Рубрика

 

Информация о приходе на других языках

Mirrors.php?blogsPage=204&locale=ru&id=205  Mirrors.php?blogsPage=204&locale=ru&id=602  Mirrors.php?blogsPage=204&locale=ru&id=646  Mirrors.php?blogsPage=204&locale=ru&id=4898  Mirrors.php?blogsPage=204&locale=ru&id=2779 
Mirrors.php?blogsPage=204&locale=ru&id=204  Mirrors.php?blogsPage=204&locale=ru&id=206  Mirrors.php?blogsPage=204&locale=ru&id=207  Mirrors.php?blogsPage=204&locale=ru&id=208  Mirrors.php?blogsPage=204&locale=ru&id=3944 
Mirrors.php?blogsPage=204&locale=ru&id=7999  Mirrors.php?blogsPage=204&locale=ru&id=647       
 

Православный календарь

   

Воскресная школа прихода

   

Поиск

 

Главное

14/03/2020  I consigli di un monaco per chi è bloccato in casa  
11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 11 ottobre 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 novembre 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Отпевание и панихиды  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  Подготовка к таинству Брака в Православной Церкви  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  Подготовка к таинству Крещения в Православной Церкви  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook

Церковь берет на себя духовную заботу о православных христианах Московского Патриархата города Турина и провинций Пьемонте и Валле д'Аоста.

Архив

2020 2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012 все года

Блог Настоятеля прихода


 02/05/2014    

Miti sulla Russia e altre manipolazioni svelate

  Опубликовано: Padre Ambrogio / Смотреть >  Открыть новость блога
 

Presentiamo nella nostra sezione "Geopolitica ortodossa" dei documenti un trittico di articoli recenti di padre Andrew Phillips:

- Miti sulla Russia contemporanea è un colpo d'occhio su tutte le favole che ci propinano sulla Russia per distruggerne la credibilità, minando contemporaneamente l'immagine della Chiesa ortodossa.

- Il tortuoso sentiero della religione occidentale nel mondo globalizzato è un'analisi spietata del collasso di un tipo di cristianesimo che, per aver voluto allontanarsi dalle proprie radici ortodosse, deve auto-giustificare continuamente il proprio disfacimento interno... magari canonizzandone i responsabili.

- Un'Europa ucrainizzata? è un saggio che ci aiuta a capire come i drammi dell'Ucraina attuale (governi non rappresentativi, maggioranze in dissenso e non ascoltate, diritti di popoli interi calpestati, pesanti interferenze esterne) non sono poi tanto diversi da quelli dell'Unione Europea in generale, e richiamano a una scelta spirituale prima ancora che politica, economica, etnica o sociale.

 
 02/05/2014    

Monumento a san Vladimir vandalizzato a Kiev

  Опубликовано: Padre Ambrogio / Смотреть >  Открыть новость блога
 

Da Pravoslavie.ru, 28 aprile 2014

Vandali non identificati hanno attaccato un monumento a bassorilievo di san Vladimiro, l'illuminatore della Rus' e orgoglio dei kievani. Il monumento è stato costruito meno di un anno fa sulle rive del fiume Dnepr, dove gli slavi della Rus' di Kiev furono battezzati nel 988, segnando l'inizio della civiltà cristiana nelle terre russe. Al tempo di san Vladimiro, prima della distruzione di Kiev da parte delle orde dei mongoli tartari, Kiev era il centro della civiltà slava russa. Il monumento a san Vladimiro, affettuosamente chiamato il "bel sole" dalla sua progenie spirituale russa, ucraina e bielorussa, è stato eretto in previsione della ricorrenza del 1025° anniversario del Battesimo della Rus'.

Il monumento prima del vandalismo

L’archimandrita Alipij (Svetlichnij) ha riferito l'accaduto sulla sua pagina Facebook.

Il volto del bassorilievo è stato mutilato, le mani recise, e la croce che teneva in mano è stata rotta.

"Le persone che odiano la nostra città e tutte le terre [ortodosse] ora hanno attaccato il santo pari agli apostoli, san Vladimiro, il "sole luminoso", ha scritto l'archimandrita Alipij il 24 aprile.

"Per il 1025° anniversario del Battesimo della Rus' (nell'estate del 2013!) un bassorilievo (opera dello scultore Aleksandr Morgatskij) del gran principe Vladimir e di san Giovanni Battista è stato eretto sulla riva del fiume presso il sito della Battesimo della Rus'.

"Era diventato il biglietto da visita di questo luogo santo sul Dnepr, e poteva essere visti dal fiume. Ornato con ornamenti e angeli, continuava letteralmente l'opera sacra del Battesimo.

«E adesso! Dategli uno sguardo lungo, ammiratelo, ucraini! Quanto odio per la santità deve covare una persona, per deridere in questo modo un'immagine così preziosa per la nostra gente!

