Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=27&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=27&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=27&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=27&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=27&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=27&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=27&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=27&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=27&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=27&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=27&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 11 ottobre 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 17 settembre 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 3
  L'ordinazione delle diaconesse nelle Chiese ortodosse dell'America

dello ieromonaco Petru Pruteanu

Teologie.net, 6 giugno 2019

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Recentemente, un gruppo di vescovi e teologi dell'arcidiocesi greco-ortodossa d'America ha lanciato l'idea di far rivivere la pratica della chirotonia delle diaconesse (ordinazione femminile) per ottimizzare l'attività liturgica, sociale, pastorale e missionaria della Chiesa. Una proposta simile è stata presentata nel 2004 nella Chiesa di Grecia, ma dopo la morte dell'arcivescovo Hristodoulos, è rimasta in sospeso.

Anche se per molti di noi queste idee sembrano tratte dall'anglicanesimo e dal protestantesimo, gli autori del documento, che sono distinti teologi ortodossi, non fanno altro che rilanciare l'antica pratica delle diaconesse, indipendentemente dalle discussioni moderne sull'ordinazione (chirotonia) delle donne al sacerdozio o all'episcopato. È noto che le donne non sono mai state ordinate al sacerdozio o all'episcopato, ma la loro consacrazione al rango diaconale non creava nella mentalità antica presupposti per rivendicare il sacerdozio per le donne (sant'Epifanio di Salamina, PG 42, 744D).

Per comprendere la necessità, o quanto meno, l'ammissibilità delle diaconesse, un ortodosso deve prima chiarire il ruolo del diacono (uomo) nella Chiesa ortodossa. Non si tratta solo di un grado preparatorio per il sacerdozio, né si riduce al ministero liturgico, che è stato da lungo tempo eccessivamente clericalizzato. Teologicamente parlando, il ministero sacerdotale è vicino a quello episcopale (con l'eccezione del diritto di ordinare), mentre il ministero diaconale è piuttosto vicino al ministero dei laici nella Chiesa, ma non un ministero secolarizzato e occasionale, quanto piuttosto un ministero organizzato e posto sotto la benedizione del vescovo. In passato, ogni ministero nella Chiesa (lettori, cantori, portieri, servitori d'altare, suddiaconi), era benedetto attraverso un servizio di chirotesia, ma il diaconato era il grado più alto a cui poteva salire un laico senza studi particolari, ma già attraverso una chirotonia. Una funzione senza diacono era impensabile, perché litanie e altre acclamazioni diaconali erano considerate assolutamente improprie per un sacerdote, che aveva il compito di offrire il santo Sacrificio.

Per esempio, ai tempi dell'imperatore Giustiniano, la cattedrale di santa Sofia a Costantinopoli aveva 525 chierici di cui: 60 sacerdoti, 100 diaconi, 40 diaconesse, 90 ipodiaconi, 110 lettori, (solo) 25 cantori e 100 portieri. Ai tempo dell'imperatore Eraclio, il clero della cattedrale era cresciuto fino a 600 persone. Penso che le cifre parlino già di un approccio al culto completamente diverso rispetto ai nostri giorni, in cui i diaconi sono diventati una rarità, e le diaconesse sono scomparse del tutto.

Con la pubblicazione di questo documento non voglio provocare dibattiti, ma solo dire che in determinate aree geografiche, l'ordinazione delle diaconesse è necessaria e può essere implementata, senza che ciò significhi un'eresia o un allontanamento dalla tradizione della Chiesa.

Di seguito vi presenterò altre immagini, in cui vediamo che il Patriarcato di Alessandria già officia la chirotesia delle diaconesse, discutendo anche della loro chirotonia per lo spazio africano.

E nel Patriarcato di Antiochia il servizio all'altare delle ragazze (vestite in sticario e orario) è visto come una cosa normale.

Più recentemente, questa pratica è stata osservata anche altrove, come in Montenegro, negli Stati Uniti, in Germania, o anche in alcune parrocchie russe.

Solo la Chiesa orientale armena, in particolare quella in Iran, mantiene fino a oggi l'antica pratica della chirotonia delle donne al diaconato.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 3