Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?id=205  Mirrors.php?id=602  Mirrors.php?id=646  Mirrors.php?id=4898  Mirrors.php?id=2779 
Mirrors.php?id=204  Mirrors.php?id=206  Mirrors.php?id=207  Mirrors.php?id=208  Mirrors.php?id=3944 
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 22 aprile 2016)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Blog - Ultime novità
  L'unzione generale e la Settimana Santa
  Clicca per SCARICARE il documento come PDF file
Condividi:

Presentiamo la traduzione italiana di un articolo di padre John Whiteford che apparentemente ci dà torto nel nostro modo di celebrare le funzioni della Settimana Santa. In pratica, padre John ci ricorda (cosa vera) che la celebrazione dell’unzione generale degli infermi (officio dell’Olio Santo) è un abuso del tempo della Settimana Santa, nato per ragioni particolari nel periodo della turcocrazia, e che ha finito per sostituire una funzione ben più appropriata a questi giorni, ovvero il Mattutino del Giovedì Santo. In realtà, anche nella nostra parrocchia celebriamo l’Olio Santo proprio in questo modo storicamente abusivo, e questa è una nostra risposta a quell’altro importante fattore chiamato la realtà delle cose. Infatti, quando celebravamo il Mattutino del Giovedì Santo, la partecipazione media alla funzione era di tre fedeli; all’officio dell’Olio Santo, non abbiamo mai meno di sessanta partecipanti. Siamo più che d’accordo con le premesse di padre John, ma poiché uno dei punti delle sue osservazioni è la necessità dell’educazione dei fedeli, facciamo notare che c’è bisogno anche che ci siano dei fedeli da educare.

Condividi:
Inizio  >  Blog - Ultime novità