"Per renderlo ancora più evidente, il principe teneva una croce in mano!

"Chi direbbe ora che la collera del gran principe di Kiev non è su di noi?"

 
 02/05/2014    

Rottura della comunione tra Antiochia e Gerusalemme

  Опубликовано: Padre Ambrogio / Смотреть >  Открыть новость блога
 
Il 29 aprile, a Balamand, il Concilio dei vescovi del Patriarcato di Antiochia ha ratificato l'interruzione della comunione con il Patriarcato di Gerusalemme, a causa della mancata risoluzione della controversia relativa all'erezione di un'arcidiocesi dipendente da Gerusalemme in Qatar (area rivendicata dalla Chiesa antiochena). Questa decisione, oltre che a suscitare un vivo dibattito nel'Ortodossia araba e greca, potrà gettare un'ombra sul prossimo Sinodo inter-ortodosso, rimandandolo a dopo il 2016 oppure rendendo di fatto nulle tutte le sue decisioni (che devono essere prese all'unanimità da tutte le Chiese autcefale) finché non sarà composta la controversia dei diritti sul Golfo Persico.
 
 01/05/2014    

Il lavoro di un prete russo con i convertiti di lingua inglese

  Опубликовано: Padre Ambrogio / Смотреть >  Открыть новость блога
 

Presentiamo nella sezione “Figure dell’Ortodossia contemporanea” un’intervista a padre Artemij Vladimirov, un prete di Mosca ben noto all’estero e con diversi legami con il mondo ortodosso di lingua inglese. Padre Artemij ha spesso contatti con i convertiti all’Ortodossia: ne discute il cammino e una serie di attitudini e cautele spirituali in un’intervista alla rivista The Road to Emmaus, riportata dal portale Pravoslavie.ru, in cui delinea chiaramente ciò che la Russia ha da offrire ai veri ricercatori di Dio.

 
 01/05/2014    

Intervista in inglese al ministro Lavrov

  Опубликовано: Padre Ambrogio / Смотреть >  Открыть новость блога
 
Il ministro degli esteri russo Sergej Lavrov ha rilasciato un'intervista a Russia Today, nella quale analizza con attenzione la duplicità degli atteggiamenti riguardanti la soluzione della questione ucraina, smontando con tranquillità e buon senso tutta la campagna mediatica che ha preso di mira la Russia negli ultimi due mesi, e delineando i veri problemi dell'Ucraina contemporanea. Ascoltando queste parole, c'è da augurarsi che anche chi non sa il russo abbia un'opportunità di capire gli eventi mondiali nella visione di un vero diplomatico di professione.

 
 30/04/2014    

A proposito di canonizzazioni affrettate e “politiche”: il caso di madre Maria (Skobtsova)

  Опубликовано: Padre Ambrogio / Смотреть >  Открыть новость блога
 

La canonizzazione dei papi Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II a Roma ha fatto sorgere numerose – anche se non molto reclamizzate – critiche all'interno del mondo cattolico romano. Le obiezioni si rivolgono più che altro all'eccessiva fretta dei procedimenti, soprattutto per quanto riguarda papa Giovanni Paolo II, e ai retroscena “politici” delle canonizzazioni. Molti saranno sorpresi di sapere che anche nella Chiesa ortodossa, proprio dieci anni fa, nel maggio 2004, si è avuto un caso analogo di canonizzazione affrettata (e non immune da sospetti di spinte politiche, per quanto ben più limitate), quando cinque membri dell'emigrazione russa in Francia, la più importante dei quali è senza dubbio madre Maria (Skobtsova, nella foto) sono stati annoverati tra i santi nell’Esarcato russo di Costantinopoli. Presentiamo un'analisi del caso delle canonizzazioni di Parigi del 2004 nella sezione “Confronti” dei documenti.

 
 30/04/2014    

Il defunto Grande Tipico

  Опубликовано: Padre Ambrogio / Смотреть >  Открыть новость блога
 

Presentiamo nella sezione “Preghiera” dei documenti un articolo dell’arciprete Alexander Lebedeff apparso in una discussione in Internet nel lontano 1996, ma sempre attuale per far capire i disastri portati alla tradizione ortodossa dalla scriteriata introduzione del nuovo calendario nel 1923. Di fatto, il titolo del libro potrebbe far pensare che il Grande Tipico (il più importante libro di guida su come si celebrano le funzioni ortodosse) sia ormai morto e inutile. Non è così, grazie a Dio: il Grande Tipico è vivo e sta bene... purché possa essere fatto funzionare in armonia con il calendario ortodosso, mentre il nuovo calendario, purtroppo, ne rende una parte totalmente irrilevante e obbliga a periodici cambiamenti delle istruzioni liturgiche perché il libro continui ad avere senso.

