Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=27&id=205  Mirrors.php?cat_id=27&id=602  Mirrors.php?cat_id=27&id=646  Mirrors.php?cat_id=27&id=4898  Mirrors.php?cat_id=27&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=27&id=204  Mirrors.php?cat_id=27&id=206  Mirrors.php?cat_id=27&id=207  Mirrors.php?cat_id=27&id=208  Mirrors.php?cat_id=27&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=27&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 13 gennaio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 3
  La stagione del Natale e l'ospitalità

di padre Thaddaeus Hardenbrook

pravmir.com, 1 dicembre 2013

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Vi siete mai sentiti appesantiti dal nostro consumismo e dall'orientamento capitalista alla vita? ("Quanto costerà?" "Quanto vale il mio tempo?" "Quale influenza avrà sulle mie finanze?") Sembra che spesso equipariamo la nostra capacità di dare ospitalità con tutto ciò che possiamo risparmiare. Quando sentiamo di poter risparmiare qualche soldo, un po' di tempo o energia, allora ci sentiamo in grado di essere ospitali. Ma una rapida occhiata alle Scritture e all'insegnamento dei santi mette molto rapidamente in crisi l'interpretazione egocentrica dell'ospitalità, perché l'amore autentico non è privo di ospitalità. "E sopra tutte le cose abbiate amore fervente gli uni per gli altri... siate ospitali gli uni con gli altri" (1 Pietro 4:8).

San Teodoro di Edessa, nel suoi Cento Capitoli (Filocalia, Vol. 1, cap. 84) ci insegna ad essere ospitali: "Quando accogliamo i fratelli che passano da noi, non lo dobbiamo considerare un fastidio e un'interruzione dell'esichia, per non tagliarci fuori dalla legge dell'amore. Né dovremmo riceverli come se stessimo facendo loro un favore, ma piuttosto come se noi stessi stessimo ricevendo un favore, quindi, come se fossimo in debito con loro; dovremmo chiedere loro di godere allegramente della nostra ospitalità. Questo è il motivo per cui l'apostolo Giovanni dice: 'Figli miei, non amiamoci a parole né con la lingua, ma in opere e verità. E da questo conosciamo che apparteniamo alla verità' (1 Giovanni 3:18)". Il vero amore per il prossimo si manifesta in modo naturale nell'ospitalità.

Il mistero dell'ospitalità sta nei buoni frutti sconosciuti che porterà. I semi piantati avendo qualcuno a colazione, a bere una birra insieme, o semplicemente condividendo il nostro tempo insieme in una buona conversazione possono recare benedizioni spirituali in modi che non sapremo mai. Quanti di noi hanno ricevuto speranza, sono stati incoraggiati, sollevati dalla disperazione, infiammati dall'amore di Cristo, ispirati e benedetti in tanti altri modi per mezzo di un semplice atto di gentilezza da un'altra persona? Ricordiamo le parole di Cristo: "In verità vi dico, ciò che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l'avete fatto a me" (Mt 25,40). L'anziano Anthimos della skiti di sant'Anna ci ricorda, "Non dimenticate l'ospitalità. Voi non sapete che cosa può portarvi l'ospitalità. Con la loro ospitalità, Abramo ha ospitato la santa Trinità, e Lot ha intrattenuto angeli".

Quest'anno cerchiamo di rendere una priorità la pratica dell'ospitalità fino al Natale. Possiamo ospitare un incontro, o un pasto, o anche solo un caffè e un dessert. Possiamo condividere il nostro pranzo a scuola o al lavoro, o semplicemente chiedere a qualcuno come sta e aprire le nostre orecchie con compassione, o magari acquistare un pacchetto di caramelle e condividerlo con la prima persona che incontriamo.

Nel digiuno del Natale, cerchiamo di spegnere il 'me' e di accendere il 'noi'. In tal modo, ci illuminiamo alla verità e alla realtà. I nostri vicini, allora, non sono più un inconveniente, una spesa, una perdita di tempo, o un salasso della nostra energia o produttività. Essi sono il nostro cammino verso la salvezza! E ogni incontro di ospitalità diventa un'opportunità per sperimentare Cristo. "E mentre essi non credevano ancora per la gioia, e si stupivano, disse loro: 'Avete qui qualcosa da mangiare?' Così gli diedero un pezzo di pesce arrostito e un favo di miele. Ed Egli lo prese e lo mangiò davanti a loro"(Luca 24:41 ).

Qualunque cosa abbiamo, cerchiamo di condividerla!

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 3