", disse padre Nazario. "Mi dia un po' di soldi, e chiederò a quelli che conosco".

La donna gli diede cinque pezzi d'oro. "No", ha detto, "questi non sono buoni. Non ha monetine di rame o d'argento?" Padre Nazario prese i soldi e durante il giorno li diede ai poveri e ai disgraziati. Tornò a casa della donna verso sera.

"Gloria a Dio", ha detto, "quelli vicini allo tsar hanno promesso di aiutarla". Dopo di questo venne la notizia dell'esito positivo del caso del dignitario. L'uomo e sua moglie si rallegrarono e volevano sapere esattamente chi lo aveva aiutato con lo tsar. Rimasero stupiti quando l'anziano disse loro che erano i poveri, che sono vicini al Re celeste. Profondamente toccati dalla pietà dell'anziano, mantennero il loro grande rispetto e amore per lui fino alla fine.

Per mezzo di Cristo, offriamo continuamente a Dio il sacrificio di lode, cioè il frutto di labbra che riconoscono il suo nome. Non dimenticate di fare del bene e di condividere; perché Dio si compiace di tali sacrifici. (Eb 13:15-16)

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 3