 
 30/04/2014    

Un altro doppio arcobaleno sopra la nostra chiesa

  Опубликовано: Padre Ambrogio / Смотреть >  Открыть новость блога
 

appena un anno fa (nel post del blog del 23 maggio 2013) abbiamo pubblicato le foto di un doppio arcobaleno sulla nostra chiesa ; il fenomeno si è ripetuto la sera del 29 aprile 2014. Ringraziamo Dio per un altro "segno dal cielo", e ammiriamone la bellezza:

 
 29/04/2014    

Sul fallimento dei convertiti nel produrre una cultura ortodossa

  Опубликовано: Padre Ambrogio / Смотреть >  Открыть новость блога
 

Padre Andrew Phillips riflette su circa 50 anni di storia di conversioni all’Ortodossia nel Regno Unito, evidenziandone gli aspetti fallimentari (per ragioni sia sociologiche sia teologiche) che hanno impedito e ritardato lo sviluppo di una cultura ortodossa inglese. Riportiamo le riflessioni di padre Andrew in traduzione italiana nella sezione “Pastorale” dei documenti, nella convinzione che in un certo modo gli stessi problemi si possono presentare anche dalle nostre parti: quello che si è (purtroppo) verificato con le rimanenze di cultura anglicana un tempo prevalente in Gran Bretagna, si può verificare altrettanto con le rimanenze di cultura cattolico-romana un tempo prevalente in Italia.

 
 29/04/2014    

Chi ha voluto la morte dell'Ucraina?

  Опубликовано: Padre Ambrogio / Смотреть >  Открыть новость блога
 

Il 16 marzo la Crimea ha fatto la sua scelta, con il voto dell'83% degli aventi diritto e il 96% degli assensi. Per tutta risposta, la giunta di Kiev il 26 aprile ha chiuso i canali dell’acqua verso la Crimea, ottenendo con tale rappresaglia la distruzione dei prossimi raccolti di riso nella penisola e un posto privilegiato nei ricordi dei crimeani e dell’opinione pubblica mondiale.

Il 7 aprile è stata dichiarata la Repubblica Popolare di Donetsk.

Il 24 aprile la Rus' Carpatica ha dichiarato l'indipendenza (il referendum regionale del 1 dicembre 1991, ignorato e insabbiato da Kiev per tutti questi anni, aveva espresso con il 76,8% dei voti la scelta dell'autonomia locale).

Il messaggio  di sostegno del 26 aprile dalle piazze di Odessa è abbastanza chiaro.

Il 27 aprile è stata dichiarata la Repubblica Popolare di Lugansk.

A sentire la stampa generalista occidentale, pare che queste regioni (tra le più ricche, colte, produttive e pluraliste dell'Ucraina, certamente molte tacche al di sopra delle regioni galiziane da cui è stato sostenuto il putsch di Kiev) siano covi di beceri terroristi separatisti. Bisognerebbe che chi avanza queste idee ai confini della realtà ci facesse anche sapere dove sono stati in 23 anni di indipendenza ucraina tutti questi elementi così negativi, perfino in Transcarpazia, dove si è continuato pacificamente per tutto il tempo a non chiedere altro che l'autonomia regionale della popolazione russina, con diritti che l'Unione Europea concede statutariamente a tutte le proprie minoranze etno-linguistiche.

Perché tutte queste popolazioni non hanno protestato in tutti questi anni? Magari perché il sistema federativo ucraino non era poi così male, finché un governo golpista non ha cominciato a cambiarlo con la forza (con i metodi che nella storiografia e politologia corrente sono comunemente chiamati fascismo). Le ribellioni popolari odierne sono l'espressione della maggioranza della popolazione ucraina. Quando diciamo di voler sostenere l'Ucraina (e in sé l'idea è giusta!), QUALE Ucraina vogliamo sostenere?

 
 29/04/2014    

L'arcivescovo Stefan richiede la ripresa dei dialoghi per ristabilire la comunione della Chiesa ortodossa macedone

  Опубликовано: Padre Ambrogio / Смотреть >  Открыть новость блога
 

Il primate della Chiesa ortodossa macedone, l'arcivescovo Stefan, ha inviato lettere al patriarca Bartolomeo di Costantinopoli, al patriarca Kirill di Mosca e al patriarca Irinej di Serbia, dichiarando la disponibilità della Chiesa ortodossa macedone a riaprire i dialoghi per il ritorno nella comunione ortodossa.

Come principale condizione per la ripresa dei dialoghi, la Chiesa ortodossa serba richiede il rilascio dell'arcivescovo Jovan di Ohrid, detenuto ormai da lungo tempo dalle autorità macedoni per ragioni di politica ecclesiastica.

 
 28/04/2014    

Riflessioni sulla “Liturgia battesimale”

  Опубликовано: Padre Ambrogio / Смотреть >  Открыть новость блога
 

Le manipolazioni dei riti della millenaria tradizione della Chiesa sono di solito operazioni molto rischiose. Uno di questi tentativi, compiuto nel XX secolo nella chiesa greca e a cavallo del Millennio da una delle università teologiche di Mosca, è il “rito della Liturgia battesimale”, che combina insieme le funzioni della Divina Liturgia e del battesimo e della cresima. Alcuni dei nostri più onesti e competenti corrispondenti, come lo ieromonaco Petru (Pruteanu), pur riconoscendo che questi riti sono delle totali innovazioni, sembrano ammetterne almeno una legittimità pastorale. Altri sono invece di tutt’altro avviso, e oggi vi presentiamo proprio uno dei saggi più critici, molto lungo e completo. L’autore di questo saggio pubblicato sul sito Blagodatnyj Ogon’ è l’arciprete Konstantin Bufeev (nella foto), rettore della chiesa della Dormizione della Madre di Dio ad Arkhangel'skoe-Tjurikovo. Le considerazioni di padre Konstantin, che riportiamo nell’originale russo e in traduzione italiana nella sezione “Preghiera” dei documenti, dovrebbero farci riflettere sul valore dell’Ortodossia che si è conservata nei secoli, prima di avanzare pretese al suo “miglioramento”.

 
 28/04/2014    

Monito del metropolita Pavel agli istigatori della crisi ucraina

  Опубликовано: Padre Ambrogio / Смотреть >  Открыть новость блога
 

Il metropolita Pavel, capo dell’Esarcato ortodosso di Belarus’, ha espresso alcune parole severe ma profonde a proposito della crisi ucraina, ricordando agli istigatori della crisi (che non necessariamente si trovano in Ucraina) il giudizio di Dio. Presentiamo il testo delle parole del metropolita Pavel in russo e in italiano nella sezione “Figure dell’Ortodossia contemporanea” dei documenti.

 
 27/04/2014    

Due anni dal rinnovo del sito

  Опубликовано: Padre Ambrogio / Смотреть >  Открыть новость блога
 

Mentre l'anno scorso (si veda la voce del blog del 22 maggio 2013) abbiamo annunciato con gioia una media di 2.000 visitatori al mese per il primo anno del sito rinnovato (ovvero circa 24.000 accessi unici complessivi), il giorno di Pasqua 2014 ha visto il nostro contatore superare i 90.000 accessi unici: il secondo anno di attività del sito ha visto quindi 66.000 visitatori, per una media di 5.500 visitatori al mese, o di 183 visitatori al giorno. Se qualcuno di chi ci legge è tra i responsabili di una chiesa, o anche solo frequenta una chiesa, si chieda che effetto ci sarebbe se la sua chiesa fosse visitata quotidianamente da oltre centottanta persone... e potrà capire perché ci teniamo a fare in modo che questo sito sia una presenza sempre aggiornata e attiva del cristianesimo ortodosso in rete.

Visto che, palesemente, neppure in due anni di attività continua abbiamo detto tutto quel che c'è da dire sulla Chiesa ortodossa, prevediamo che possa esserci ancora un'ulteriore crescita di interesse e di flusso di visite.

Ringraziamo tutti quelli che già ci visitano, assiduamente o anche saltuariamente, e che ci inviano commenti, notizie interessanti e spunti per lavori futuri. Ringraziamo anche tutti quelli che hanno fatto o vorranno fare collegamenti al nostro sito, e hanno preso o vorranno prendere spunto da materiale qui presente per altre forme di collaborazione.

 
 27/04/2014    

Perché non ci sarà ancora una terza guerra mondiale

  Опубликовано: Padre Ambrogio / Смотреть >  Открыть новость блога
 

“Sentirete poi parlare di guerre e di rumori di guerre. Guardate di non allarmarvi” (Mt. 24,6) Come cristiani, la nostra attitudine verso le guerre (ancor più quelle annunciate da chi sembra a caccia di popolarità mediatica) dovrebbe essere di grande calma e di fiducia in Dio. Tuttavia è legittimo anche domandarsi (soprattutto nella domenica che la Chiesa dedica ai legittimi dubbi dell’Apostolo Tommaso) se non stia giungendo la fine... un articolo di Padre Andrew Phillips, che riportiamo in traduzione italiana nella sezione “geopolitica ortodossa”, ci spiega come possiamo scartare quello che in questi giorni è propagandato come scenario ucraino dell’Apocalisse.

 
index.php?id=204&locale=ru&blogsPage=1 index.php?id=204&locale=ru&blogsPage=203   <200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221> из 267  index.php?id=204&locale=ru&blogsPage=205 index.php?id=204&locale=ru&blogsPage=267